1.     Mi trovi su: Homepage #4737971
    Ue: i conti pubblici sono a rischio
    Almunia: "Italia vulnerabile nel 2008"

    I conti pubblici italiani rischiano un "sostanziale deterioramento" se non si interverrà con misure di sostegno: a lanciare l'allarme è Joaquin Almunia, commissario Ue agli Affari economici. Secondo Bruxelles servono più sforzi per il 2008, altrimenti l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2011 potrebbe correre seri rischi. A rendere il Paese più vulnerabile a un rialzo dei tassi d'interesse è poi il debito, ancora troppo alto.

    Quindi bisogna intervenire. A cominciare da una seria riforma delle pensioni, compresa la revisione dei coefficienti di trasformazione, per evitare un aumento significativo della spesa, ammonisce Almunia. La strada che il Paese ha intrapreso è buona e bisogna percorrerla fino in fondo, tenendo alta la guardia.
    L'Italia deve "continuare gli sforzi per migliorare la qualità della spesa pubblica" e "attuare in modo efficace i meccanismi di controllo".

    E non bisogna sottovalutare i rischi sulla scadenza fissata per l'azzeramento del deficit. La correzione " è in linea con le raccomandazioni del Consiglio", si legge nel testo del commissario, ma "rischia di non essere assicurato entro il 2010 un sufficiente margine contro il superamento della soglia del 3% del deficit".

    Gli uffici del commissario Ue agli Affari economici Joaquin Almunia, riconoscono tuttavia "i buoni progressi" fatti nel 2007.

    Il disavanzo, secondo le ultime indicazioni fornite da Prodi, dovrebbe attestarsi intorno al 2%, aprendo così il varco, in primavera, all'abrogazione della procedura avviata dall'Ecofin nel 2005. Un risultato che, sottolinea Bruxelles, "poteva essere migliore se non fossero state approvate nuove spese nel corso dell'anno".

    Sul 2008 pesa poi il rallentamento dell'economia.
    "Il risultato del deficit 2008 è soggetto al rischio di una crescita del Pil significativamente più bassa" delle attese, rimarca Bruxelles. Che punta il dito contro la destinazione del tesoretto.
    "La Finanziaria prevede di usare tutte le entrate inattese per i tagli fiscali", mentre l'aggiustamento slitta "agli anni successivi".
    "Dal 2009 in poi l'evoluzione del livello del debito potrebbe essere meno favorevole di quanto previsto nel programma" ribadisce il documento.

    Proseguire con le riforme è un dovere dunque per il nostro Paese.
    "Mi auguro che si vada avanti con le politiche lodevoli portate avanti da Prodi e Padoa-Schioppa- conclude Almunia- La situazione in Italia attraversa un momento difficilissimo - non posso pronunciarmi sulla situazione interna, ma spero in una soluzione rapida che possa incoraggiare le buone tendenze osservate negli ultimi anni. Le politiche del ministro Padoa-Schioppa hanno dato ottimi risultati nella riduzione dei deficit eccessivi e nell'ottenimento di gettito per finanziare la spesa pubblica".

    tgcom.it
  2.     Mi trovi su: Homepage #4737974
    Originally posted by massituo
    ovvero, prodi c'ha raccontato un sacco di panzanate:asd:


    bhe no dai si parla del 2008...lui nel 2008 ha fatto in tempo a lavorare un paio d settimane povero :asd:

    cmq si dice
    "Gli uffici del commissario Ue agli Affari economici Joaquin Almunia, riconoscono tuttavia "i buoni progressi" fatti nel 2007." quindi :approved:
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  3.     Mi trovi su: Homepage #4737976
    Originally posted by massituo
    scusa ho letto male:)


    più che altro, mi sembra si dia sempre poca importanza a queste cose. Il risanamento del debito pubblico credo sia un passo importante, se non obbligato per un prossimo rilancio di tutta l'economia nazionale, quindi anche a livello individuale. Suppongo eh, da quello che ho letto, ma non son mica un economista, anzi di economia me ne intendo gran poco ;)
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4737977
    Originally posted by digital_boy84
    bhe no dai si parla del 2008...lui nel 2008 ha fatto in tempo a lavorare un paio d settimane povero :asd:

    cmq si dice
    "Gli uffici del commissario Ue agli Affari economici Joaquin Almunia, riconoscono tuttavia "i buoni progressi" fatti nel 2007." quindi :approved:
    si si, ho letto male, ammetto la mia colpa:asd:

  Ue: i conti pubblici sono a rischio

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina