1.     Mi trovi su: Homepage #4777501
    Il talento barese esce allo scoperto: «Non mi muovo da Genova»

    GENOVA, 7 aprile - Cassano vuole Champions ed è convinto che la sua Samp abbia tutte le carte in regola per raggiungerla. Ieri contro il Livorno il talento barese alla mezz'ora della ripresa ha rimandato il cambio del suo allenatore, il quale gli stava chiedendo come stava. Poi, dopo aver servito l'assist al bacio per il 2-0 di Bonazzoli, si è girato verso Mazzarri e gli ha detto: «Mister, se vuole ora posso uscire». Il tecnico lo ha tolto facendogli ricevere l'ovazione di tutto il Ferraris. Insomma, lui ci crede. Crede a una Champions da poter giocare con la maglia della Samp e questa speranza l'ha riportata sul sito ufficiale del club blucerchiato. «I compagni senza di me hanno fatto benissimo - dice Cassano in un'intervista a Rai Sport -. Ora dobbiamo continuare così e puntare agli obiettivi più importanti... I tifosi? Incredibili. Questo stadio mi dà una marcia in più, giocare qui è da togliere il fiato per me. Per fortuna, lo ripeto, i miei compagni hanno fatto benissimo anche senza di me e la classifica parla chiaro».

    FUTURO E NAZIONALE - Poi Cassano parla del suo futuro ancora incerto e della voglia di tornare protagonista anche in Champions. «Certo che mi piacerebbe giocare in Champions League l'anno prossimo. E poi io vorrei tanto, tanto, tanto, tanto, ma tanto, restare qui a Genova. In questi otto mesi mi sono affezionato in maniera incredibile alla città, alla gente, sto benissimo qui. La mia volontà la conoscono sia i dirigenti della Samp che quelli del Real, poi il resto bisogna chiederlo al direttore Marotta. La Nazionale? Ho grande rispetto per Donadoni e accetterò le sue decisioni con serenità. Naturalmente spero di andare agli Europei, ma se non dovesse accadere non cambierebbe nulla tra me e il commissario tecnico».
  2.     Mi trovi su: Homepage #4777502
    Cassano-Samp, è il mese decisivo

    Garrone ammette: "Decideremo nelle prossime settimane"

    La volontà c'è. Non resta perciò che tradurre i desideri in fatti. Il futuro di Cassano e della Sampdoria si decideranno nelle prossime settimane. Lo ha ammesso, candidamente, lo stesso presidente blucerchiato, Riccardo Garrone: "Credo che il prossimo mese sia quello decisivo per capire se Cassano potrà rimanere a Genova - ha detto -. Lui qui sta bene e poi qui c'è il mare. Se sono ottimista? L'importante è che sia ottimista lui. In questo momento non so darvi percentuali sulla sua permanenza, spero siano alte".

    Già, spero. Perché, come noto, il problema principale di una trattativa che ha l'aria di non essere poi così breve è l'ingaggio del giocatore. Se Cassano abbasserà le pretese, sedersi attorno a un tavolo e chiudere l'affare sarà questione di attimi. Altrimenti ogni parola sarà inutile e ciascuno andrà per la propria strada. Di fatto, questo è chiaro, la Samp ha fretta di chiudere e, in qualche modo, sta cercando di convincere Cassano a prendere presto una decisione. Perché, in vista del prossimo campionato, senza Cassano la Samp sarebbe tutta da ricostruire.

  Cassano: «Samp, resto per la Champions»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina