1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4691594
    MADRID, 15 ottobre 2007 - Sono scese in campo con la divisa in assoluto meno costosa ma dall'impatto ineguagliabile: quella del nude-look. Così le ragazze del Torrejon, serie A del calcio femminile spagnolo, si sono offerte qualche giorno fa all'obiettivo della rivista Interviù (imitando tra l'altro le giocatrici di pallamano della Orsan Elda Prestige), ma l'esibizionismo c'entra poco: l'intento principale era infatti di "esibire" le dure condizioni di vita delle calciatrici iberiche, anche ai massimi livelli, e soprattutto di trovare uno sponsor.
    GOL SFIORATO - Ebbene finora, a quanto riferisce El Pais, il gol è stato solo sfiorato. Le forme delle ragazze mostrate sul terreno di gioco, con tanto di sfoggio di gesti tecnici come il calcio piazzato, hanno sì attirato stampa, siti internet, radio e tv, ma di sponsor per ora manco l'ombra. Ed è triste per un gruppo di giovani impiegate, commesse o cameriere che condividono la passione per il calcio e i sacrifici per allenarsi, e il cui "ingaggio", 150 euro, basta a malapena per le spese di trasporto. Quanto alla società, il budget fatica a reggere le spese per le strutture, i materiali e le trasferte. Trasferte spartanissime, peraltro: con l'aereo rigorosamente bandito, si va in treno, anche per 11 ore. Come l'ultima volta, quando le ragazze del Torrejon sono arrivate a destinazione distrutte, e hanno puntualmente perso.
    SPERANZA - Così è montata la loro rabbia, soprattutto nel confronti del calcio dell'altro sesso: "Ci siamo spogliate a sostegno non solo del nostro club - dicono - ma di tutto il calcio femminile. La disparità di mezzi e di soldi con gli uomini, pur tenendo conto di tutte le differenze, è esorbitante". Comunque, al Torrejon la speranza è l'ultima a morire. La visibilità mediatica è stata robusta, e l'agognato sponsor può sempre arrivare. Per ora hanno ricevuto l'offerta di posare per un calendario. E questa volta vestite.
    TUTTO IL MONDO E' PAESE - Del resto, tutto il mondo è paese anche per le donne del pallone. Nel sanno qualcosa le giocatrici del Francoforte, che recentemente hanno dovuto lasciare la loro Germania (neo-campione del mondo di calcio femminile) per un paio di partite in Belgio, a Wezemaal (vicino a Bruxelles). Stando a quanto riferisce la Bild Zeitung, ad accoglierle hanno trovato un albergo con camere di dimensioni più piccole di quelle di una cella. E poi uno spogliatoio nel centro del quale troveggiava un WC chimico che emanava un odore insopportabile. "Le ragazze l'hanno presa sul ridere" ha raccontato il loro tecnico. Ma finiti gli impegni calcistici non si sono fermate in Belgio un minuto di più del necessario.

    http://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/Primo_Piano/2007/10_Ottobre/15/donnetorrejon.shtml
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Le giocatrici del Torrejon

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina