1.     Mi trovi su: Homepage #4764616
    Il match clou mette in palio il primato della serie cadetta

    ROMA, 7 marzo - Una giornata, se non proprio decisiva, certamente cruciale per il destino di questa stagione. Riflettori puntati su Lecce-Bologna, ovviamente, il match clou che mette in palio il primato e una fetta di Serie A. Papadopulo carica dopo la prova di forza a Verona con il Chievo e lo sciagurato rigore bruciato da Abbruscato nel finale che avrebbe potuto dare i 3 punti ai salentini. Ma Arrigoni annuncia un Bologna degno capolista e pronto per una «gara perfetta». Quella che servirà per uscire indenni dal Via del Mare e per arginare le antagoniste per la A che spingono alle spalle. I precedenti in B parlano di un solo blitz rossoblù, l’1-3 del torneo 1982-83, e di ben quattro vittorie leccesi, l’ultima delle quali (2-1) nella passata stagione. In mezzo anche altri 2 pareggi, scoppiettante quello della stagione 1986-87 (1-3). In A, perfetta parità con 2 successi per parte e cinque pareggi. Un risultato che potrebbe non bastare a nessuna delle due soprattutto perché alle spalle la concorrenza è forte. Gara affidata all’internazionale Rosetti di Torino, reduce dalla gara di Champions Manchester-Lione.

    IL MESSINA SULLA STRADA DI GUSTINETTI - Spinge l’Albinoleffe di Gustinetti, sorpresa del campionato come il Pisa di Ventura. Senza gol l’unico precedente a Bergamo tra AlbinoLeffe e Messina. Lo 0-0 risale al 14 dicembre 2003. Di Costanzo, finora disastroso in trasferta, prova ad arginare una squadra spietata tra le mura amiche (10 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta). Le assenze sono sempre tante tra i siciliani, ma rientrano anche elementi importanti come Zanchi e D’Aversa. Osare si può.

    PISA, UN RECORD DA JUVE: 11ª VITTORIA IN TRASFERTA? - Se i lombardi di Gustinetti proveranno a centrare la 5ª vittoria consecutiva, i toscani cercano ad Ascoli addirittura l’11ª affermazione in trasferta. Una vittoria servirebbe ad eguagliare il record stabilito dalla Juve nella scorsa stagione alla fine del suo unico campionato cadetto e quello fatto registrare dal Perugia nel torneo 2004-2005. Iaconi ha, comunque, già avvertito che non sarà una passeggiata per il Pisa, ancora senza Cerci e con più di un dubbio a centrocampo. Ascoli e Pisa si sono incontrati due sole volte in B: i marchigiani non hanno mai vinto, al Pisa è invece capitato il 25 ottobre 1992 (2-1). Da ricordare anche un pareggio per 1-1 il 2 gennaio 1994. Con il Chievo impegnato a Rimini forse in una delle gare più dure della 8ª giornata di ritorno, turno apparentemente favorevole al Brescia di Cosmi, che attende il Cesena disperato di Castori. Ma i testacoda possono riservare sempre sorprese.

    SALVEZZA DA BRIVIDI - Anche la zona salvezza promette emozioni. Se ne vivranno di palpitanti a Piacenza, dove l’Avellino è chiamato ad un’inversione di marcia avendo raccolto la miseria di 4 miseri punti nelle ultime 10 giornate. Somma può avvicinarsi in caso di affermazione alla salvezza, o essere risucchiato verso il basso. Il pari potrebbe anche andare benino agli emiliani, ma nelle 5 sfide in serie B tra Piacenza e Avellino non s’è mai verificato: 4 vittorie del Piacenza ed un blitz dell’Avellino: 1-0 il 4 aprile 1976, 0-1 il 6 novembre 1988, 2-1 il 15 settembre 1991 e 2-0 il 30 novembre 2003 e il 5 novembre 2005.

    OCCHIO A GROSSETO-BARI - Fresco di rinnovo contrattuale, Antonio Conte cerca un risultato positivo non solo per una questione d’immagine e di riconoscenza verso la società. Con Gazzi e Lanzafame bisognerà evitare il sorpasso dei maremmani, squadra peraltro attraversata da tensioni intestine che da queste parti non sono una novità. Il Ravenna a Frosinone non può permettersi passi falsi, mentre sembra impossibile la missione del Cesena a Brescia. Treviso-Spezia è uno spareggio in piena regola, esattamente come Triestina-Vicenza. Chi sbaglia si fa male davvero.

  Lecce-Bologna, per la serie A

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina