1.     Mi trovi su: Homepage #4790868
    Coinvolti anche Materazzi, Mihajlovic e altri

    MILANO, 15 maggio - Giallo intorno a Roberto Mancini, a pochi giorni dalla domenica dello scudetto. L’allenatore dell’Inter compare in alcune intercettazioni telefoniche nelle quali parla familiarmente con Domenico Brescia, pregiudicato con precedenti per omicidio e associazione mafiosa, sul quale hanno indagato a lungo i magistrati di Milano negli ultimi due anni. Nelle conversazioni tra Brescia e Mancini - che fanno parte di un faldone di millecinquecento intercettazioni - non sono stati rilevati al momento risvolti penali, ma i colloqui sarebbero poco gradevoli: discutendo di donne e orologi, ci sarebbero anche riferimenti sconvenienti ad altri pregiudicati. Non solo: Mancini parlerebbe anche con un latitante all’estero, poi finito in carcere. Domenico Brescia, non ancora sessantenne, coinvolto in passato anche in indagini sugli stupefacenti, frequentava l’ambiente dell’Inter: aveva rapporti con i calciatori, i dirigenti, i tecnici, che si rivolgevano a lui anche - ad esempio - per questioni di... abbigliamento, visto che il pregiudicato ha un negozio di sartoria.
    Il pregiudicato, originario della provincia di Piacenza, è stato intercettato dai carabinieri milanesi anche in conversazioni con Sinisa Mihajlovic, vice di Mancini all’Inter, con Fausto Salsano, collaboratore del tecnico nerazzurro, e anche con Marco Materazzi, difensore della Nazionale oltre che della squadra campione d’Italia.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4790869
    «Intercettazioni? L'Inter non c'entra»

    L'ad Paolillo nega coinvolgimenti: «Domenico Brescia non ha avuto mai alcun rapporto di lavoro con l'Inter e quindi non è mai stato un dipendente nerazzurro»

    MILANO, 15 maggio - «Non sapevamo nulla di tutta questa vicenda, non conosciamo i fatti riportati dai giornali e non abbiamo alcun commento da fare. Posso solo precisare che Domenico Brescia non ha avuto mai alcun rapporto di lavoro con l'Inter e quindi non è mai stato un dipendente nerazzurro»: così l'amministratore delegato dell'Inter Ernesto Paolillo ha commentato le conversazioni intercettate tra Brescia e alcuni esponenti dell'Inter.

    Paolillo ha spiegato che «Brescia aveva forse contatti con i giocatori ma non ha mai avuto nulla a che fare con la società Inter che non gli ha mai affidato alcun lavoro».

  Mancini, telefonate scomode: è giallo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina