1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4807692
    Gabriele, un 17enne di Arezzo, partecipa a una speciale competizione con le stelle del calcio, a Houston. "Sono qui per un gioco, è un sogno"



    NEW YORK (Usa), 5 luglio 2008 - Il sogno americano di Gabriele Cirigliano, aretino di 17 anni, comincia qualche settimana fa, quando attraversa l’Atlantico e va a casa degli zii a Houston. Tre mesi di totale vacanza negli States dopo le fatiche della terza scientifico: già così sarebbe un sogno, appunto. Poi succede che Houston, all’improvviso, diventi una sorta di Paese dei Balocchi. La Fkm mette in piedi il Free Kick Masters, una sfida fra calciatori sull’abilità nel tirare le punizioni, con in premio un milione di dollari. Mica un torneo per sfigati.
    LA SFIDA - Macché, stasera dentro al Reliant Stadium, dove al massimo si esibisce la Houston Dynamo, la squadra locale Mls, ci saranno tutti i big. Anzi, i grandissimi: Ronaldinho, Leo Messi, Alex Del Piero, Deco, Fernando Torres, Podolski. Può bastare? Per Gabriele è più che sufficiente. Anche perché stasera, in mezzo a queste star, a calciare le punizioni, ci sarà anche lui. E non solo: cenerà con loro e dormirà nello stesso albergo. Ecco, il suo vero sogno americano è questo.
    IL SOGNO - Sono i cugini che, la settimana scorsa, per passare il tempo, gli propongono di andare al campo dove si tengono i provini di "Calcia le punizioni con i tuoi idoli". Più di duecento aspiranti per entrare nella fiaba. Racconta Gabriele: "Giuro, ci sono andato solo per divertimento. Devi tirare da 21 e 30 metri di distanza, hai davanti una barriera finta e devi segnare colpendo due bandierine negli angoli. E’ così che fai i punti. Io ne ho fatti 9 e sono andato alle selezioni del pomeriggio: eravamo rimasti in trenta. Poi ho stravinto".
    DEL PIERO - E adesso? "Adesso mi sto allenando tutti i giorni con un tecnico, per non sfigurare. Conoscerò il mio capitano, Del Piero, perché sono juventino. E spero che mi insegni qualcosa: le punizioni, se capisci come si fa, poi è solo questione di provare e riprovare". Fa il centrocampista e ama Zinedine Zidane. Emozionato? "Ovvio, da giorni, però, mi ripeto che devo solo divertirmi. Ma la formuletta non sta funzionando".Una settimana fa, si è addormentato con l’aspirazione, la prossima stagione, di debuttare in prima squadra con il Poggibonsi; poi, all’improvviso gli sono apparsi Messi e soci. Non si è ancora svegliato. Anzi, nessuno faccia schioccare le dita, please.


    http://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/Primo_Piano/2008/07_Luglio/05/gabrieleMessi.shtml



    :approved: :eek:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Gabriele sfida Messi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina