1.     Mi trovi su: Homepage #4705904
    Nella coppa del Mondo in Giappone, decima vittoria e nono 3-0 (27-25, 25-19, 25-16 i parziali) per l'Italia che travolge Cuba e si assicura la qualificazione olimpica

    NAGOYA (Giappone), 15 novembre 2007 - La decima gara della coppa del Mondo è quella che per l’Italia vale la terza qualificazione olimpica, ma è anche la partita di Tai Aguero contro il suo passato, le sue amicizie, la sua terra. Una partita che non può e non deve essere come le altre, infatti Tai la vive molto diversamente, mentre ascolta l’inno cubano, mentre si prepara a scendere in campo. Poi s’inizia a giocare e per le azzurre gioca lo stesso sestetto che ha travolto il Brasile 24 ore prima, con Francesca Ferretti al posto di Leo Lo Bianco, che triste in tuta (ha un problema alla schiena) guarda le compagne scaldarsi.

    PRIMO SET - L’Italia inizia malino, un po’ contratta, non riesce a fare il proprio gioco, Cuba si esalta e vola sul 10-7, ma con la difesa e i muri della Barazza le azzurre iniziano la rimonta e prendono in mano il set. Si vede, però, che è un giorno particolare e quando sono 23 a 18 le azzurre si bloccano. La battuta e il muro cubano (gli ultimi due sulla stessa Aguero) rivoltano nuovamente la frazione che sembra non trovare padrone: Cuba annulla 3 setball prima di averne uno a proprio favore, qui torna a esaltarsi la Gioli che con un attacco e subito dopo un muro torna a far sorridere le azzurre (tutte tranne Aguero).

    SECONDO E TERZO SET - Vinto il primo set le italiane si sciolgono e nel secondo prendono il largo con una certa tranquillità: le cubane sbagliano qualcosa, mentre le azzurre in difesa non fanno cadere un pallone, è il 2-0. La partita non cambia fisionomia nella terza frazione: ormai l’Italia è ancora una volta padrona della partita. Cuba che aveva bisogno di questi due punti per continuare a sperare nella qualificazione olimpica, non riesce a tenere il ritmo delle italiane ormai lanciate verso la conquista del trofeo oltre che della decima vittoria consecutiva.

    RECORD - E’ un’Italia da impresa quella che chiude il nono a 3-0, su 10 match giocati, ventesima vittoria consecutiva (non perde dal 7 settembre contro la Turchia), eguagliando così il record – che può essere battuto domani contro gli Stati Uniti – che fu della nazionale maschile di Julio Velasco, quello della Generazione dei Fenomeni. Proprio qui nel 1995 seppe fare lo stesso andando a vincere una coppa del Mondo senza perdere neppure una partita. Punto di unione di queste due squadre Marco Bracci: in campo 11 anni fa e secondo di Massimo Barbolini adesso. L’Italia, con questa squadra, ha una nuova stella da coccolarsi: è aperta la caccia al soprannome…
  2.     Mi trovi su: Homepage #4705905
    Originally posted by Pezzotto
    RECORD - E’ un’Italia da impresa quella che chiude il nono a 3-0, su 10 match giocati, ventesima vittoria consecutiva (non perde dal 7 settembre contro la Turchia), eguagliando così il record – che può essere battuto domani contro gli Stati Uniti – che fu della nazionale maschile di Julio Velasco, quello della Generazione dei Fenomeni. Proprio qui nel 1995 seppe fare lo stesso andando a vincere una coppa del Mondo senza perdere neppure una partita. Punto di unione di queste due squadre Marco Bracci: in campo 11 anni fa e secondo di Massimo Barbolini adesso. L’Italia, con questa squadra, ha una nuova stella da coccolarsi: è aperta la caccia al soprannome…

    :eek: .....grandi! :approved:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4705906
    VOLLEY: ANCHE GLI USA KO, ALLE AZZURRE LA COPPA

    ROMA - Italia schiacciasassi: le ragazze del volley, appena un mese e mezzo dopo la conquista del titolo europeo trionfano in coppa del Mondo e lo fanno in maniera eclatante, collezionando undici vittorie di fila, di cui dieci con il secco punteggio di 3-0, 21 successi consecutivi dall'8 settembre ad oggi, una serie che mai nessuna nazionale italiana di qualsiasi disciplina era mai riuscita a fare. L'Italia di coach Barbolini entusiasma e conquistato il ''pass'' per le olimpiadi di Pechino, si toglie lo ''sfizio'' di aggiungere al suo palmares pure la Coppa del Mondo. E' la prima volta che la nazionale femminile azzurra vince la Coppa del Mondo e lo fa dimostrandosi invincibile, eguagliando il percorso netto che fecero i colleghi maschi nel 1995. Allora quella squadra di Velasco era all'apice del suo splendore, questa squadra invece da la sensazione di essere ancora all'inizio della sua storia, pur avendo gia' in tasca anche un oro continentale.

    Tra la squadra di Barbolini ed il trionfo, c'era solo un sofismo aritmetico, ma l'ultima gara di questa faticosa ed interminabile manifestazione contro gli Stati Uniti, seppur giocata ad un livello inferiore rispetto alle grandi prove offerte nell'arco di quindici giorni ha confermato che questa squadra e' forte in campo, e' forte di testa, ha fame di vincere e non regala niente a nessuno. Contro gli Stati Uniti, il copione si ripete, soprattutto nei primi due set. Nel terzo le azzurre hanno faticato un po', piu' per un calo di concentrazione che altro. Gli Usa con orgoglio hanno cercato di riaprire il match o almeno di portare a casa un parziale, ma non ce l'hanno fatta perche' le azzurre, ancora prive del loro capitano Lo Bianco hanno saputo annullare la palla set alle americane e chiudere perentoriamente con un muro di Jenny Barazza. Il cammino delle azzurre e' esemplare: ad una ad una cadono tutte le avversarie, anche quelle che sulla carta facevano paura. Aguero e compagne vincono con Brasile, Cuba, Polonia, Stati Uniti e contro la Serbia. Le azzurre vincono e soprattutto entusiasmano. E non fa nulla se devono fare i conti con assenze importanti (vedi quella del capitano Lo Bianco). La certezza matematica della vittoria arriva nel primo set con la conquista di quel quarto punto (un errore dell'americana Busse) che assegna la Coppa del Mondo alle azzurre che ieri, contro Cuba aveva centrato la qualificazione olimpica.

  Azzurre senza ostacoli, Pechino è conquistata

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina