1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4722481
    «La cosa che mi dà più fastidio dopo 28 anni di calcio è che io possa essere inserito nella griglia di amici di Moggi. Mai stato nella sua schiera, ho sempre lavorato da cane sciolto, anzi ho combattuto i suoi atteggiamenti nel calcio».

    «La cosa che mi dà più fastidio dopo 28 anni di calcio è che io possa essere inserito nella griglia di amici di Moggi. Mai stato nella sua schiera, ho sempre lavorato da cane sciolto, anzi ho combattuto i suoi atteggiamenti nel calcio».

    Parla per la prima volta dopo la bu_fera intercettazioni Rino Foschi, il ds del Palermo le cui parole in una telefonata che risale allo scorso marzo (quando il Palermo in crisi stava per perdere il po_sto in Champions League) appaiono come una prova di un ruolo sempre attivo di Moggi nel calcio.

    Anche se la storia stessa delle operazioni negli ultimi anni dimostrano che con Zamparini ai vertici il club rosa non ha fatto parte di “potentati”. Foschi ammette un’ingenuità, ma si dice sereno e anticipa addirittura che il suo nome potrebbe ricomparire in nuove intercettazioni: «Ve lo dico sin da ora, io ho riparlato altre volte con Moggi. E’ accaduto quest’estate quando stavo trattando Nocerino che però mostrava poca convinzione nel venire a Palermo. Il procuratore del giocatore era suo figlio Alessandro e così ho chiamato Moggi per chiedergli se mi dava una mano a risolvere il caso. Nulla di illecito e sempre nell’interesse della mia società» .

    http://www.tuttonapoli.net/index.php?action=read&idnotizia=24110

    :cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Foschi ammette: «Volevo Nocerino, ho chiamato Moggi»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina