1.     Mi trovi su: Homepage #4806627
    Trenta giugno, siamo arrivati. E' la data più attesa (o più temuta) dai calciatori: quella della scadenza del contratto, quella che si ricorda ai dirigenti quando si chiede l'aumento. Per alcuni c'è la certezza di ottenere più soldi, che poi è lo scopo principale del 95% dei giocatori, per altri il problema di rimediare l'ultimo ingaggio, per altri ancora è l'ora della pensione. Stavolta non smetteranno in molti. Di sicuro Couto, Serginho e Fiori, quest'ultimo con un record: nove anni col Milan, una sola presenza in campionato. Nel frattempo si è laureato in legge ed è fra i cinquemila italiani col 740 più robusto (fonte Italia Oggi). Uno con la testa sulle spalle, Valerio Fiori.

    Gli altri sono sul mercato: costano zero ma quanto valgono? Qualcuno tanto. C'è Matteo Ferrari, ex centrale della Roma, che si può accasare ovunque, titolare o riserva. Poi Morfeo. E ancora Locatelli: centrocampista-attaccante, 32 anni e classe purissima. Il Siena l'ha mollato insieme ad Alberto e Bertotto che faranno più fatica.

    Anche in questo campo primeggia Milano. Cesar e Solari sono orfani di Mancini. Il secondo è apprezzatissimo in Spagna, il primo viene da un ingaggio di un milione e mezzo netto: tutto dipende da quanto è disposto a rinunciare. Il Milan, oltre a Serginho e Fiori, perde Cafu e Ronaldo, davvero impresentabile dopo le ultime disavventure. Sono ancora molto popolari in Brasile, potrebbero chiudere la carriera a casa e comunque il conto in banca li tutela per il futuro. Nemmeno Bobo Vieri ha problemi: se l'Atalanta non lo vuole più potrebbe andare in Inghilterra, anche in B dove potremmo ritrovare tanti buoni giocatori come Ballotta, De Rosa, Galante e Birindelli, ma non di certo Recoba

    El Chino, che ha il contratto con l'Inter in scadenza il 1 luglio, punta alla serie A. Ha raccontato di aver rinunciato ai soldi del Qatar. Gli piacerebbero Bologna e Palermo, ma lascia le porte aperte anche all'Inter (con Moratti non si può mai sapere). «Sarei un buon affare per molti club italiani» ha detto. Il Torino (22 presenze e 1 gol) che l'ha rispedito subito a Milano la pensa diversamente. (ilmessaggero.it)
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4806629
    Originally posted by digital_boy84
    di tutti quelli menzionati non ne acquisterei nemmeno uno


    Locatelli vi conviene.Fa le cose per bene.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4806631
    Originally posted by DYD_1974
    non c avesse la resistenza di un galbanino :cool:


    :asd:

    Anche per infoltire la misera pattuglia di italiani.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Ecco il 30 giugno: da Ferrari a Ronaldo, quelli che non costano niente

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina