1.     Mi trovi su: Homepage #4749506
    Il ministro inglese per la scuola e per l’infanzia Ed Balls ha deciso di vietare ai bambini delle elementari l’utilizzo dei termini «mamma» e «papà», i quali sarebbero gravemente offensivi nei confronti degli omosessuali…

    LONDRA - A breve in Inghilterra gli insegnanti non dovranno più parlare ai propri alunni usando, in caso di necessità e specialmente nelle lettere e nelle email indirizzate a casa, le parole 'papà e mamma', ma il termine 'genitori'. La distinzione, che a un profano può sembrare questione di lana caprina, sembra rivestire una fondamentale importanza per i britannici che ritengono che l'espressione tradizionale 'mamma e papà' possa essere considerata 'anti-gay'. L'idea è quella che nelle primary school, e cioè fin dalle elementari, i bambini 'familiarizzino' con la prospettiva di coppie formate da esponenti dello stesso sesso, per combattere i pregiudizi omofobici. E gli insegnati, da parte loro, dovranno evitare che i bambini abbiano una 'idea convenzionale' della famiglia.

    L'indirizzo, suggerito al governo britannico dal gruppo per i diritti gay Stonewall, verrà formalmente lanciato oggi dal ministro per la scuola e l'infanzia Ed Balls, spiega il quotidiano Daily Mail, secondo il quale anche i bambini vengono "arruolati nella lotta contro l'omofobia". Di fatto, l'obiettivo dichiarato è che i bambini, già dai 4 anni di età, abbiano chiaro che non tutti i compagni devono avere necessariamente una mamma e un papà. E le novità non finiscono qui: quando si discuterà di matrimonio nelle scuole medie gli insegnanti dovranno parlare ai bambini delle unioni civili e dei diritti sulle adozioni gay. E poi, 'tolleranza zero' nei confronti di chi offenderà un compagno chiamandolo 'gay': il piccolo colpevole sarà trattato alla stessa stregua di un razzista. Tra le espressioni ormai proverbiali messe la bando la famosa frase di incoraggiamento 'comportati da uomo', ma anche quella 'siete un branco di donnicciole'. Infine, 'sollevare' la parola gay dal connotato che le è diventato proprio, quello di omosessuale, visto che significa anche 'felice, gaio, brillante': via libera, dunque, a frasi come "you're such a gay boy", sei un ragazzo così gaio.

    E, in questa rivoluzione, anche l'Italia fa la sua parte: le lezioni di inglese per teenager potranno, infatti, essere focalizzate sulle emozioni provate dal soldato italiano gay Carlo nel film 'Il mandolino del capitano Corelli'. Il ministro Balls si è detto "orgoglioso che il governo e il dipartimento siano stati 'saldi' su questa strada. Il nostro punto di vista è che ogni scuola debba mettere in pratica azioni chiare contro ogni forma di bullismo, incluso quello a sfondo omofobico".

    :eek: :rolleyes:
  2. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #4749507
    Abbiamo un mondo che va veramente a rotoli, chiamatemi vecchio, arretrato, ma per me la famiglia è mamma, papà e bambino/i. Vi sono coppie omosessuali? Va bene. Vogliono sposarsi? Va bene. Vogliono adottare bambini? Non sono daccordissimo ma va bene. Io sono per l'uguaglianza degli uomini sulla faccia della terra senza distinzioni di credo, razza o sesso. Però la natura è andata avanti per milioni di anni con maschi e femmine che si accoppiavano e continuerà ad andare avanti così. Se sei diverso va bene, ma poi sappiti prendere anche le responsabilità oggettive sui bambini che andrai ad adottare, perchè è giusto che tu esprima ciò che hai dentro, ma non puoi pretendere che la normalità sia quello che intendi tu, perchè la natura stessa ci insegna che la normalità è una cosa leggermente diversa.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.

  Inghilterra, vietato dire mamma e papà

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina