1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4691882
    Roma, 17 ott. (Adnkronos Salute) - "Le persone di colore africane sono meno intelligenti dei bianchi". Questa l'affermazione shock pronunciata non da una persona qualunque, ma dal premio Nobel per la medicina, il genetista James Watson (nella foto). Lo scienziato, che ha svelato i segreti del Dna, ha spiegato, durante un ciclo di visite nel Regno Unito per la presentare un suo libro, che "la teoria secondo cui la capacità raziocinante è uguale per tutti gli uomini, è falsa".

    Le frasi finite sotto accusa sono riportate dal quotidiano britannico 'The Indipendent', e riaprono antiche e mai sopite dispute sui presunti livelli di intelligenza dell'uomo a seconda dell'etnia di appartenenza. "Le politiche occidentali nei confronti dei Paesi africani - ha detto il 79enne Watson, parlando del rapporto tra scienza e 'razze' - sono basate su un errore di fondo. Cioè sull'assunzione che le persone di colore sono tanto intelligenti quanto i bianchi. Mentre i risultati nei test rivelerebbero il contrario". E come se non bastasse, ha aggiunto che "entro una decina d'anni saremo in grado di identificare i geni responsabili delle differenze tra le intelligenze". Per poi dare il colpo di grazia al 'politically correct' affermando: "Chiunque abbia avuto a che fare con un impiegato di colore sa che non è vero che tutti gli uomini sono uguali".

    Un punto di vista che anticiperebbe frasi contenute nel libro di prossima pubblicazione a firma di Watson: 'Avoid boring people: lessons from a life in science'. Scorrendo le pagine si legge: "Non c'è alcuna solida ragione per affermare che le capacità intellettuali di popolazioni separate geograficamente nella loro evoluzione si siano sviluppate in maniera identica. La nostra volontà di assegnare a tutti, in maniera uguale, le medesime capacità intellettive non è sufficiente a provare che si tratti della realtà". Tutte affermazioni 'bomba' che la Equality and Human Rights Commission ha detto di voler analizzare nella loro interezza per decidere se si tratti o meno di espressioni di razzismo.

    E' un fatto, però, che le frasi di Watson riaccendono un dibattito scientifico aperto nel 1990 dal libro 'The Bell Curve', scritto tra gli altri dallo scienziato Usa Charles Murray. In quel volume si sosteneva, come oggi da Watson, che la genetica determina anche differenti quozienti intellettivi. E dunque le differenti etnie hanno intelligenze diverse. Allora come ora anche la comunità scientifica stigmatizza queste dichiarazioni, bollandole come non scientifiche, prive di fondamento e in realtà frutto di pregiudizi personali.

    Il genetista oggi nella bufera non è nuovo però a dichiarazioni 'eretiche'. La comunità scientifica mondiale, pur riconoscendogli il merito di aver aperto la strada della genetica, lo ha sempre considerato una 'testa calda'. Solo dieci anni fa Watson aveva sostenuto che "se fosse possibile avere un test genetico in grado di determinare l'orientamento sessuale del feto, l'aborto sarebbe giustificabile qualora la futura mamma dovesse scoprire che il bambino sarebbe omosessuale". Una frase che cercò di stemperare definendo "ipotetica" la scelta della donna "che non sarà mai possibile attuare". E ancora, il genetista avrebbe teorizzato un collegamento tra l'attività sessuale e il colore della pelle. Secondo questa ipotesi "le persone di colore hanno una maggiore libido". Altra frase a effetto targata Watson, quella secondo cui, prima o poi, "sarà possibile curare la stupidità grazie allo screening e all'ingegneria genetica". E gli possono essere attribuiti anche sconfinamenti vagamente sessisti secondo cui "nel futuro potrebbe diventare realtà la manipolazione dei geni in modo da far nascere solo ragazze belle".

    http://it.notizie.yahoo.com/adnkxml/20071017/tts-watson-shock-neri-africani-meno-inte-c8abaed_1.html

    :rolleyes: :eek: :muhehe:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  2.     Mi trovi su: Homepage #4691883
    Essere intelligente e secchione non vuol dire automaticamente essere una persona decente

    è solamente uno dei tanti intelligentoni che usano il proprio cervello o per sentirsi superiori oppure per tentare di guadagnare più denaro e notorietà possibile .. niente di nuovo sotto il sole ... solo spazzatura
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4691885
    Originally posted by massituo
    sinceramente non capisco cosa abbia detto di male. Ogni razza ha le proprie caratteristiche. Poi ovviamente si parla di media, non si parla in modo assoluto.


    Il concetto di fondo può anche essere sensato: geneticamente siamo un "pool" unico ma ogni razza ha caratteristiche diverse (non se avete fatto caso al fisico degli atleti neri, per capirsi... :asd: ). Però per essere una tesi scientifica ha bisogno di qualche dato. Detta così (poi dicendo che se uno ha avuto un dipendente nero lo sa, dai...), con quella storia di boutade alle spalle e via dicendo non ha più valore appunto di ciò che possiamo pensare noi a prescindere dalle parole di uno scienziato.
  4. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4691886
    Originally posted by ScudettoWeb
    Il concetto di fondo può anche essere sensato: geneticamente siamo un "pool" unico ma ogni razza ha caratteristiche diverse (non se avete fatto caso al fisico degli atleti neri, per capirsi... :asd: ). Però per essere una tesi scientifica ha bisogno di qualche dato. Detta così (poi dicendo che se uno ha avuto un dipendente nero lo sa, dai...), con quella storia di boutade alle spalle e via dicendo non ha più valore appunto di ciò che possiamo pensare noi a prescindere dalle parole di uno scienziato.


    infatti l'unica cosa che si può asserire con certezza è la netta superiorità fisica (ci sono studi su fibre muscolari e simili) dei neri per il resto francamente sono boiate... come il calcolo del QI!


    mi sa che fondamentalmente il tipo è un pò represso per le dimensioni del suo reale augello! ;)
  5. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4691888
    Originally posted by wfw
    infatti l'unica cosa che si può asserire con certezza è la netta superiorità fisica (ci sono studi su fibre muscolari e simili) dei neri per il resto francamente sono boiate... come il calcolo del QI!


    Non è vero. Il calcolo del QI ha senso per determinate cose e non è che siccome una razza ci è superiore allora la genetica va bene, ma se ci è inferiore (se mai lo fosse) allora la genetica è razzismo. :)
  6.     Mi trovi su: Homepage #4691891
    Originally posted by massituo
    sinceramente non capisco cosa abbia detto di male. Ogni razza ha le proprie caratteristiche. Poi ovviamente si parla di media, non si parla in modo assoluto.


    infatti qualche Lumbard, riferendosi ai napoletani, potrebbe dire la stessa cosa ..
    o qualche tedesco riferendosi agli italiani

    Chiunque abbia avuto a che fare con un impiegato di colore sa che non è vero che tutti gli uomini sono uguali

    per tutti coloro frasi di questo genere sono solo normali e non riferite a tutti .. io invece penso che uno che dice e pensa queste cose sia, come già scritto, solo una spazzatura.

    --------------------

    e per entrare nello specifico: ho letto alcune tesi in risposta ai presunti studi di questo omuncolo e sono alcquanto logiche: SE veramente ci fosse una differenza di qualità intellettive tra le diverse razze, NON potrebbero mai essere di natura genetica (anche perchè l'essere umano ha cominciato ad evolversi proprio in Africa, nella Rift Valley) ma solo causate dalla Storia, cioè dal diverso cammino storico che hanno avuto razza bianca e nera.

    Quindi non solo sarebbe uno squallido razzista della peggiore specie o un uomo di Imelda disposto a tutto per avere notorietà, ma anche un ciarlatano
  7.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4691892
    Originally posted by common
    infatti qualche Lumbard, riferendosi ai napoletani, potrebbe dire la stessa cosa ..
    o qualche tedesco riferendosi agli italiani

    Chiunque abbia avuto a che fare con un impiegato di colore sa che non è vero che tutti gli uomini sono uguali

    per tutti coloro frasi di questo genere sono solo normali e non riferite a tutti .. io invece penso che uno che dice e pensa queste cose sia, come già scritto, solo una spazzatura.

    --------------------

    e per entrare nello specifico: ho letto alcune tesi in risposta ai presunti studi di questo omuncolo e sono alcquanto logiche: SE veramente ci fosse una differenza di qualità intellettive tra le diverse razze, NON potrebbero mai essere di natura genetica (anche perchè l'essere umano ha cominciato ad evolversi proprio in Africa, nella Rift Valley) ma solo causate dalla Storia, cioè dal diverso cammino storico che hanno avuto razza bianca e nera.

    Quindi non solo sarebbe uno squallido razzista della peggiore specie o un uomo di Imelda disposto a tutto per avere notorietà, ma anche un ciarlatano
    gli africani corrono di piu per la loro storia eh...non per altro...ovvio che l'evoluzione è influenzata da fattori esterni. scusa ma che discorsi sono?:asd:
  8. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4691893
    Originally posted by ScudettoWeb
    Non è vero. Il calcolo del QI ha senso per determinate cose e non è che siccome una razza ci è superiore allora la genetica va bene, ma se ci è inferiore (se mai lo fosse) allora la genetica è razzismo. :)



    no no io vedo ad esempio l'atletica, le olimpiadi, parlo di stastiche alla mano a parità di mezzi, visto che li conta solo il tuo fisico e non gli studi a cui uno può o meno accedere....

    per me il calcolo del QI è davvero discutibile per nn dire altro!
  9. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4691894
    Originally posted by common
    SE veramente ci fosse una differenza di qualità intellettive tra le diverse razze, NON potrebbero mai essere di natura genetica (anche perchè l'essere umano ha cominciato ad evolversi proprio in Africa, nella Rift Valley) ma solo causate dalla Storia, cioè dal diverso cammino storico che hanno avuto razza bianca e nera.


    Non è necessariamente vero. Allora, magari non tutti lo sanno, ma l'uomo si è evoluto da un gruppo di individui straordinariamente ridotto, concentrato proprio in Africa peraltro (non saprei se è la valle citata sopra però). Di fatto, tutti noi oggi discendiamo da un ridotto nucleo. Questo però non impedisce due cose. Non impedisce di parlare di razze (sarà mica un'offesa fare una catalogazione scientifica basata sulla geografia e sui ceppi etnici...) e non esclude che il DNA abbia subito mutamenti sostanziali. Per capirsi, buona parte del nostro DNA è inusato, avanzo dell'evoluzione e delle nostre mutazioni. Però, come dicevo, essendo scienza servirebbe qualche prova, qualche tesi e qualche confutazioni delle stesse...
  10. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4691895
    Originally posted by wfw
    no no io vedo ad esempio l'atletica, le olimpiadi, parlo di stastiche alla mano a parità di mezzi, visto che li conta solo il tuo fisico e non gli studi a cui uno può o meno accedere....

    per me il calcolo del QI è davvero discutibile per nn dire altro!


    Non so, non mi sembra un discorso spiccatamente scientifico. :asd: Per carità, anche io penso che il solo QI non sia un valore interessante, ma fra dire questo e dire "Embeh, ma lo vedi pure tu che so' più grossi!" c'è un pochino di differenza. :asd:
  11. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4691896
    Originally posted by ScudettoWeb
    Non è vero. Il calcolo del QI ha senso per determinate cose e non è che siccome una razza ci è superiore allora la genetica va bene, ma se ci è inferiore (se mai lo fosse) allora la genetica è razzismo. :)
    posso metterla nella firma questa frase?:asd:
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:

  Watson 'Shock': ''Neri Africani Meno Intelligenti Di Bianchi''

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina