1.     Mi trovi su: Homepage #4759671
    L’immagine di Mike Tyson che stacca a morsi l’orecchio di Evander Holyfield e poi lo sputa sul ring in un match valido per il titolo mondiale dei massimi è nella storia dello sport. Era il 28 giugno 1997. Dopo quell’episodio, nessuno pensava fosse possibile che i due si incontrassero di nuovo sul ring. Eppure, per quanto assurdo possa sembrare, è un’ipotesi che potrebbe realizzarsi tra breve. Per soldi, ovviamente. Difficile pensare che il 45enne Holyfield e il 41enne Tyson mettano di nuovo i guantoni per passione. Del resto, le cifre in ballo per un match del genere sarebbero enormi. E per un come Tyson, che è stato capace di bruciare decine e decine di milioni di dollari, fino a trovarsi ridotto quasi sul lastrico, sarebbe una manna dal cielo. Anche se con una sfida del genere, non c’è bisogno di dirlo, lo sport avrebbe ben poco a che fare.

    CONTATTI - A rivelare che esiste la possibilità di un nuovo incontro è stato Holyfield, che in un’intervista al quotidiano inglese “The Guardian” ha raccontato di essere stato contattato da un emissario di Tyson. «Ci sono stati dei colloqui tra noi - dice il quarto volte campione del mondo -. L’allenatore di Mike, Jeff French, mi ha contattato un paio di mesi fa. Affermava che Mike vuole sfidarmi di nuovo e voleva sapere se per me andrebbe bene. Gli ho risposto: “Tutto dipende da quanto ci daranno, perché io voglio guadagnare un sacco di soldi per affrontarlo di nuovo. In passato ho detto che non l’avrei sfidato mai più”. Jeff mi ha risposto che l’unica cosa che interessa a Tyson è sapere se ho voglia di combattere contro di lui e gli ho detto che per il giusto prezzo lo farei». Viva la sincerità, verrebbe da dire.

    SALUTE - Il vero problema potrebbe essere rappresentato dallo stato di salute di Holyfield. Non è tanto l’età a preoccupare, quanto i dubbi espressi dai medici sullo stato fisico del pugile, che continua a combattere in un improbabile tentativo di conquistare il quinto titolo mondiale. Impresa quasi impossibile anche nel desolante panorama della boxe dei nostri giorni. Altro ostacolo potrebbe essere proprio Tyson. La sua instabilità caratteriale, la sua indisciplina e la sua incapacità di gestirsi sono note a tutti. Sarà in grado di rimettersi in riga per un eventuale incontro? Holyfield ha le sue più che giustificate reserve, anche se concede al suo grande rivale il beneficio del dubbio: «Penso che potrebbe farcela se volesse - afferma Holyfield -. Io non sottovaluto nessuno. Adesso ha 41 anni. Io ne ho quattro di più, ma la grande differenza tra noi è che io mi sono sempre mantenuto in forma. Ma con Tyson non si sa mai. Poco dopo che Jeff mi ha chiamato, Mike è andato in Sudafrica e da allora è rimasto tranquillo».

    MOTIVAZIONI - Oltre ai soldi, a spingere Holyfield verso la rivincita potrebbe essere la sua fede religiosa e la bontà d'animo. A differenza di Tyson, infatti, Evander ha mantenuto gran parte delle ricchezze accumulate nel corso della carriera (tra cui i 34 milioni di dollari guadagnati in occasione della rivincita mondiale con Iron Mike). La sfida di cui si parla potrebbe quindi essere anche un modo per dare una mano a quello che una volta era definito “l’uomo più cattivo del mondo” e che adesso è solo un uomo in grave difficoltà e alla ricerca di se stesso. «C’è solo una donna, mia madre, che mi ha impedito di diventare come Tyson - afferma Holyfield -. Sarei finito come lui se mia madre non fosse stata così dura e forte. Lei mi ha coperto di attenzioni e mi ha dato sicurezza. Mike non ha mai avuto tutto questo, perciò provo compassione per lui. È solo parzialmente fuori dalla boxe, solo perché non sa come altro andare avanti. Mike vuole essere accettato come una persone normale, ma ha fatto cose che la gente non dimenticherà. Mike legge molto e questo significa che non è una persona ignorante. Scometto che se gli si chiede il significato del tatuaggio che ha in faccia, ti direbbe tutto sulle sue origini. È uno che pensa molto, ma è anche molto impulsivo. Quando raggiungerà i 50 anni potrebbe diventare una brava persona, ma al momento spaventa ancora la gente».

    Valerio Cammarano
    --------------------------------------------------------

    Sono sempre stato un estimatore di Tyson, fino a quando non si è messo nei guai. Sarebbe potuto diventare il miglior pugile di sempre. Ho sperato in un suo ritorno, da grande, ma purtroppo la sua carriera finì con quelle accuse per stupro.

    Ad ogni modo, un nuovo incontro con Holyfield, anche se a scopo economico, sono sicuro che richiamerebbe 10 volte più pubblico di quanto riesce a fare un qualsiasi incontro per il titolo mondiale tra tutti quei "pugilini" in circolazione adesso. Non c'è più un personaggio.
    ^Mr-Drakula^

    Inquietante Allenatore del temibile Vampiria F.C., il cui Capitano non può che essere il numero 90 (la paura) Canini.

  Holyfield-Tyson, rivincita in vista

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina