1.     Mi trovi su: Homepage #4720887
    Suggerimenti sulla linea da tenere su Deschamps, chiacchierate con Bettega per sistemare Gheddafi, dialoghi con i funzionari della federazione, suggerimenti a Cairo. Ecco il contenuto delle ultime intercettazioni

    MILANO, 18 dicembre 2007 - Un Moggi sempre bianconero, un Moggi che si sente ancora di lavorare per la Vecchia Signora, un Moggi che si tiene stretto i rapporti con pezzi di Federcalcio. È questo il quadro che emerge dalla prima lettura della informativa depositata al Gup. Quattrocentosette pagine, tanto è lunga la seconda e per ora ultima informativa delle seconda sezione Roma dei carabinieri del nucleo operativo di via in Selci. "Dalle risultanze acquisite — scrivono gli investigatori — emerge come Moggi abbia continuato a esercitare la sua attività e la sua influenza su alcuni settori del mondo del calcio, mantenendo attivi i suoi interessi". Tante le telefonate intercettate di Luciano Moggi, ma anche dei suoi più stretti collaboratori e amici tra ottobre 2006 e maggio 2007.

    MOGGI E LA JUVE Bisogna arrivare alle telefonate con Alessio Secco per capire fino a che punto Luciano Moggi abbia ancora le idee ben chiare su quello che la squadra debba fare. Detta a Secco i passi da compiere e gli suggerisce come difendere l’allenatore dagli attacchi. È come se parlasse un dirigente momentaneamente sospeso, non uno con 5 anni di squalifica e la proposta di radiazione. Anche le telefonate con Roberto Bettega sono significative: troppi gli anni in cui si è combattuto spalla a spalla per non avere tanto da raccontarsi, da commentare. Soprattutto si parla di Al Saadi Gheddafi, il figlio del Colonnello libico, parcheggiato alla Sampdoria. "L’ingegnere si è lamentato perché s’era dimenticato che mercoledì si gioca", gli dice Bettega.

    RAPPORTI CON LA FEDERCALCIO Parlano al telefono con Moggi anche tre consiglieri federali, Gabriele Gravina, Carlo Tavecchio e William Punghellini. Telefonate di diverso tenore. Punghellini raccoglie lo sfogo dell’ex d.g. bianconero per le sentenze e commenta che "le pressioni le hanno fatte su altri". Parla addirittura di pressioni venute da "molto in alto". Gravina chiacchiera amabilmente del ruolo di direttore generale della Federcalcio — all’epoca il posto era occupato da Virginia Filippi che si è dimessa lo scorso novembre —; Tavecchio fa due chiacchiere lamentandosi che Moggi non lo avesse chiamato prima. I rapporti sono sempre strettissimi e i magistrati napoletani Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci vogliono vederci chiaro. Le prime 23 pagine dell’informativa depositata il 12 dicembre in cancelleria dal Gip Eduardo De Gregorio, sono riservate a Nello De Nicola — ex braccio destro di Moggi ai tempi della Juventus e all’epoca delle intercettazioni all’Ascoli — che viene intercettato anche mentre chiede e fissa un appuntamento con il presidente della Figc Giancarlo Abete, ma allora non era ancora stato eletto. L’incontro è fissato sulla Prenestina la sede degli uffici dell’azienda di famiglia degli Abete, si parlerà di immobili.

    FUNZIONARI FIGC Interessante lo scambio di telefonate tra Giulio Pazzanese funzionario Figc addetto alla biglietteria delle Nazionali e Armandino Aubry, autista di fiducia di Moggi. I due chiacchierano amabilmente dell’arbitrato presso la Camera di conciliazione del Coni (siamo in febbraio 2007). Pazzanese conferma ad Armandino che Moggi non avrà sconti.

    DIRIGENTI SPORTIVI Moggi chiama Urbano Cairo per criticare la gestione del Torino; ma raccoglie anche lo sfogo di Rino Foschi (Palermo) che si lamenta del fatto che la Gazzetta si ostini a chiamare Moggiopoli quello che è successo nel calcio. Si parla di mercato con Fabrizio Lucchesi e Imborgia. Si parla di biglietti da dare gratis anche con il dirigente della Roma Daniele Pradé.

    SIENA Nell’informativa si chiarisce che Moggi cercava di acquisire il Siena, ma che l’operazione non gli riesce. Sarà per questo soddisfatto l’azionista di maggioranza Lombardi Stronati che ieri tramite l’avvocato Grassani ha presentato un esposto alla Procura federale e che ha precisato: "Con Moggi non ho mai parlato prima della cessione del Siena. Non lo conoscevo e da lui ho avuto solo un attacco dalle colonne di Libero".
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4720888
    Originally posted by Pezzotto
    DIRIGENTI SPORTIVI Moggi chiama Urbano Cairo per criticare la gestione del Torino; ma raccoglie anche lo sfogo di Rino Foschi (Palermo) che si lamenta del fatto che la Gazzetta si ostini a chiamare Moggiopoli quello che è successo nel calcio. Si parla di mercato con Fabrizio Lucchesi e Imborgia. Si parla di biglietti da dare gratis anche con il dirigente della Roma Daniele Pradé.

    non leggo nessun dirigente del milan:cool: milan giustamente punito per quello che ha fatto, ma tutto ciò conferma che il tutto è stato fatto per proteggersi dai veri poteri forti...purtroppo nel modo sbagliato
  3.     Mi trovi su: Homepage #4720889
    Moggi è talmente cretino da farsi intercettare in flagrante per la seconda volta? Mah.. Cioè dico, onestamente, lo ritenete possibile? Solo una testa di c...o può essere così stupido da farsi fregare 2 volte nello stesso modo...chiaramente c'è qualcosa sotto...l'hanno fregato....
    Mi chiedo come mai le intercettazioni le fanno sempre sulle stesse persone, chissà come mai non ai dirigenti nerazzurri...

    :cool:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  4.     Mi trovi su: Homepage #4720897
    Originally posted by ScudettoWeb
    Abbastanza poco secondo me. Anzi, trovo fuori luogo pubblicare gli affari degli altri sui giornali.


    Ma quello che dico fosse almeno approfondito potrei capire. Moggi continua a preparare le griglie? Va bene, ok. Ma qui c'e' il titolo che nn centra niente con l'articolo, poi mi parla di telefonate con Prade' per dare via dei biglietti gratis. Wow che scandalo...
    Moggi e' stato per 30 anni un protagonista del mondo del calcio, nn si puo' pretendere che scompaia da un giorno all'altro.
  5. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4720898
    Originally posted by Giovanni1982
    Ma quello che dico fosse almeno approfondito potrei capire. Moggi continua a preparare le griglie? Va bene, ok. Ma qui c'e' il titolo che nn centra niente con l'articolo, poi mi parla di telefonate con Prade' per dare via dei biglietti gratis. Wow che scandalo...
    Moggi e' stato per 30 anni un protagonista del mondo del calcio, nn si puo' pretendere che scompaia da un giorno all'altro.


    Il punto è che ciò che pubblicano i giornali conta poco, solo che fa notizia. Apparentemente gli inquirenti hanno in mano qualcosa di concreto, questo è solo gossip che rischia solamente di dare corda a Moggi, che riesce a scomodare persino Padre Pio... Comunque non si possono pubblicare ste cose per me.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4720899
    Non è suo il problema, stavolta...povero Lucianone...

    Qualsiasi cosa si dicano...non è ammissibile che uomini della federcalcio tengano rapporti con un Signore che deve scontare 5 anni di squalifica e...se non fosse Moggi...sarebbe stato radiato da un pezzo....

    Avanti così...c'è ancora Galliani, c'è il Silvio, perchè Moggi no:rolleyes: ?

    Certo che fino a quando squallidi giornalisti di squallide testate televisive e cartacee fanno a gara per sentire i pareri di Moggi "Il luminare"...non mi sembra ci sia niente da scoprire con la lente...

    E' tutto troppo chiaro.

    Il marcio c'era...il marcio c'è.

    Non era solo nella Giuve...'sta dappertutto....A cominciare dalla federcalcio...Calcisticamente limitando il discorso.


    Meno male che qualcuno....che le cose pubblicate abbiano rilevanza o meno a livello di giustizia sportiva...si permette di sottolineare che il pattume dilaga...

    Ohi...c'è Carraro...perchè Moggi no?:rolleyes:

  Moggi manovrava così

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina