1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4704065
    Risultati modesti, ma progetti ambiziosi per il nuovo Queens Park Rangers firmato Flavio Briatore, e probabilmente sottoscritto anche da Antonio Giraudo. Bocche cucite al club londinese, la consegna è il silenzio: così non arriva nessuna conferma nè smentita sul ruolo dell'ex dirigente della Juve, squalificato italiano ma attivo sul mercato immobiliare londinese, secondo i ben informati. Mentre oggi la squadra allenata da De Canio ha pareggiato 1-1 in casa del Crystal Palace, mantenendo la quart'ultima piazza della Premier League (ma ha ottenuto 7 punti nelle ultime tre giornate), il suo patron italiano ne sta pensando un'altra. C'è un nuovo, futuribile progetto sul quale però Briatore mantiene il massimo riserbo, un trasloco del club a New York, dove si giocherebbero le partite casalinghe del QPR.

    Mentre da tempo - per la precisione dal giorno dopo l'acquisto del QPR da parte del consorzio guidato dall'amico Flavio Briatore - si vocifera di un coinvolgimento di Giraudo nella società inglese, l'ex dirigente Juve declina con fermezza ogni richiesta di intervista, e a Londra si trincera dietro un impenetrabile riserbo. La sua assidua presenza sulle tribune del Loftus Road, in occasione di ogni gara casalinga dei QPR, non può passare ovviamente inosservata. Ufficialmente Giraudo non possiede quote del club né ricopre incarichi dirigenziali. Ma è verosimile credere che le sue frequenti visite non siano solo gesti di amicizia verso Briatore.

    Seppur confinato nei bassi fondi della seconda divisione inglese, la nuova proprietà fin da subito ha voluto rilanciare le proprie ambizioni del club: salvezza il primo anno, promozione in Premiership la prossima stagione. Un progetto che richiede massicci investimenti oltreché una società solida alle spalle. Quello che Briatore, però, non ha ancora rivelato è un piano ben più ambizioso per i QPR: il trasloco a New York. Un'idea per il momento solo teorica ma che presto, anche grazie all'aiuto di Giraudo, potrebbe trasformarsi in qualcosa di più concreto.

    La priorità al momento è rafforzare il club in ogni suo settore e risalire al più presto nella massima divisione. Solo allora si potrà cominciare a sognare, seguendo l'esempio della Nfl, che la scorsa settimana ha fatto disputare una gara di campionato, Miami Dolphins contro New York Giants, allo stadio Wembley di Londra. Il piano di Briatore è ancora più ambizioso: allargare i confini sportivi, ma soprattutto economici, della Premiership, traslocando i QPR negli Stati Uniti. Finora, al di là di qualche sussurro e indiscrezione, non c'è nulla di concreto.

    Gli ostacoli, non solo logistici, non mancano, a partire dalla prevedibile opposizione di Fifa e Uefa. Ma è anche vero che la Premier League è stata tradizionalmente all'avanguardia nella commercializzazione del suo campionato, e che di recente i giornali inglesi hanno costruito inchieste sulla nuova metropoli intercontinentale Nylo, ovvero la fusione virtuale tra New York e Londra. Da parte sua, Giraudo, con la sua esperienza internazionale, potrebbe ricoprire un ruolo in questa trasformazione

    http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id=79961

    Presto scoppierà Socceropoli.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Queens Park Rangers: arriva Antonio Giraudo?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina