1.     Mi trovi su: Homepage #4726332
    [youtube]nzTtz_0dX0k&feature=related[/youtube]

    Ma s' io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, le attuali conclusioni
    credete che per questi quattro soldi, questa gloria da sbronzi, avrei scritto canzoni;
    va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il "crucifige" e così sia,
    chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia, il primo che ha studiato...

    Mio padre in fondo aveva anche ragione a dir che la pensione è davvero importante,
    mia madre non aveva poi sbagliato a dir che un laureato conta più d' un cantante:
    giovane e ingenuo io ho perso la testa, sian stati i libri o il mio provincialismo,
    e un razzo in cubo e accuse d' arrivismo, dubbi di qualunquismo, son quello che mi resta...

    Voi critici, voi personaggi austeri, militanti severi, chiedo scusa a vossìa,
    però non ho mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni, si possa far poesia;
    io canto quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi:
    vendere o no non passa fra i miei rischi, non comprate i miei dischi e sputatemi addosso...

    Secondo voi ma a me cosa mi frega di assumermi la bega di star quassù a cantare,
    godo molto di più nell' ubriacarmi oppure a maxturbarmi o, al limite, a scovare...
    se son d' umore nero allora scrivo frugando dentro alle nostre miserie:
    di solito ho da far cose più serie, costruire su macerie o mantenermi vivo...

    Io tutto, io niente, io scronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,
    io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!
    Io procio, io perchè canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,
    io solo qui alle quattro del mattino, l'angoscia e un po' di vino, voglia di vendemmiare!

    Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento?
    Ovvio, il medico dice "sei depresso", nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento.
    Ed io che ho sempre detto che era un gioco sapere usare o no ad un certo metro:
    compagni il gioco si fa peso e tetro, comprate il mio dipietro, io lo vendo per poco!

    Colleghi cantautori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po' di milioni,
    voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i foglioni...
    Che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sarà sempre, lo sapete,
    un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparare zaccate!

    Ma s' io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, forse farei lo stesso,
    mi piace far canzoni e bere vino, mi piace far casino, poi sono nato fesso
    e quindi tiro avanti e non mi svesto dei panni che son solito portare:
    ho tante cose ancora da raccontare per chi vuole ascoltare e a cubo tutto il resto
  2.     Mi trovi su: Homepage #4726333



    Non starò più a cercare parole che non trovo
    per dirti cose vecchie con il vestito nuovo,
    per raccontarti il vuoto che, al solito, ho di dentro
    e partorire il topo vivendo sui ricordi, giocando coi miei giorni, col tempo...

    O forse vuoi che dica che ho i capelli più corti
    o che per le mie navi son quasi chiusi i porti;
    io parlo sempre tanto, ma non ho ancora fedi,
    non voglio menar vanto di me o della mia vita costretta come dita dei piedi...

    Queste cose le sai perchè siam tutti uguali
    e moriamo ogni giorno dei medesimi mali,
    perchè siam tutti soli ed è nostro destino
    tentare goffi voli d' azione o di parola,
    volando come vola il tacchino...

    Non posso farci niente e tu puoi fare meno,
    sono vecchio d' orgoglio, mi commuove il tuo seno
    e di questa parola io quasi mi vergogno,
    ma c'è una vita sola, non ne sprechiamo niente in tributi alla gente o al sogno...

    Le sere sono uguali, ma ogni sera è diversa
    e quasi non ti accorgi dell' energia dispersa
    a ricercare i visi che ti han dimenticato
    vestendo abiti lisi, buoni ad ogni evenienza, inseguendo la scienza o il peccato...

    Tutto questo lo sai e sai dove comincia
    la grazia o il tedio a morte del vivere in provincia
    perchè siam tutti uguali, siamo cattivi e buoni
    e abbiam gli stessi mali, siamo vigliacchi e fieri,
    saggi, falsi, sinceri... ciglioni!

    Ma dove te ne andrai? Ma dove sei già andata?
    Ti dono, se vorrai, questa noia già usata:
    tienila in mia memoria, ma non è un capitale,
    ti accorgerai da sola, nemmeno dopo tanto, che la noia di un altro non vale...

    D' altra parte, lo vedi, scrivo ancora canzoni
    e pago la mia casa, pago le mie illusioni,
    fingo d' aver capito che vivere è incontrarsi,
    aver sonno, appetito, far dei figli, mangiare,
    bere, leggere, amare... grattarsi!
  3.     Mi trovi su: Homepage #4726334
    [youtube]dVhDqfB_yno&feature=related[/youtube]

    E correndo mi incontrò lungo le scale, quasi nulla mi sembrò cambiato in lei,
    la tristezza poi ci avvolse come miele per il tempo scivolato su noi due.
    Il sole che calava già rosseggiava la città
    già nostra e ora straniera e incredibile e fredda:
    come un istante "deja vu", ombra della gioventù, ci circondava la nebbia...

    Auto ferme ci guardavano in silenzio, vecchi muri proponevan nuovi eroi,
    dieci anni da narrare l'uno all' altro, ma le frasi rimanevan dentro in noi:
    "cosa fai ora? Ti ricordi? Eran belli i nostri tempi,
    ti ho scritto è un anno, mi han detto che eri ancor via".
    E poi la cena a casa sua, la mia nuova cortesia, stoviglie color nostalgia...

    E le frasi, quasi fossimo due vecchi, rincorrevan solo il tempo dietro a noi,
    per la prima volta vidi quegli specchi, capii i quadri, i soprammobili ed i suoi.
    I nostri miti morti ormai, la scoperta di Hemingway,
    il sentirsi nuovi, le cose sognate e ora viste:
    la mia America e la sua diventate nella via la nostra città tanto triste...

    Carte e vento volan via nella stazione, freddo e luci accesi forse per noi lì
    ed infine, in breve, la sua situazione uguale quasi a tanti nostri films:
    come in un libro scritto male, lui s' era ucciso per Natale,
    ma il triste racconto sembrava assorbito dal buio:
    povera amica che narravi dieci anni in poche frasi ed io i miei in un solo saluto...

    E pensavo dondolato dal vagone "cara amica il tempo prende il tempo dà...
    noi corriamo sempre in una direzione, ma qual sia e che senso abbia chi lo sa...
    restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento,
    le luci nel buio di case intraviste da un treno:
    siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nella testa e il cuore di simboli pieno...
  4.     Mi trovi su: Homepage #4726335


    Santa Lucia, per tutti quelli che hanno occhi
    e gli occhi e un cuore che non basta agli occhi
    e per la tranquillità di chi va per mare
    e per ogni lacrima sul tuo vestito,
    per chi non ha capito.

    Santa Lucia per chi beve di notte
    e di notte muore e di notte legge
    e cade sul suo ultimo metro,
    per gli amici che vanno e ritornano indietro
    e hanno perduto l'anima e le ali.

    Per chi vive all'incrocio dei venti
    ed è bruciato vivo,
    per le persone facili che non hanno dubbi mai,
    per la nostra corona di stelle e di spine,
    per la nostra paura del buio e della fantasia.

    Santa Lucia, il violino dei poveri è una barca sfondata
    e un ragazzino al secondo piano che canta,
    ride e stona perchè vada lontano,
    fa che gli sia dolce anche la pioggia delle scarpe,
    anche la solitudine...
  5.     Mi trovi su: Homepage #4726336


    Sole sul tetto dei palazzi in costruzione,
    sole che batte sul campo di pallone e terra
    e polvere che tira vento e poi magari piove.
    Nino cammina che sembra un uomo,
    con le scarpette di gomma dura,
    dodici anni e il cuore pieno di paura.
    Ma Nino non aver paura a sbagliare un calcio di rigore,
    non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
    un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia.
    E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai di giocatori
    che non hanno vinto mai
    ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro
    e adesso ridono dentro a un bar,
    e sono innamorati da dieci anni
    con una donna che non hanno amato mai.
    Chissà quanti ne hai veduti, chissà quanti ne vedrai.
    Nino capì fin dal primo momento,
    l'allenatore sembrava contento
    e allora mise il cuore dentro alle scarpe
    e corse più veloce del vento.
    Prese un pallone che sembrava stregato,
    accanto al piede rimaneva incollato,
    entrò nell'area, tirò senza guardare
    ed il portiere lo fece passare.
    Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore,
    non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
    un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia.
    Il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette,
    questo altro anno giocherà con la maglia numero sette.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4726337


    Hanno ragione, hanno ragione
    mi han detto:"E' vecchio tutto quello che lei fa,
    parli di donne da buon costume,
    di questo han voglia se non l'ha capito già"
    E che gli dico:"Guardi non posso, io quando ho
    amato
    ho amato dentro gli occhi suoi,
    magari urlando fra le sue gambe
    ma ho sempre pianto per la sua felicità"
    Luci a San Siro di quella sera
    che c'è di strano siamo stati tutti là,
    ricordi il gioco dentro la nebbia?
    Tu ti nascondi e se ti trovo ti amo là.
    Ma stai barando, tu stai gridando,
    così non vale, è troppo facile così
    trovarti amarti giocare il tempo
    sull'erba morta con il freddo che fa qui

    Ma il tempo emigra mi han messo in mezzo
    non son capace più di dire un solo no
    Ti vedo e a volte ti vorrei dire
    ma questa gente intorno a noi che cosa fa?
    Fa la mia vita, fa la tua vita
    tanto doveva prima o poi finire lì
    ridevi e forse avevi un fiore
    ti ho capita, non mi hai capito mai

    Scrivi vecchioni, scrivi canzoni
    che più ne scrivi più sei bravo e fai danè
    tanto che importa a chi le ascolta
    se lei c'è stata o non c'è stata e lei chi è?
    Fatti pagare, fatti valere
    più lecchi il cubo più ti dicono di si
    e se hai le mani sporche che importa
    tienile chiuse e nessuno lo saprà

    Milano mia portami via, fa tanto freddo,
    ho schifo e non ne posso più,
    facciamo un cambio prenditi pure
    quel po' di soldi quel po' di celebrità
    ma dammi indietro la mia seicento,
    i miei vent'anni e una ragazza che tu sai
    Milano scusa stavo scherzando,
    luci a San Siro non ne accenderanno più.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4726338


    Napule è mille culure
    Napule è mille paure Napule
    è a voce de' criature
    che saglie chianu chianu e
    tu sai ca nun si sulo.
    Napule è nu sole amaro
    Napule è addore 'e mare
    Napule è 'na carta sporca
    e nisciuno se ne importa e
    ognuno aspetta a' ciorta.
    Napule è 'na cammenata
    inte viche miezo all'ato
    Napule è tutto 'nu suonno
    e 'a sape tutti o' munno ma
    nun sanno a verità.
    Napule è mille culure
    (Napule è mille paure)
    Napule è 'nu sole amaro
    (Napule è addore e' mare)
    Napule è 'na carta sporca
    (e nisciuno se ne importa)
    Napule è 'na camminata
    (inte viche miezo all'ato)
    Napule è tutto nu suonno
    (e a' sape tutti o' munno)
  8.     Mi trovi su: Homepage #4726339


    Ricordi sbocciavan le viole
    con le nostre parole
    "Non ci lasceremo mai, mai e poi mai",

    vorrei dirti ora le stesse cose
    ma come fan presto, amore, ad appassire le rose
    così per noi

    l'amore che strappa i capelli è perduto ormai,
    non resta che qualche svogliata carezza
    e un po' di tenerezza.

    E quando ti troverai in mano
    quei fiori appassiti al sole
    di un aprile ormai lontano,
    li rimpiangerai

    ma sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.

    E sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.
  9. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4726340
    Originally posted by SUPERPADREPIO
    Napule è mille culure
    Napule è mille paure Napule
    è a voce de' criature
    che saglie chianu chianu e
    tu sai ca nun si sulo.
    Napule è nu sole amaro
    Napule è addore 'e mare
    Napule è 'na carta sporca
    e nisciuno se ne importa e
    ognuno aspetta a' ciorta.
    Napule è 'na cammenata
    inte viche miezo all'ato
    Napule è tutto 'nu suonno
    e 'a sape tutti o' munno ma
    nun sanno a verità.
    Napule è mille culure
    (Napule è mille paure)
    Napule è 'nu sole amaro
    (Napule è addore e' mare)
    Napule è 'na carta sporca
    (e nisciuno se ne importa)
    Napule è 'na camminata
    (inte viche miezo all'ato)
    Napule è tutto nu suonno
    (e a' sape tutti o' munno)


    :approved:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  10.     Mi trovi su: Homepage #4726341


    Quei giorni perduti a rincorrere il vento
    A chiederci un bacio e volerne altri cento
    Un giorno qualunque li ricorderai
    Amore che fuggi da me tornerai
    Un giorno qualunque li ricorderai
    Amore che fuggi da me tornerai
    E tu che con gli occhi di un altro colore
    Mi dici le stesse parole d'amore
    Fra un mese fra un anno scordate le avrai
    Amore che vieni da me fuggirai
    Tra un mese tra un anno scordate le avrai
    Amore che vieni da me fuggirai
    Venuto dal sole o da spiagge gelate
    Perduto in novembre o col vento d'estate
    Io t'ho amato sempre non t'ho amato mai
    Amore che vieni amore che vai
    Io t'ho amato sempre non t'ho amato mai
    Amore che vieni amore che vai.
  11.     Mi trovi su: Homepage #4726342


    Lo sai per un gol
    io darei la vita….la mia vita
    Che in fondo lo so
    sarà una partita….infinita

    E’ un sogno che ho
    è un coro che sale….a sognare
    Su e giù dalla Nord
    novanta minuti …per segnare

    Nerazzurri

    noi saremo qui
    Nerazzurri

    pazzi come te
    Nerazzurri

    Non fateci soffrire
    ma va bene… vinceremo insieme!

    Amala!

    Pazza Inter amala!

    E’ una gioia infinita
    che dura una vita
    Pazza Inter amala!

    Vivila!

    questa storia vivila

    Può durare una vita
    o una sola partita
    Pazza Inter amala!

    E continuerò
    nel sole e nel vento… la mia festa
    Per sempre vivrò

    con questi colori…. nella testa

    Nerazzurri

    io vi seguirò
    Nerazzurri

    sempre lì vivrò
    Nerazzurri
    questa mia speranza
    E l’assenza
    io non vivo senza!!!

    Amala!

    Pazza Inter amala!

    E’ una gioia infinita
    che dura una vita
    Pazza Inter amala!

    Seguila!

    in trasferta o giu’ in città

    Può durare una vita
    o una sola partita
    Pazza Inter amala!!!
    Là in mezzo al campo c’è un nuovo campione
    È un tiro che parte da questa canzone

    Forza non mollare mai!!!
    AMALA!!!

    Amala

    Pazza Inter amala!
    È una gioia infinita
    che dura una vita
    Pazza Inter Amala!!!
    Pazza Inter Amala!!
    AMALA!!!!


    :cool:
  12.     Mi trovi su: Homepage #4726343


    Eccomi qua
    sono venuto a vedere
    lo strano effetto che fa
    la mia faccia nei vostri occhi
    e quanta gente ci sta
    e se stasera si alza una lira
    per questa voce che dovrebbe arrivare
    fino all'ultima fila
    oltre al buio che c'è
    e al silenzio che lentamente si fa
    e alla luce che taglia il mio viso
    improvvisamente eccomi qua
    siamo l'amante e la sposa
    arrivati fin qua
    l'attore e la sciantosa
    e siamo pronti a qualsiasi cosa
    pur di stare qua
    siamo il padre e la figlia
    finalmente qua
    siamo una grande famiglia
    abbiam lasciato soltanto un momento
    la nostra valigia di là
    nel camerino già vecchio
    tra un lavandino ed un secchio
    tra un manifesto e lo specchio
    tra un manifesto e lo specchio

    Eccoci qua
    siamo venuti per poco
    perché per poco si va
    e il sipario è calato già
    su questa vita che tanto pulita non è
    e ricorda il colore di certe lenzuola
    di certi hotel
    che il nostro nome ce l'hanno già
    e ormai nemmeno ti chiedono più
    il documento d'identità
    e allora eccoci, siamo qua
    siamo venuti per niente
    perché per niente si va
    e c'inchiniamo ripetutamente
    e ringraziamo infinitamente…

    Eccoci qua
    siamo il padre e la figlia
    capitati fin qua
    siamo una grande famiglia
    abbiam lasciato soltanto un momento
    la nostra vita di là
    nel camerino già vecchio
    tra un lavandino ed un secchio
    tra un manifesto e lo specchio
    tra un manifesto e lo specchio
  13.     Mi trovi su: Homepage #4726344



    Tu che guardi verso di me
    hai visto i tori nel sonno ed hai lasciato Madrid
    stai nei miei occhi e racconti le sirene e gli inganni del tuo sogno che va
    tu ragazzo dell'Europa
    tu non perdi mai la strada
    tu che prendi a calci la notte
    bevi fiumi di vodka e poi ti infili i miei jeans
    tu cominci sempre qualcosa e mi lasci sospesa e non parli di te
    tu ragazzo dell'Europa
    tu col cuore fuori strada
    tu che fai l'amore selvaggio
    trovi sempre un passagio per andare più in là
    viaggi con quell'aria precaria
    sembri quasi un poeta dentro ai tuoi bouleavard
    tu ragazzo dell'Europa
    porti in giro la fortunatu che incontri tutti per caso
    non ritorni a Varsavia per non fare il soldato
    ora vivi in mezzo a una sfida per le vie di Colonia
    e non sai dove andrai
    tu ragazzo dell'Europa
    tu non pianti mai bandiera
    tu ragazzo dell'Europa
    tu ragazzo dell'Europa
    tu non pianti mai bandiera
    tu ragazzo dell'Europa
    tu non pianti mai bandiera
  14.     Mi trovi su: Homepage #4726345


    Che lingua parli tu
    se dico vita dimmi cosa intendi
    e come vivi tu
    se dico forza attacchi o ti difendi
    t'ho detto amore e tu m'hai messo in gabbia
    m'hai scritto sempre ma era scritto sulla sabbia
    t'ho detto eccomi e volevi cambiarmi
    t'ho detto basta e m'hai detto non lasciarmi
    abbiamo fatto l'amore e mi hai detto mi dispiace
    mi hai lanciato una scarpa col tacco e poi abbiamo fatto pace
    abbiam rifatto l'amore e ti è piaciuto un sacco
    e dopo un po' mi hai lanciato la solita scarpa col tacco
    gridandomi di andare e di non tornare più
    io ho fatto finta di uscire e tu hai acceso la tv
    e mentre un comico faceva ridere io ti ho sentito che piangevi
    allora son tornato ma tanto già lo sapevi
    che tornavo da te senza niente da dire senza tante parole
    ma con in mano un raggio di sole
    per te che sei lunatica
    niente teorie con te soltanto pratica
    praticamente amore
    ti porto in dono un raggio di sole per te
    un raggio di sole per te
    che cosa pensi tu
    se dico amore dimmi cosa intendi
    siamo andati al mare e mi parlavi di montagna
    abbiamo preso una casa in città e sogni la campagna
    con gli uccellini le anatre e le oche
    i delfini i conigli le api i papaveri e le foche
    e ogni tanto ti perdo o mi perdo nei miei guai
    ho lo zaino già pronto all'ingresso ma poi tanto tu già lo sai
    che ritorno da te...

  Canzoni Per La Befana

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina