1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4799428
    9 milioni per 3 anni.27 milioni più i dindini per gli acquisti che sicuramente vorrà Mou=o vincete la Champions per 3 anni consecutivi o sono bitter cocks.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  2.     Mi trovi su: Homepage #4799429
    Originally posted by massituo
    li regalate proprio i soldi:asd:



    Beh...Diciamo che noi del forum, chi più indignato e chi meno...ce ne laviamo le mani..Io di mio non metto manco una rupia:cool:

    Comunque sul link digitale non si parla di cifre....Si vergognano, evidentemente:asd:

    Contando....:
    24 Milioni al Mancio se decide di fare l'incassoso e andare...lo dice la parola stessa..all'incasso...
    5-6 Milioni a tutto lo staff del Mancio....

    27 allo Special Uahahahahahahan:P (Netti e lordi nel mismo tempo....Lordi Lordi quanti sono ?)

    Altri milioncini allo staff dello Special Uahahahahan:D :rolleyes: ...


    Senza dubbio sarebbe stato più opportuno ed etico comprare due giocatorini tipo C.Ronaldo ed Essien (senza esagerare...) e mettere GLOBO in panchina in cambio di sUntuosi pranzi...

    Mi sentirei più vicino alla Champions e allo scudetto....Basterebbe spendere due euri in iù per spargere sale ovunque GLOBO transiti....E lasciar giocare chi va in Campo....


    Tatticamente....
    Ho visto il Chelsea in Nepal un casino di volte (prima dello special esonero)....
    Gioca con un 4-5-1 bello compatto, è il mio modulo preferito in SuperLega...(si può chiamare 4-3-3..ma ci vuole coraggio...)...
    Non penso che il buon IBRA sia il puntero + adatto a giocare alle direttive di Special Uahahahahan...
    A meno che lo special Uahahahahan non adotti il modulo del Mancio (quello che..."Là davanti fate il casso che Vi pare, tanto siete forti e non voglio chiuderVi in schemi con le sbarre...)...:sbam:
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4799430
    "I segreti dello Special One"

    Il preparatore che ha lavorato con Mourinho al Chelsea svela: "È un grande motivatore, per lui la paura non esiste. E sa usare l'ironia". Insomma il perfetto erede di Herrera

    ROMA, 2 giugno 2008 - Lui conosce bene José Mourinho. Stefano Tirelli, 39 anni, milanese, docente alla facoltà di Scienze motorie dell’Università Cattolica di Milano, dove insegna Tecniche complementari sportive — un’integrazione tra le conoscenze di preparazione atletica e metodologie del benessere naturale — da due anni segue con lo staff di Ecolife il centrocampista ghanese Michael Essien e ha lavorato per diversi periodi a Stamford Bridge, il centro sportivo del Chelsea. A Londra, Tirelli ha conosciuto José Mourinho.

    JOSÉ COME IL MAGO - Il confronto, tra i due, è nato proprio sul lavoro. Mourinho è un motivatore. È un erede, tanto per restare in faccende interiste, di Helenio Herrera. I metodi sono diversi, tra il Mago e lo Special One ci sono oltre 40 anni di differenza, ma il partito è lo stesso: "Mourinho è un tecnico molto attento alle cosiddette motivazioni — spiega Tirelli —. Per lui un calciatore non deve allenare solo i muscoli: deve sviluppare una grande forza mentale. Mourinho è un motivatore naturale, capace di scoprire e trarre il meglio da ogni suo giocatore. Lavora a livello singolo e di gruppo. Prima delle partite, prende da parte i calciatori e li sollecita. Il suo concetto base è che la paura non esiste, che la prima regola di un calciatore è che deve dimenticare la paura. Poi allarga il confronto con il gruppo, caricando tutti insieme. Mourinho stabilisce rapporti forti con i suoi giocatori. Li tratta da uomini. Un episodio che descrive bene la capacità di Mourinho di caricare i giocatori e trasmettere energia è il modo con cui festeggiò al Camp Nou di Barcellona un gol di Drogba. Era la rete del 2-2. Mourinho sembrava un calciatore e in questi gesti i giocatori sentono l’allenatore uno di loro".

    IL MOURINHO CHE NON T’ASPETTI - Mourinho si definisce lo Special One e viene comunemente definito come un "grande antipatico". Ma con i suoi giocatori il rapporto è diverso. "Mourinho sa essere ironico — riprende Tirelli —. Ricordo un episodio dello scorso anno. Essien si fece male al ginocchio in una partita di Premier League e la sua partecipazione alla trasferta di Valencia, in Champions, sembrava in dubbio. I tempi per recuperare erano strettissimi. Michael mi chiese di restare qualche giorno a Londra per aiutarlo a guarire. Il lavoro dello staff medico del Chelsea e il mio contributo in termini di recupero energetico e di mental training permisero a Essien di presentarsi all’aeroporto di Londra per partire. Quando Mourinho lo vide, gli chiese sorridendo se veniva per fare il turista o se era pronto. Essien giocò e firmò il gol qualificazione del Chelsea".

    MOURINHO E L’AFRICA - Un altro episodio che rivela il carattere di Mourinho è un viaggio in Africa. "Lui ha grandi slanci umanitari. Accompagnò Michael in Ghana per una manifestazione di solidarietà. Mi sono rimasti impressi i suoi occhi, mentre guardava con rispetto e ammirazione Essien impegnato a giocare a calcio con i bambini, sui campi di terra bruciata dal sole. Non capita tutti i giorni d’incontrare un allenatore che va in Africa e partecipa a un progetto di solidarietà".
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4799432
    Il blob della settimana è un Josè Mourinho show

    Puntata dedicata al portoghese prossimo allenatore dell'Inter. Che a Lineker rivela di essere stato contattato dai nerazzurri già qualche anno fa...

    "Con quale allenatore di Premier le piacerebbe di meno fare a botte?" "Vuole che risponda alla domanda? Con quale allenatore non mi prenderei a cazzotti?! Big Sam! (Allardyce, allenatore del Newcastle) Mi ucciderebbe!".
    Arriva in Italia il Josè Mourinho show, parte 1 – Channel 4

    Gli ho detto all’intervallo: la prossima volta che ci riuniamo qua insieme dobbiamo essere campioni, dobbiamo vincere questa partita, dobbiamo ucciderla. Adesso per me è il momento di eclissarsi. Questo è il loro momento, sono loro quelli importanti.
    Josè Mourinho show, parte 2, sul terreno dello Stamford Bridge dopo aver vinto il primo campionato con il Chelsea – Sky sports
    "Pressione? Pressione per cosa?!" "Per aver perso le ultime due partite" "La pressione è in quei milioni di persone al mondo, quei genitori che non hanno soldi per comprare cibo per i figli. Non nel calcio"
    Josè Mourinho show, parte 3 – BBC

    Non sono lo "Special One". Non sono speciale. Ero sotto pressione, mi avete messo sotto pressione quando sono arrivato. Sono arrivato qua, ed ero il campione d’Europa. Solo una settimana dopo. Pensai: "Ecco che arriva il campione d’Europa". Ma voi non mi rispettavate! Cinquanta domanda difficili, e ce la farai, e sei pronto per questo, e sei pronto per quell’altro, e allora ero là e pensai "Ehi, ma io sono lo Special One!"
    Josè Mourinho show, parte 4 - BBC

    Per me la pressione è la febbre aviaria. Sento molta... Sono serio! Sento molta pressione per quello che può succedere in Scozia. Sul serio. Voi ridete ma sono serio! Non è lontano! Sono molto più spaventato dall’aviaria che dal calcio!
    Josè Mourinho show, parte 5 - BBC

    "Josè, dopo gli ultimi due 0-0 casalinghi, hai avuto tempo per pensare in come rendere questi pareggi delle vittorie?" "Mmh…mmh... E’ che non voglio essere duro con te. Perché sei un bravo ragazzo. Devo pensare bene alla risposta, non te lo meriti" "Me la caverò". "Non credo... Voglio solo chiederti una cosa: hai visto le ultime due partite?" "Sì" "Allora non hai bisogno di una risposta".
    Josè Mourinho show, parte 6 – Sky sports

    Ero molto felice quando questa settimana ho ricevuto le statistiche di una compagnia che lavora per Sky sports. Dicevano che il Chelsea è la squadra più offensiva in Premier, e lo dicevano con i numeri. Abbiamo fatto 111 tiri in 8 giornate, molto più di Arsenal e altre squadre che la gente pensa giochino più tecnicamente di noi.
    Josè Mourinho show, parte 7 – Sky sports

    Andai in Brasile a comprare giocatori in cambio di noccioline e banane.
    Il calciomercato quando allenava l’Uniao Leiria di Josè Mourinho show, parte 6 – BBC

    Sono un cattivo perdente.
    Josè Mourinho show, parte 8 –BBC

    Per me è molto difficile stare zitto. Specialmente quando non sono soddisfatto, è molto, molto difficile.
    Josè Mourinho show, parte 9 – BBC

    Ero preoccupato di vincere il campionato portoghese, la coppa, essere la squadra migliore. Ma poi la Coppa Uefa, la Champions, il Chelsea, è stato tutto troppo veloce. Troppo veloce.
    Josè Mourinho show, parte 10 – BBC

    Ho la certezza che il prossimo anno vinceremo il campionato.
    Josè Mourinho show, parte 11, arrivando a Porto dove l’anno dopo vincerà il campionato - Rtp

    Lui ha vinto all’inizio e per questo è stato accettato, ma se non avesse vinto non avrebbe avuto successo. La mia carriera da giocatore parla da sola. Io ho già fatto cose con squadre minori che lui non riuscirà a fare mai in tutta la sua vita. Ne vado orgoglioso. Basta vedere nel comportamento sociale e sportivo, paragonare il suo al mio. Fate un paragone, avanti, vediamo. Basta prendere le dichiarazioni su un qualsiasi giornale. E’ un ritardato mentale. Un ritardato, proprio così. Si sente in diritto di dire e pensare quello che vuole solo perché ha i soldi e sta nella squadra migliore, ma non è un vero uomo.
    Jaime Pacheco, allenatore del Boavista, da un momento all’altro gli parte il fegato

    Quando, e accadrà sicuramente durante il campionato, saremo in svantaggio con l’avversario, li massacreremo senza respiro.
    Josè Mourinho show, parte 12 – Rtp

    L’unica cosa che voglio dire è che siamo i migliori, e in condizioni normali siamo molto migliori, e in condizioni normali saremo campioni. E in condizioni anormali... (pausa teatrale di quattro secondi, poi sbattendo la mano sul tavolo, ndr) saremo comunque campioni!
    Josè Mourinho show, parte 13 - Rtp

    Hanno parcheggiato l’autobus davanti alla porta. :asd:
    Josè Mourinho show, parte 14, su uno 0-0 contro il Tottenham – Chelsea Tv

    Io non parlo agli arbitri, e non voglio che neanche altri allenatori lo facciano. C’è un regolamento. Ho letto che l’arbitro dice che gli allenatori parlano con lui dozzine di volte. Ma una cosa è parlare, e una cosa è urlare. E se la federazione inglese vuole che io vado a dirgli cosa succede in quella stanza, io ci vado. Non ho niente contro sir Alex (Ferguson, ndr). Vi dirò una cosa: dopo la partita e la conferenza ci siamo incontrati nel mio ufficio. Abbiamo riso, abbiamo parlato, abbiamo bevuto. Anzi, ad essere sincero, quando andrò all’Old Trafford gli porterò del buon vino, perché questo di stavolta era pessimo e lui si è lamentato. Siccome al ritorno sarà anche il mio compleanno, gli porterò una bella bottiglia di buon vino portoghese, da bere assieme dopo la partita. Quindi io non ho niente contro di lui. E’ solo che siccome lui è un grande manager, formidabile, scaltro, allora usa il suo potere e il suo prestigio, ma l’arbitro non dovrebbe permetterlo.
    Josè Mourinho show, parte 15 – Sky news

    "Scusate se vi interrompo, ma è pazzesco, nessuno mi chiede della mia formazione. Volete sapere la formazione? E allora perché non me la chiedete?" "Mister Mourinho, quale sarà la formazione?" "Mi spiace, troppo tardi!"
    Josè Mourinho show, parte 16 – Sky sports

    Era molto curioso, sempre a fare domande, osservando i giocatori che si allenavano, come si allenavano, vedeva quello che facevano, imparava, ascoltava, guardava, registrava. Faceva tutte queste cose, e guardate dov’è arrivato ora, assolutamente fantastico.
    Bobby Robson sul periodo allo Sporting e al Barcellona quando ha avuto Mourinho come interprete – BBC

    "Devo essere sincero, non mi piaceva l’Arsenal di inizio stagione, quando le davano a tutti. E non mi piace neanche ora che hanno dato 7-0 all’Everton". "Perché non ti piace?" "Perchè vincono! Li preferivo di gran lunga quando a metà stagione regalavano punti ogni settimana. Li amavo proprio".
    Josè Mourinho show, parte 17, con Gary Lineker – BBC

    Penso che il gioco tra un allenatore controverso come me, e la stampa inglese, sia un gioco affascinante.
    Josè Mourinho show, parte 18 - Rtp

    "Quando fui chiamato dal Chelsea, avevo la possibilità di andare anche in una big del calcio italiano. E il giorno dopo la finale di Champions...". "Posso chiederti quale big?". "Hanno un allenatore ora, non credo sia". "Va bene, non devi rispondere". "Ok, non è difficile, sono quelli che ogni anno cambiano allenatore". "Ah, ho già capito...". :eek: :asd:
    Josè Mourinho e Gary Lineker, maggio 2005. Ce n’è abbastanza per uno scoop - BBC

    E per favore, scrivete ciò che dico, non quello che volete io dica. Perché a volte scrivete quello che volete io dica, non ciò che dico.
    In fede, Josè Mourinho – Sky news
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4799435
  6.     Mi trovi su: Homepage #4799436
    peccato, mancini poteva aspirare a vincere un'altra coppa italia almeno...
    con lo speciale non penso che l'inter vada da nessuna parte...
    oltre ai soldi che moratti regali a chicchesia...
    lo bombarderò di richieste di assunzioni...alla fine stufo, mi darà qualche miliardino!!:cool:
    1 Superlega (Clausura 2007/08)
    1 Champions Superleague (apertura 2011/12)
  7. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4799437
    Originally posted by SUPERPADREPIO
    Basterebbe spendere due euri in iù per spargere sale ovunque GLOBO transiti


    Non serve.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  8. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4799439
    Originally posted by Torre878
    L'Inter ha un allenatore :yy:


    Sì ma ce l'aveva anche prima, ha vinto di tutto... Ma perché è così difficile accettare che l'allenatore precedente ha dato un tot, che è tanto, la società vorrebbe un tot diverso e quindi cambia?

    Certo, tanto per mettere un po' di pepe, non è che proprio Mancini sia ricercatissimo ora che è libero... :asd:
  9.     Mi trovi su: Homepage #4799440
    Originally posted by lucafiQo


    Lui ha vinto all’inizio e per questo è stato accettato, ma se non avesse vinto non avrebbe avuto successo. La mia carriera da giocatore parla da sola. Io ho già fatto cose con squadre minori che lui non riuscirà a fare mai in tutta la sua vita. Ne vado orgoglioso. Basta vedere nel comportamento sociale e sportivo, paragonare il suo al mio. Fate un paragone, avanti, vediamo. Basta prendere le dichiarazioni su un qualsiasi giornale. E’ un ritardato mentale. Un ritardato, proprio così. Si sente in diritto di dire e pensare quello che vuole solo perché ha i soldi e sta nella squadra migliore, ma non è un vero uomo.
    Jaime Pacheco, allenatore del Boavista, da un momento all’altro gli parte il fegato


    [SIZE=24]CRR CRRR CRRRR[/SIZE]
    questo è gobbo:asd:

  Mourinho è ufficiale

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina