1.     Mi trovi su: Homepage #4735447
    "Bei tempi" quelli del pentapartito...ricordate...?
    Berlusconi era tutto contento, nessuno gli rompeva le palle, tutti i politici al governo erano come lui collusi con la mafia e supertangentati...facevano già tutto per lui e lui neanche si sognava di scendere in campo...l'italia da amare, la milano da bere...ah...che nostalgia tutto quel magna magna...
    poi è arrivata la giustizia "brutta e cattiva"...

    forse i più giovani di voi non lo ricordano, e forse hanno giusto ancora la speranza di cambiare qualcosa....
    ma mi dispiace deludervi....
    non sono passati ancora 50 anni...le generazioni di chi vota adesso non sono ancora cambiate abbastanza...
    LA SINISTRA, intendo quella vera,(non i governi di dini, prodi e mastella) NON POTRA' PER ORA MAI VINCERE LE ELEZIONI (a meno che Gesù Cristo non torni di nuovo sulla terra o che alla fine del 2012 come si dice non ci sia una nuova energia che farà avere una nuova presa di coscienza alla gente).
    Quindi scordatevi che vengano fatte cose per i più poveri, per la ricerca, la sanità, l'istruzione...DIMENTICATEVELO!
    In questo paese al governo ancora per molto ci saranno gente come Berlusconi o se va bene Casini. Ci saranno sempre più ricchi ricchi e poveri poveri, sempre meno potere d'acquisto e sempre più potere e leggi a favore di industrie e multinazionali varie.
    Ed è così per UN SOLO SEMPLICE MOTIVO :
    siamo il paese più ignorante d'europa, dove non leggiamo ma abbiamo il maggior numero di auto e telefonini a testa, dove si è meno aperti mentalmente, dove il papa che dice e scrive cose del medioevo influenza milioni di casalinghe e perbenisti...
    ma SOPRATTUTTO dove la GENTE, IL POPOLO ha votato per più di QUARANT'ANNI un partito come la DEMOCRAZIA CRISTIANA e i suoi amici.
    Ora io mi domando: MA COSA VI ASPETTATE DALLA MAGGIORANZA DI UN POPOLO CHE HA VOTATO PER 40 ANNI DEMOCRAZIA CRISTIANA? Io mi aspetto che continui a votare al centro e a destra...al massimo prodi e mastella...ma mai a sinistra. Sarà sempre una percentuale minoritaria quella di sinistra. Sempre. Ci vorrà, se mai questo accadrà, un grande ricambio generazionale per sperare in qualcosa di diverso...ma soprattutto un ricambio CULTURALE e DI COSCIENZA. Così si andrà sempre poco lontano.

    Questa, signori, è la democrazia. Quella a cui io non credo.
    La democrazia oggi significa : LA MAGGIORANZA HA RAGIONE. E purtroppo questa è l'affermazione èiù smentita dalla storia.
    Come diceva Moretti nella famosa scena di caro diario..."Io non è che non credo nella gente. Io CREDO nella gente...è che mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza..."
    Una volta erano i dotti a scegliere. E lo so, sarò razzista, ma forse andava meglio quando la massa ignorante non votava.
    E ALLORA viva la democrazia cristiana e la milano da bere...
    Per terre incognite vanno le nostre legioni
    a fondare colonie a immagine di Roma
    "Delenda Carthago"
  2.     Mi trovi su: Homepage #4735448
    A proposito di pentapartito...
    di colpo la gente, accortasi che era stata presa in giro e derubata 40 anni, ha smesso di votarli...ma ovviamente non votava neanche a sinistra...insomma è ovvio che berlusconi incarna oggi l'anima della vecchia dc e del vecchio psi.
    Ma, ritornando al discorso di prima, che goduria riascoltarsi un brano di quel genio di Giorgio Gaber che dopo aver fatto molti anni prima "Qualcuno era Comunista", incise, dopo tangentopoli, "QUALCUNO ERA..." dedicata ai "vecchi" cinque partiti che così "BENE" ci hanno governato per tanto tempo...e di cui Berlusconi e la gente che lo vota hanno tanta nostalgia...ecco qui il testo...(anche se .. letto così...perde un po' di senso...scaricatevi l'mp3... o compratevi l'album "Io Come Persona")

    "Qualcuno era democristiano perché la DC era il
    massimo partito di governo.
    Qualcuno era democristiano perché Gesù, Giuseppe, Maria siate le salvezza
    dell’anima mia.
    Qualcuno era democristiano perché i comunisti mangiavano i bambini.
    Qualcuno era democristiano perché con una mano si dà e con l’altra si prende.
    Qualcuno era democristiano perché si vergognava di essere fascista.
    Qualcuno era democristiano perché era buono e ubbidiva alla mamma... santissima.
    Qualcuno era socialista perché il PSI era il più autorevole partito di governo.
    Qualcuno era socialista perché più a sinistra di così si godeva di meno.
    Qualcuno era socialista perché Pertini.
    Qualcuno era socialista perché ci derubavano come gli altri ma più allegramente e senza
    sensi di colpa.
    Qualcuno era socialista perché tra i due litiganti il terzo fa il sindaco.
    Qualcuno era socialista perché meglio governare dieci anni da leoni che festeggiare cento
    anni da coglioni.
    Qualcuno era repubblicano perché il PRI era il più serio e preparato partito di governo.
    Qualcuno era repubblicano perché non potendo più incazzarsi coi Savoia era diventato
    nervoso e non gli andava mai bene niente.
    Qualcuno era repubblicano perché comunque era sempre lì al governo, avvinto come
    l’edera.
    Qualcuno era liberale perché il PLI era il più civile partito di governo.
    Qualcuno era liberale... ma pochi.
    Qualcuno era liberale perché per la nostra salute uno solo basta e avanza.
    Qualcuno era socialdemocratico perché il PSDI era il più curioso partito di governo.
    Qualcuno era socialdemocratico perché... non l’ho mai capito.
    Qualcuno era...
    Qualcuno..."

    AUGURI BERLUSCA!!!...
    Per terre incognite vanno le nostre legioni
    a fondare colonie a immagine di Roma
    "Delenda Carthago"
  3.     Mi trovi su: Homepage #4735452
    Originally posted by Odisseo2005
    Come diceva Moretti nella famosa scena di caro diario..."Io non è che non credo nella gente. Io CREDO nella gente...è che mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza..."


    Già, diceva anche "...anche quando saremo in maggioranza, io farò sempre parte di una minoranza..." :asd:

    Bello lo spunto che hai dato :approved:

    vale di più la possibilità di scelta (quindi porsi come primo obiettivo governare) o l'integrità morale (quindi dire di no anche se poi il risultato è l'opposto di quello desiderato)? :P
  4.     Mi trovi su: Homepage #4735453
    e per giustezza questo è la versione di "Qualcuno era.....comunista" :P

    Qualcuno era comunista perché era nato in Emilia.

    Qualcuno era comunista perché il nonno, lo zio, il papà. ... la mamma no.

    Qualcuno era comunista perché vedeva la Russia come una promessa, la Cina come una poesia, il comunismo come il paradiso terrestre.

    Qualcuno era comunista perché si sentiva solo.

    Qualcuno era comunista perché aveva avuto una educazione troppo cattolica.

    Qualcuno era comunista perché il cinema lo esigeva, il teatro lo esigeva, la pittura lo esigeva, la letteratura anche... lo esigevano tutti.

    Qualcuno era comunista perché glielo avevano detto.

    Qualcuno era comunista perché non gli avevano detto tutto.

    Qualcuno era comunista perché prima… prima…prima… era fascista.

    Qualcuno era comunista perché aveva capito che la Russia andava piano, ma lontano.

    Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona.

    Qualcuno era comunista perché Andreotti non era una brava persona.

    Qualcuno era comunista perché era ricco ma amava il popolo.

    Qualcuno era comunista perché beveva il vino e si commuoveva alle feste popolari.

    Qualcuno era comunista perché era così ateo che aveva bisogno di un altro Dio.

    Qualcuno era comunista perché era talmente affascinato dagli operai che voleva essere uno di loro.

    Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di fare l’operaio.

    Qualcuno era comunista perché voleva l’aumento di stipendio.

    Qualcuno era comunista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente.

    Qualcuno era comunista perché la borghesia, il proletariato, la lotta di classe...

    Qualcuno era comunista per fare rabbia a suo padre.

    Qualcuno era comunista perché guardava solo RAI TRE.

    Qualcuno era comunista per moda, qualcuno per principio, qualcuno per frustrazione.

    Qualcuno era comunista perché voleva statalizzare tutto.

    Qualcuno era comunista perché non conosceva gli impiegati statali, parastatali e affini.

    Qualcuno era comunista perché aveva scambiato il materialismo dialettico per il Vangelo secondo Lenin.

    Qualcuno era comunista perché era convinto di avere dietro di sé la classe operaia.

    Qualcuno era comunista perché era più comunista degli altri.

    Qualcuno era comunista perché c’era il grande partito comunista.

    Qualcuno era comunista malgrado ci fosse il grande partito comunista.

    Qualcuno era comunista perché non c’era niente di meglio.

    Qualcuno era comunista perché abbiamo avuto il peggior partito socialista d’Europa.

    Qualcuno era comunista perché lo Stato peggio che da noi, solo in Uganda.

    Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di quarant’anni di governi democristiani incapaci e mafiosi.

    Qualcuno era comunista perché Piazza Fontana, Brescia, la stazione di Bologna, l’Italicus, Ustica eccetera, eccetera, eccetera...

    Qualcuno era comunista perché chi era contro era comunista.

    Qualcuno era comunista perché non sopportava più quella cosa sporca che ci ostiniamo a chiamare democrazia.

    Qualcuno credeva di essere comunista, e forse era qualcos’altro.

    Qualcuno era comunista perché sognava una libertà diversa da quella americana.

    Qualcuno era comunista perché credeva di poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri.

    Qualcuno era comunista perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo. Perché sentiva la necessità di una morale diversa. Perché forse era solo una forza, un volo, un sogno; era solo uno slancio, un desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita.

    Sì, qualcuno era comunista perché, con accanto questo slancio, ognuno era come... più di sé stesso. Era come... due persone in una. Da una parte la personale fatica quotidiana e dall’altra il senso di appartenenza a una razza che voleva spiccare il volo per cambiare veramente la vita.

    No. Niente rimpianti. Forse anche allora molti avevano aperto le ali senza essere capaci di volare... come dei gabbiani ipotetici.

    E ora? Anche ora ci si sente come in due. Da una parte l’uomo inserito che attraversa ossequiosamente lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana

    e dall’altra il gabbiano senza più neanche l’intenzione del volo perché ormai il sogno si è rattrappito.

    Due miserie in un corpo solo.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4735454
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Già, diceva anche "...anche quando saremo in maggioranza, io farò sempre parte di una minoranza..." :asd:

    Bello lo spunto che hai dato :approved:

    vale di più la possibilità di scelta (quindi porsi come primo obiettivo governare) o l'integrità morale (quindi dire di no anche se poi il risultato è l'opposto di quello desiderato)? :P



    Non capisco che vuoi dire: ti è appena stato dimostrato che non si può governare. Anche col massimo del centro centro centro centro centro-sinistra (cioè prodi)....Prodi è caduto 2 legislature su 2 a causa di dissidi interni. (se è questo che intendi). Guarda, la cosa migliore che puoi sperare è (e mi sà non accadrà mai...), che venga fuori una nuova legge elettorale con premione di maggioranza camera e senato e che si presentino alle elezioni tre aggregamenti : uno di centro (tipo udeur, ccd, dc, diniani e merXe varie), uno di destra (Berlusconi, storace, mussolini, fini, lega) e uno di pseudo - sinistra (veltroni e rutelli, purtroppo, compresi). Magari, con un colpo di culo, la pseudo sinistra prenderà il 36%, la destra il 35%, e il centro il 29%. E col premio di maggioranza la pseudo sinistra potrà governare da sola. Fantascienza. Siamo in Italia, ricordatelo.
    Per terre incognite vanno le nostre legioni
    a fondare colonie a immagine di Roma
    "Delenda Carthago"

  W Berlusconi E La Democrazia Cristiana

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina