1.     Mi trovi su: Homepage #4778336
    Ora l'arbitro di Bari attende solo la chiamata di Collina

    ''Ero certo che il tempo mi avrebbe dato ragione, ma quanto tempo...''. Era il 16 marzo 2007 quando Gianluca Paparesta arbitrò l'ultima partita. Ora che anche la Corte di giustizia federale ha detto sì alla sua richiesta di annullare la sospensione seguita agli sviluppi di Calciopoli. L'arbitro di Bari, diventato famoso per esser stato chiuso da Moggi nel suo stanzino al Granillo di Reggio Calabria, aspetta e spera. Perché da stasera è di nuovo un arbitro a disposizione dell'Aia, ma da qui a considerarlo pronto per le designazioni di Collina ne corre. Intanto la richiesta degli avvocati è chiara: ''Ora serve un reintegro completo''. Prima di tornare veramente a disposizione del designatore, infatti, Paparesta, che compirà 39 anni il prossimo 25 maggio, dovrà superare la visita medica di idoneità, sottoporsi ai test fisico-atletici e affrontare la valutazione tecnica del designatore Collina.

    Il 28 marzo scorso, il primo punto a favore di Paparesta: Gussoni aveva revocato la sospensione cautelare seguita all'avviso di garanzia della procura di Napoli, dopo l'archiviazione della sua posizione nell'inchiesta su Calciopoli, da parte del Gip di Napoli Laviano. Adesso un altro piccolo-grande successo, con la Corte di giustizia federale che ha accolto il ricorso presentato assieme al collega Salvatore Racalbuto, e annullato le sanzioni inflitte in precedenza dalla Disciplinare, che imputava in particolare a Paparesta di ''aver sottaciuto all'Ufficio indagini l'esistenza di rapporti di affinità con soggetti interessati ad una società commerciale in favore della quale aveva chiesto un intervento di favore ad un dirigente della società Milan''.

    Il futuro arbitrale del 'fischietto' barese, però, rimane un rebus. Su Paparesta c'è ancora un fascicolo del procuratore federale Stefano Palazzi sull'uso delle schede segrete usate da Moggi: vi compare traccia del direttore barese (con due schede). E non è una sola incognita: una norma dell'Aia vorrebbe che dopo 10 anni un arbitro, non internazionale, esca dalla Can di A e B. Varrà anche per Paparesta, visto l'anno di stop, e considerate le richieste dei suoi legali? Dallo sgabuzzino di Reggio Calabria alla decisione della Corte federale, la vicenda Paparesta non è ancora chiusa.

  Ricorso accolto: Paparesta può arbitrare

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina