1.     Mi trovi su: Homepage #4709726
    Presidente Assoallenatori ironizza: "aumentano posti lavoro"

    ROMA, 27 NOV- ''Con una battuta verrebbe da dire che sono posti di lavoro che aumentano''. Ulivieri e' preoccupato ''per tutti questi esoneri di allenatori''. Il presidente dell'Assoallenatori e tecnico della Reggina critica l'abitudine dei club di prendersela prima di tutto con i loro tecnici quando le cose vanno male: ''questa situazione dal punto di vista sindacale fa male - spiega - e' chiaro che anche a noi spetta la tutela dell'immagine dell'allenatore e per questo siamo preoccupati di questo andamento''.

    -------------------------------------------------

    E tu sarai il prossimo....:asd:

    Comunque tornando seri, capisco che a volte e' necessario arrivare all'esonero.....pero' ora la cosa sta diventando una barzelletta. Ct cacciati per poi essere richiamati, esoneri dopo un paio di giornate o addirittura prima dell'inizio del campionato :rolleyes:

    I calciatori non rendono al massimo e alla fine a rimetterci sono sempre gli allenatori. Basterebbe avere la possibilita' di ridurre l'ingaggio a chi in campo non da il massimo...vedrete che tutti darebbero il 101%.
    Perche' in quel caso correrebbero, oltre che dietro ad una palla, anche dietro al denaro :rolleyes:
  2.     Mi trovi su: Homepage #4709727
    Sacchi: "Cacciati troppi allenatori: segno di isteria"

    Ed ecco l'opnione di Arrigo Sacchi: "Sono tanti gli allenatori esonerati dopo poche giornate di campionato. Credo che questi continui cambi in panchina siano sintomo di un certo isterismo". "Il problema è che quando un club decide di ingaggiare un allenatore ad inizio stagione, dovrebbe anche abbracciare il progetto di questi e, soprattutto, dargli del tempo per riuscire a realizzarlo. In tal senso, le società dovrebbero fare maggior attenzione. Poi, in merito agli esoneri di Cagni e Colantuono, sono rimasto sorpreso da quello di Gigi perché a Empoli fino ad ora aveva fatto bene, riuscendo anche a portare la squadra in Uefa".
  3.     Mi trovi su: Homepage #4709728
    Novembre nero per i tecnici

    Ben 5 esoneri su i 6 registrati da inizio stagione

    Novembre, un mese da dimenticare, o da evitare, per chi di mestiere fa l'allenatore. Un mese grigio per tradizione senza momenti di festa e caratterizzato dalle abbondanti piogge. Da quest'anno verrà ricordato inoltre per le tante, forse troppe, panchine saltate in serie A. Escludendo Orsi, che è stato esonerato dal Livorno il 9 ottobre (sostituito da Camolese), tutti gli altri cinque allenatori che hanno perso il posto hanno conosciuto l'umiliazione dell'esonero proprio nel mese di novembre. Sarà un caso? Forse no, perchè dopo un paio di mesi di campionato a novembre la classifica inizia e delinearsi e i presidenti dei vari club per raddrizzare una stagione difficile corrono subito ai ripari. Anche se per definire meglio gli obiettivi delle squadre è sempre meglio attendere (almeno a parole) il giro di boa a metà campionato (i primi di gennaio), l'unico modo che hanno i presidenti per porre rimedio a una classifica penalizzante è quello di esonerare il proprio allenatore, senza aspettare gennaio per eventuali rinforzi che costerebbero altri soldi.

    Massimo Ficcadenti (Reggina): esonerato il primo novembre, dopo la decima giornata, e sostituito da Renzo Ulivieri.
    Andrea Mandorlini (Siena): esonerato (risoluzione del contratto) il 12 novembre, dopo la dodicesima giornata, e sostituito da Mario Beretta.
    Marco Giampaolo (Cagliari): esonerato il 13 novembre, dopo la dodicesima giornata, e sostituito da Nedo Sonetti.
    Stefano Colantuono (Palermo): esonerato il 26 novembre, dopo la tredicesima giornata, e sostituito da Francesco Guidolin.
    Luigi Cagni (Empoli): esonerato il 26 novembre, dopo la tredicesima giornata, e sostituito da Alberto Malesani

    La cosa brutta per gli allenatori è che il mese di novembre non è ancora finito, prima di voltare la pagina del calendario manca ancora una giornata di campionato che potrebbe registrare l'ennesimo esonero: in caso di sconfitta del Parma contro l'Empoli Di Carlo potrebbe venir licenziato dal presidente Ghirardi. Al suo posto potrebbe arrivare Simoni. Dicembre diventa quindi un miraggio perchè a differenza di novembre è un mese fatto di feste e di bontà, anche da parte dei presidenti.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4709733
    Originally posted by Obi-Wan
    Beh, a volte però si raggiunge l'isteria: vedi Livorno, che cambia allenatore come si cambiano i calzini...:rolleyes: :asd:

    Di certo nn fa bene alla squadra... :rolleyes:


    Invece in questo caso ha fatto bene alla squadra, perchè mandato via Orsi hanno iniziato a giocare e a fare risultato.

    I calciatori sono una brutta razza, se stanno contro l'allenatore sono capaci di portare la squadra in serie B.
    Ci sono tantissimi esempi, quello di Livorno è solo uno.

    Per me un presidente fa bene a cambiare allenatore SOLO quando si accorge che lo spogliatoio ce l'ha contro.

    Altrimenti è una caxxata.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4709734
    Originally posted by TonyManero
    Invece in questo caso ha fatto bene alla squadra, perchè mandato via Orsi hanno iniziato a giocare e a fare risultato.

    I calciatori sono una brutta razza, se stanno contro l'allenatore sono capaci di portare la squadra in serie B.
    Ci sono tantissimi esempi, quello di Livorno è solo uno.

    Per me un presidente fa bene a cambiare allenatore SOLO quando si accorge che lo spogliatoio ce l'ha contro.

    Altrimenti è una caxxata.


    Forse in questo caso ha fatto bene come dici tu, però mi stupirebbe molto se il Livorno non cambiasse almeno un altro allenatore prima della fine del campionato (probabilmente altri 2... ) :asd:

    Questo nn fa bene... Cambiare con troppa assiduità... Ci vuole un minimo di continuità nel lavoro di una squadra col suo allenatore... IMHO... ;)

  Ulivieri preoccupato da esoneri

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina