1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4689505
    "C'è Roma-Napoli, via le divisioni. E via i coltelli"

    Il tecnico giallorosso scrive al quotidiano capitolino.

    Luciano Spalletti, ovvero una persona non banale. La sua lettera pubblicata a piena pagina (la prima) del Romanista nel sabato di "sosta" del nostro campionato. Ha un vero significato, importantissimo, morale e sportivo.

    Parla di Roma-Napoli, della partita che sarà e che torna a giocarsi dopo tanti anni, Spalletti. E lo fa aprendosi ai tifosi e a tutti gli appassionati di questo sport, con la voglia di preservare uno spirito fondamentale per la corretta riuscita dell'evento che si terrà tra una settimana. "Stavolta la partita la voglio giocare anche sugli spalti - ha scritto Spalletti - E' una gara difficile contro la violenza, a un avversario che non molla mai e per vincere ho bisogno di voi, tifosi e sportivi di Roma e Napoli.

    Torna finalmente dopo tanti anni una classica che abbraccia le due tifoserie più appassionate del centro sud, che troppo spesso si sono viste associate a fatti di cronaca nera. Non voglio abituarmi a considerare "normale" la presenza di polizia in assetto di guerra allo stadio. Non voglio abituarmi a considerare "normale" l'assenza di bambini allo stadio, tenuti lontani da gabbie di protezione come se fossimo allo zoo".

    Il discorso dell'allenatore punta anche sull'aspetto più duro, quello delle armi portate allo stadio e del comportamento da tenere per sorridere per una vittoria. "Noi i coltelli non li vogliamo: servono a tavola, ma sono di alcuna utilità per andare allo stadio. Le vittorie sportive si costruiscono dall'alto delle gradinate sino a dentro al campo, lo stesso deve essere per questa partita.

    Per questo ho pensato che fossimo davanti all'occasione giusta per avviare, tutti insieme, un percorso che porti all'eliminazione di ogni divisione, barriera, ideale o materiale. E senza di voi questo non è possibile...".
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4689506
    Originally posted by lucafiQo
    [B]"C'è Roma-Napoli, via le divisioni. E via i coltelli"

    Il tecnico giallorosso scrive al quotidiano capitolino.

    Luciano Spalletti, ovvero una persona non banale. La sua lettera pubblicata a piena pagina (la prima) del Romanista nel sabato di "sosta" del nostro campionato. Ha un vero significato, importantissimo, morale e sportivo.

    Parla di Roma-Napoli, della partita che sarà e che torna a giocarsi dopo tanti anni, Spalletti. E lo fa aprendosi ai tifosi e a tutti gli appassionati di questo sport, con la voglia di preservare uno spirito fondamentale per la corretta riuscita dell'evento che si terrà tra una settimana. "Stavolta la partita la voglio giocare anche sugli spalti - ha scritto Spalletti - E' una gara difficile contro la violenza, a un avversario che non molla mai e per vincere ho bisogno di voi, tifosi e sportivi di Roma e Napoli.

    Torna finalmente dopo tanti anni una classica che abbraccia le due tifoserie più appassionate del centro sud, che troppo spesso si sono viste associate a fatti di cronaca nera. Non voglio abituarmi a considerare "normale" la presenza di polizia in assetto di guerra allo stadio. Non voglio abituarmi a considerare "normale" l'assenza di bambini allo stadio, tenuti lontani da gabbie di protezione come se fossimo allo zoo".

    Il discorso dell'allenatore punta anche sull'aspetto più duro, quello delle armi portate allo stadio e del comportamento da tenere per sorridere per una vittoria. "Noi i coltelli non li vogliamo: servono a tavola, ma sono di alcuna utilità per andare allo stadio. Le vittorie sportive si costruiscono dall'alto delle gradinate sino a dentro al campo, lo stesso deve essere per questa partita.

    Per questo ho pensato che fossimo davanti all'occasione giusta per avviare, tutti insieme, un percorso che porti all'eliminazione di ogni divisione, barriera, ideale o materiale. E senza di voi questo non è possibile...". [/B]


    :approved:

    Famo 1-1 e tutti a casa 'a Lucià.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4689508
    Originally posted by LaBiRiNtO
    Te piacerebbe eh ? :cool:


    :yy: :help: :ninja:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4689509
    Un capoultrà Roma: «La lettera di Spalletti? Faccia solo l’allenatore»

    «Altro che Roma-Napoli a braccia aperte, basta buonismo»

    Giuliano Castellino, 31 anni, fondatore del gruppo Padroni di casa, ultimo nato tra quelli in curva Sud (lo striscione è posizionato sulla parte bassa della vetrata), che opinione si è fatto di Roma-Napoli? «Solito teatrino italiano. Tutti parlano tranne i diretti interessanti, che forse, giustamente, sulla vicenda preferiscono calare un velo pietoso».

    E i diretti interessati cosa dicono? «Che è ridicolo che non si riesca più a vedere una giornata del Campionato libera da provvedimenti e restrizioni».

    Il nostro quotidiano ha titolato: "Roma-Napoli a braccia aperte". Utopia? «Sì».

    Perché? «Devo dirvelo? Basta con il buonismo e la demagogia. Roma-Napoli non può essere una partita a braccia aperte».

    Spalletti ha fatto un appello preciso: "Allo stadio non si va con i coltelli". «Io credo che l’allenatore debba fare l’allenatore, il giocatore il giocatore e il tifoso il tifoso. Noi dei Padroni di casa andremo allo stadio a sostenere la Roma. E basta. Naturalmente, non tollereremo violenze in casa nostra».

    È vero che la curva si riconosce più in De Rossi che in Totti? «Diciamo che la vena esplosiva di Daniele dopo i gol della Roma ci piace davvero tanto. E poi Daniele è ancora libero dalle "amicizie importanti" di Totti...».

  Lettera di Spalletti ai tifosi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina