1.     Mi trovi su: Homepage #4768459
    "Devo capire se la Roma intende puntare su di me, i soldi verranno di conseguenza"

    Nel mirino dei più grandi club d'Italia e d'Europa c'è Alberto Aquilani. Chi, invece, si lecca i baffi per averlo in rosa il club di Sensi. Il centrocampista giallorosso è un altro dei tanti gioielli sfornati dal vivaio romanista. Prima Francesco Totti, poi Daniele De Rossi e, infine, lui. Il 23enne ha esordito il serie A il 10 maggio 2003 in un Roma-Torino finita poi 3-1. Cinque anni vissuti con la maglia giallorossa, cinque anni intensi che gli hanno permesso di incantare molti avversari e molti allenatori.

    Per altri due anni il giovane centrocampista è legato alla Roma, si parla spesso di rinnovi ma all'orizzonte ancora nulla. Allora ecco che spuntano le richieste. Si parla di una partenza verso Milano, direzione Inter, o anche verso Torino, nella Juventus. Ma lui non si lascia raccontare dagli altri, allora dice la sua in prima persona. In un'intervista alla Gazzetta dello Sport parla con sincerità delle sue ambizioni e del suo futuro.

    "Ho un contratto fino al 2010: il tetto di 2,5 milioni della società non è basso, però mi sta a cuore capire il mio futuro. Io voglio giocare, se desiderano putare su di me poi i soldi saranno una conseguenza". E' ovvio che ad Alberto, il ruolo di dodicesimo giocatore della Roma non va giù. Lui, però, a questa maglia è legato, oggi come il primo giorno che l'ha indossata: quando da tifoso è diventato parte della storia di questa squadra.

    A Juventus e Inter ancora non ci pensa, "forse lo farò quando sarà il momento". Quello che conta ora è portare la Roma a livelli sempre più alti. C'è la Champions e il campionato e Aquilani può essere un'arma in più per Spalletti. Alle porte ci sono due appuntamenti importanti, prima quello con il Milan e poi il derby che nella capitale viene vissuto quasi come una finale. Ovviamente, il centrocampista giallorosso, spera di poter giocare titolare proprio contro i biancocelesti. "Il gol che segnai alla Lazio sotto la curva Sud è uno dei ricordi più belli della mia vita. Da quel giorno non ne ho giocato più uno, per questo non vedo l'ora arrivi mercoledì".

    ------------------------------------------------------

    Dipende solo da te.....o meglio dai tuoi infortuni :asd:

    Comunque a me Aquilani piace un sacco, dando uno sguardo ai giovani.....lui e' molto piu' pronto degli altri soprattutto per quel che riguarda la nazionale :)
  2.     Mi trovi su: Homepage #4768462
    Originally posted by Pezzotto
    "Devo capire se la Roma intende puntare su di me, i soldi verranno di conseguenza"

    Nel mirino dei più grandi club d'Italia e d'Europa c'è Alberto Aquilani. Chi, invece, si lecca i baffi per averlo in rosa il club di Sensi. Il centrocampista giallorosso è un altro dei tanti gioielli sfornati dal vivaio romanista. Prima Francesco Totti, poi Daniele De Rossi e, infine, lui. Il 23enne ha esordito il serie A il 10 maggio 2003 in un Roma-Torino finita poi 3-1. Cinque anni vissuti con la maglia giallorossa, cinque anni intensi che gli hanno permesso di incantare molti avversari e molti allenatori.

    Per altri due anni il giovane centrocampista è legato alla Roma, si parla spesso di rinnovi ma all'orizzonte ancora nulla. Allora ecco che spuntano le richieste. Si parla di una partenza verso Milano, direzione Inter, o anche verso Torino, nella Juventus. Ma lui non si lascia raccontare dagli altri, allora dice la sua in prima persona. In un'intervista alla Gazzetta dello Sport parla con sincerità delle sue ambizioni e del suo futuro.

    "Ho un contratto fino al 2010: il tetto di 2,5 milioni della società non è basso, però mi sta a cuore capire il mio futuro. Io voglio giocare, se desiderano putare su di me poi i soldi saranno una conseguenza". E' ovvio che ad Alberto, il ruolo di dodicesimo giocatore della Roma non va giù. Lui, però, a questa maglia è legato, oggi come il primo giorno che l'ha indossata: quando da tifoso è diventato parte della storia di questa squadra.

    A Juventus e Inter ancora non ci pensa, "forse lo farò quando sarà il momento". Quello che conta ora è portare la Roma a livelli sempre più alti. C'è la Champions e il campionato e Aquilani può essere un'arma in più per Spalletti. Alle porte ci sono due appuntamenti importanti, prima quello con il Milan e poi il derby che nella capitale viene vissuto quasi come una finale. Ovviamente, il centrocampista giallorosso, spera di poter giocare titolare proprio contro i biancocelesti. "Il gol che segnai alla Lazio sotto la curva Sud è uno dei ricordi più belli della mia vita. Da quel giorno non ne ho giocato più uno, per questo non vedo l'ora arrivi mercoledì".

    ------------------------------------------------------

    Dipende solo da te.....o meglio dai tuoi infortuni :asd:

    Comunque a me Aquilani piace un sacco, dando uno sguardo ai giovani.....lui e' molto piu' pronto degli altri soprattutto per quel che riguarda la nazionale :)

    Quando sta bene si comporta davvero da giocatore esperiente ed efficace:) :)
  3. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4768464
    Originally posted by wfw
    :mumble:


    Esperiente vole dir esperto.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  4. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4768465
    Originally posted by GLOBO
    Esperiente vole dir esperto.:cool:



    giusto! a volte la lingua madre mi suona male!!





    In lenguìstica un esperiente el xe l'argoménto verbałe de un verbo che no'l pròvoca mìa un canbio de stato a l'ojeto direto. Un saco de łéngue łe trata esperienti e agenti in modo conpagno dal pónto de vista gramaticałe.

    Par exenpio in (mi) vardo Màsimo, sénto ła Marta mi so' sojeto del verbo, morfołogicamente, ma in realtà no ghe fo gnente a Màsimo né a ła Marta (mi fao soło na esperienzsa, łuri i vien vardài o sentìi) mentre in mòrsego Màsimo, salvo ła Marta i du ojeti i ga anca un canbio de stato provocà (i vien morsegài o salvài) provocà da mi che so' el sojeto agente.

    Estratto da "http://vec.wikipedia.org/wiki/Esperiente"

  Aquilani punta i piedi: "Voglio giocare"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina