1.     Mi trovi su: Homepage #4806844
    Il centrocampista giallorosso parla del suo rinnovo fino al 2012: «È un sogno che ho sempre avuto da bambino, starò sempre qui. Spero di continuare qui fino a 36/37 anni e di smettere avendo alzato al cielo qualcosa di importante. Lippi? Bentornato, ma mi dispiace per Donadoni»

    ROMA, 1 luglio - Daniele De Rossi e la Roma insieme per sempre. Il centrocampista ha rinnovato ieri il contratto con la società giallorossa fino al 2012 e oggi si è presentato in sala stampa a Trigoria per spiegare la sua scelta. «Con la società avevamo già parlato, mancavano solo dettagli, solo la firma. Vedo tanta felicità nei tifosi per questo rinnovo, sono contento. Ho detto sì ad un progetto importante. La società e lo staff tecnico hanno lavorato molto bene. La voglia di continuare a far bene c’è. L’onore sentrsi desiderato in questa città, da questa tifoseria e da questa società. Non si è mai parlato di quante offerte ha rifiutato la famiglia Sensi, un pizzico di gratitudine perchè mi ha reso calciatore, famoso e ricco. Non viene sicuramente per ultimo il progetto tecnico».

    GLI OBIETTIVI - Altri 4 anni di Roma per vincere. Daniele De Rossi lo dice senza peli sulla lingua: «Resto per vincere uno scudetto o Champions League. Voglio restare in giallorosso fino a 36, 37 anni, finché le gambe mi reggeranno. Voglio vincere qualcosa d'importante con questa maglia».

    LA NAZIONALE E TOTTI - E' il giorno della presentazione di Lippi e De Rossi non poteva non parlare anche di Nazionale: «Se proprio doveva andare via Donadoni, allora è bene che sia venuto Lippi. E' colui che mi ha portato in Nazionale, che mi ha fatto esordire, che mi ha dato tanta fiducia e me l'ha poi ridata quando nessuno l'avrebbe ridata fatto. C'è del rammarico ma non sento su di me la responsabilità del fatto che abbiano mandato via Donadoni. Mi dispiace molto e ne ho parlato con lui. Ai rigori mi ha raccontato che ha quasi sempre perso». C'è la possibilità che in azzurro torni anche Totti, De Rossi si dice favorevole: «Mi farebbe piacere, ma sono valutazioni che deve fare lui. Ha subito un altro infortunio e questo dal punto di vista fisico potrebbe essere un ostacolo in più. Ma il Mondiale ha qual fascino che ti può fare sopperire a stanchezza e fastidi. Probabilmente avrà voglia di dimostrare ancora una volta il suo attaccamento alla maglia azzurra. Ho parlato tante volte con lui di tutto ma non di questo».
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4806847
    Originally posted by TonyManero
    vince tutto il milan :cool:


    Alla pleistescion.:cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4806850
    Originally posted by massituo
    il problema di giocatori come de rossi o totti è che se se ne andassero via da roma (come sarebbe logico per vincere qualcosa che vada oltre la coppa italia) non potrebbero più metterci piede. Fare dichiarazioni d'amore ai Romanisti è una condanna.


    ah ho capito invece si può dire "amo il milan....











    aspettate però, ora vado a Londra per far studiare l'inglese ai miei figli ucraini nati in Italia"

    è senz'altro uan dichiarazione che tutti gli altri fessi si berrebbero!

    :asd:
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4806851
    Originally posted by wfw
    ah ho capito invece si può dire "amo il milan....











    aspettate però, ora vado a Londra per far studiare l'inglese ai miei figli ucraini nati in Italia"

    è senz'altro uan dichiarazione che tutti gli altri fessi si berrebbero!

    :asd:
    l'ambiente milan è diverso. Sheva poi non mi pare sia nato a milano
  5. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4806853
    Originally posted by massituo
    l'ambiente milan è diverso. Sheva poi non mi pare sia nato a milano



    vabbè io parlavo solo delle dichiarazioni....

    una promessa o dichiarazioni è una promessa, semplicemente non dovrebbero farle se poi non sono in grado di mantenerle. Lasciamo perdere che l'ucraino al primo gol aveva addirittura baciato la maglia del Chelsea! :rolleyes:

    Poi chiaro che ad esempio il legame che ha De rossi con la Roma (che si è fatto tutta la trafila giovanile ed è nato li) non poteva averla Sheva e nessun'altro del Milan se non il Maldini dei bei tempi e ad esempio non credo che nemmeno lui ai tempi con una squadra con la stessa caratura della Roma attuale sarebbe andato.

    Rimanere è motivo di orgoglio, per lui e per i tifosi e poi dopo tutto è anche abbastanza semplice gioca nella Roma mica il Livorno! ;)
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4806854
    Originally posted by wfw
    vabbè io parlavo solo delle dichiarazioni....

    una promessa o dichiarazioni è una promessa, semplicemente non dovrebbero farle se poi non sono in grado di mantenerle. Lasciamo perdere che l'ucraino al primo gol aveva addirittura baciato la maglia del Chelsea! :rolleyes:

    Poi chiaro che ad esempio il legame che ha De rossi con la Roma (che si è fatto tutta la trafila giovanile ed è nato li) non poteva averla Sheva e nessun'altro del Milan se non il Maldini dei bei tempi e ad esempio non credo che nemmeno lui ai tempi con una squadra con la stessa caratura della Roma attuale sarebbe andato.

    Rimanere è motivo di orgoglio, per lui e per i tifosi e poi dopo tutto è anche abbastanza semplice gioca nella Roma mica il Livorno! ;)
    per un giocatore come de rossi la roma è una piccola realtà. D'altronde basta guardare nella storia cosa ha vinto la Roma e cosa le altri grandi d'europa. La prospettiva poi non è delle migliori. Il concetto è che se de rossi abbandonasse la roma a roma non potrebbe piu tornarci. Sheva a milano può tornarci quando vuole.
  7. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4806855
    Originally posted by massituo
    per un giocatore come de rossi la roma è una piccola realtà. D'altronde basta guardare nella storia cosa ha vinto la Roma e cosa le altri grandi d'europa. La prospettiva poi non è delle migliori. Il concetto è che se de rossi abbandonasse la roma a roma non potrebbe piu tornarci. Sheva a milano può tornarci quando vuole.


    Ma anche un De Rossi potrebbe tornare a Roma quando vuole. Il punto è che un De Rossi a Roma è trattato in un modo, altrove è trattato in un altro. Totti a Roma è un papa, l'equivalente milanese, torinese, ecc. ecc. è un gran giocatore ma non un papa. Credo sia normale che i vari Totti, De Rossi, Aquilani e via dicendo non vogliano muoversi da Roma.
  8. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4806856
    Originally posted by massituo
    per un giocatore come de rossi la roma è una piccola realtà. D'altronde basta guardare nella storia cosa ha vinto la Roma e cosa le altri grandi d'europa. La prospettiva poi non è delle migliori. Il concetto è che se de rossi abbandonasse la roma a roma non potrebbe piu tornarci. Sheva a milano può tornarci quando vuole.



    sarà!

    la relatà dice che in Italia da due o tre anni la Roma è stata solo inferiore all'inter (e nell'utlimo anno forse nemmeno quello con qualche decisione aribitrale diversa) in europa soffre solo il MAnchester e lo stesso De Rossi poteva anche far cambiare il corso delle stessa partita... e cmq è stata l'italiana che è andata + avanti.

    MA a prescindere da questo credo che per un romanista nato a Roma e che gioca nella Roma uno scudetto a Roma ne valga almeno 3 vinti a Milano o con la Juve (che rappresenta sportivamente solo l'odiato nemico).

    E poi credo che la passione è giusto che conti almeno per qualcuno se no sarebbero ragionieri e non calciatori che dicono di sentire qualcosa di speciale per una maglia e non per tutte.

    Anche perchè resta abbastanza triste pensare che la passione ce la debbano mettere solo i tifosi... e nemmeno tutti!
  9.     Mi trovi su: Homepage #4806857
    Originally posted by wfw
    sarà!

    la relatà dice che in Italia da due o tre anni la Roma è stata solo inferiore all'inter (e nell'utlimo anno forse nemmeno quello con qualche decisione aribitrale diversa) in europa soffre solo il MAnchester e lo stesso De Rossi poteva anche far cambiare il corso delle stessa partita... e cmq è stata l'italiana che è andata + avanti.

    MA a prescindere da questo credo che per un romanista nato a Roma e che gioca nella Roma uno scudetto a Roma ne valga almeno 3 vinti a Milano o con la Juve (che rappresenta sportivamente solo l'odiato nemico).

    E poi credo che la passione è giusto che conti almeno per qualcuno se no sarebbero ragionieri e non calciatori che dicono di sentire qualcosa di speciale per una maglia e non per tutte.

    Anche perchè resta abbastanza triste pensare che la passione ce la debbano mettere solo i tifosi... e nemmeno tutti!
    ma tu ancora che dai retta a massi ? :asd:
  10.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4806858
    Originally posted by wfw
    sarà!

    la relatà dice che in Italia da due o tre anni la Roma è stata solo inferiore all'inter (e nell'utlimo anno forse nemmeno quello con qualche decisione aribitrale diversa) in europa soffre solo il MAnchester e lo stesso De Rossi poteva anche far cambiare il corso delle stessa partita... e cmq è stata l'italiana che è andata + avanti.

    MA a prescindere da questo credo che per un romanista nato a Roma e che gioca nella Roma uno scudetto a Roma ne valga almeno 3 vinti a Milano o con la Juve (che rappresenta sportivamente solo l'odiato nemico).

    E poi credo che la passione è giusto che conti almeno per qualcuno se no sarebbero ragionieri e non calciatori che dicono di sentire qualcosa di speciale per una maglia e non per tutte.

    Anche perchè resta abbastanza triste pensare che la passione ce la debbano mettere solo i tifosi... e nemmeno tutti!
    se fosse passione i soldi di ingaggio (almeno la metà) li userebbero per acquistare campioni. Scud ha detto una cosa sacrosanta...a roma derossi e totti sono DE ROSSI e TOTTI. In un'altra squadra sarebbero dei giocatori come altri. Non è un caso che totti si lamentava dopo che qualcuno gli faceva notare le sue bellissime prestazioni in nazionale. Non accetta critiche ed è stato a roma...senza contare che giocando nella roma può prendere a pugni chi vuole e mandare affa l'arbitro con un megafono senza subire nessuna sanzione.

  De Rossi: «Resto alla Roma per vincere scudetto o Champions»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina