1.     Mi trovi su: Homepage #4704941
    Il club toscano ha rescisso il contratto con Andrea Mandorlini, che paga la sconfitta casalinga di ieri contro il Livorno e l'ultimo posto in classifica, ed ha affidato la squadra all'ex allenatore del Parma

    SIENA, 12 novembre 2007 - E' terminato a Roma il summit fra l'amministratore delegato Giovanni Lomradi Stronati, il direttore sportivo Manuel Gerolin e il direttore generale Roberto Zanzi: rotto il rapporto contrattuale con Andrea Mandorlini, Mario Beretta ha vinto la concorrenza di Zeman, Malesani e Sonetti e torna sulla panchina del Siena. Ieri la squadra era stata sconfitta in casa dal Livorno (2-3) ed è ultima in classifica a quota 9, insieme ad altre quattro squadre.

    IL COMUNICATO - "L’A.C. Siena e Andrea Mandorlini hanno deciso, di comune intesa ed alla luce degli ultimi scenari configuratisi, di non proseguire nel rapporto di lavoro e di addivenire ad una risoluzione consensuale del contratto. La Società esprime al Sig. Mandorlini la propria stima e lo ringrazia per il lavoro svolto. La squadra da domani sarà affidata al Sig. Mario Beretta legato alla Società da un precedente rapporto contrattuale".
  2.     Mi trovi su: Homepage #4704942
    Beretta, mister salvezza
    "Così terrò il Siena in A"


    Il tecnico milanese torna in Toscana con un progetto ambizioso: "La permanenza nel massimo campionato è alla nostra portata, e valorizzeremo anche tanti giovani. Ho il vantaggio della conoscenza della rosa. Gli screzi passati? Succede anche nelle migliori famiglie"

    SIENA, 13 novembre 2007 - Prima giornata senese per Mario Beretta, richiamato ad allenare la società bianconera al posto dell'esonerato Andrea Mandorlini: aveva lasciato la squadra nello scorso giugno (nonostante un altro anno di contratto), dopo la conquista della salvezza. Adesso, per risollevare una squadra reduce dalla brutta sconfitta nel derby con il Livorno e con una sola vittoria all'attivo, torna per provare a bissare il successo dello scorso anno. "Speriamo - queste le sue prime parole - che la storia continui da dove abbiamo finito, cioè dalla salvezza. Credo in questa rosa e credo che la salvezza sia alla nostra portata. Questo è il nostro primo obiettivo, anche se cercheremo pure di valorizzare i tanti giovani. Sono tornato volentieri perché qui a Siena sono stato bene, al di là di alcuni screzi che accadono pure nelle migliori famiglie".

    APPELLO AI TIFOSI - Beretta ha chiamato a raccolta i tifosi, che domenica dopo il Livorno hanno duramente contestato la società: "Servirà il contributo di tutti, anche loro ci dovranno dare una mano, magari incitando invece di fischiare quando qualche giocatore dovesse sbagliare". Per il momento il tecnico milanese non parla di moduli: "Ho visto solo una partita del Siena, quella a Roma (finita 3-0 per i giallorossi, ndr), dobbiamo prima fare le nostre valutazioni. Certo, conosco gran parte della rosa e questo è un vantaggio perché possiamo ripartire da un sistema di gioco utilizzato e assimilato lo scorso anno. Ma poi dovremo come inserire gli elementi arrivati questa estate". Decisivo per la scelta di Beretta da parte del Siena è stato il parere dei "senatori" della squadra. "Non ho avuto modo di saperlo - dice Beretta - ma è una cosa che fa piacere, vuol dire che si è lavorato bene". Il tecnico era stato "scartato" lo scorso giugno in favore di Mandorlini. Poi, dopo 12 giornate, è stato richiamato.

  Siena, torna Beretta

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina