1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4745806
    I giallorossi sono alla ricerca di rinforzi per il prossimo anno.

    «Roma prendi Forestieri». L'appello è di Dario Canovi, che suggerisce alla società giallorossa l'italo-argentino, attualmente in comproprietà tra il Genoa e il Siena. El Topa, questo il soprannome (derivante da "topador", che significa scavatrice, per la sua potenza) del talento classe '90 che il Genoa ha portato in Italia quando aveva 16 anni, potrebbe essere il crack del prossimo calciomercato. «Vale quanto Pato, costa molto meno ed è comunitario. Se a Spalletti serve un trequartista, uno in grado di giocare anche sulla fascia sinistra, Fernando è il giocatore giusto».

    La Roma in realtà sta cercando un centravanti, una prima punta, lo ha detto anche Spalletti due giorni dopo la chiusura del mercato invernale. «Se lo ha detto Spalletti bisogna credergli, li conosce bene il valore dei calciatori che ha a disposizione. I nomi giusti sono quelli di Cruz, Pazzini, lo stesso Rolando Bianchi che è andato alla Lazio. Gente in grado di fare il titolare nella Roma. Se si vuole fare il salto di qualità non possono arrivare giocatori di un livello inferiore rispetto a quelli che ci sono già». Quelli però costano. «Se uno cerca bene in giro ci sono dei calciatori di buon livello, anche senza spendere cifre astronomiche».
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4745808
    Bronzetti spiega come e perche’ la Roma sara’ piu’ forte: «Trenta milioni e due colpi»

    «Il mercato non è stato sbagliato».

    «E' un assurdo». Ernesto Bronzetti, il grande mediatore, l'uomo che ha permesso a Cicinho e a Giuly di arrivare a Trigoria, respinge senza mezzi termini le critiche sulla campagna acquisti giallorossa della scorsa estate. «Parlare di mercato sbagliato è un controsenso. Vorrei ricordare che la Roma è una squadra che, al momento, è seconda in classifica, che tra poco sarà impegnata negli ottavi di Champions e che è già qualificata per la semifinale di Coppa Italia. E va considerato che la Roma è una società che chiude sempre in attivo...».

    Spalletti ha detto che se ci fosse stata l'opportunita di arrivare a un centravanti... «Sì, ma chi? Ho sentito fare i nomi di Sosa e Bjelanovic, e non so neppure se fossero veri. Per farne cosa?».

    E allora per giugno cosa serve? «Per me, ora che ha una rosa competitiva, l'unico modo di migliorare è di tentare l'ultimo salto di qualità».

    Come? «Con due investimenti di alto livello, altissimo. Servono come minimo trenta milioni di euro per riuscire a prendere due titolari. E poi c'è sempre da tenere presente il tetto ingaggi che la Roma vuole rispettare. Altrimenti sarebbe facile: offri quattro milioni a uno, tre milioni a un altro. E invece la Roma deve fare i conti. Se guardate il monte ingaggi dell'Inter è il doppio di quello dei giallorossi. Eppure nonostante questo, senza qualche "colpo di fortuna", chiamiamolo così, a livello di classifica ci sarebbe una differenza di un paio di punti».

    Ma la Roma li spenderà questi trenta milioni? «Se va avanti in coppa... e io me lo auguro. I tifosi devono stare tranquilli Pradè, Conti, Tempestilli, formano un gruppo di lavoro fantastico. E non lo dico per simpatia. Ogni tanto chiedo a Conti o Pradè: "Lo conoscete quel giocatore?", e loro "Se lo conosciamo, eccoti il profilo". E' incredibile, sanno sempre tutto».

    Eppure ogni tanto sbaglieranno anche loro. «Sì, qualche errorino magari l'avranno pure fatto. Forse un altro attaccante io lo avrei preso. Sarebbe stata la ciliegina. Ma non uno qualsiasi, un Pato o un Trezeguet. Oppure per il futuro un Huntelaar o un Benzema. Ma non so neppure se sono prendibili...».

  Roma prendi Pazzini o Forestieri vale quanto Pato

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina