1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4693522
    Falli e nervosismo, non è più lui

    Nonostante la Juve sia la squadra che, più di tutte, è in grado di tenere il ritmo dell'Inter, Pavel Nedved non è felice per le proprie prestazioni. L'espulsione rimediata a fine gara a cui va aggiunto il nervosismo mostrato in più di una circostanza, non solo in questa stagione, ma più in generale negli ultimi mesi, manifesta la frustrazione per non esssere incisivo come in passato. Il ceco è alla ricerca di se stesso.

    Gli anni passano, il desiderio di appendere le scarpe al chiodo probabilmente non lo ha abbandonato, ma è stato accantonato alomeno per un po'. Aveva pensato di chiudere la stagione prima ancora di iniziarla, ma poi, la voglia di essere ancora protagonista con la maglia bianconera ha prevalso ed allora Pavel Nedved ha deciso di continuare. Non esistono mezze misure per il ceco, nelle prestazioni sempre al massimo della condizione psico-fisica. Ed invece l'avvio di stagione del biondo centrocampista dice il contrario. Partite non all'altezza della sua fama e un nervosismo che se prima era latente e più facilmente controllabile, ora spesso, e poco opportunamente, viene fuori anche per i motivi più futili.

    Semplice frustrazione per non riuscire ad esprimersi sugli standard abituali di rendimento. Le entrate, spesso in ritardo, le proteste e i cartellini rossi rimediati negli ultimi mesi denotano un senso di impotenza da parte del ceco rispetto al suo stato di forma. Inoltre, per chi ha fatto della forza fisica una costante della sua carriera, l'età, 35 anni, non aiuta. Ranieri, tuttavia, è convinto che Nedved possa ancora dare il suo contributo alla causa. Ora è compito del ceco riflettere sull'ennesima, inutile, espulsione e riprendere a correre, come ha sempre fatto in passato, con il gusto di giocare per vincere.

  Nedved, la furia non è più "ceca"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina