1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4809014
    Incontro per Sheva alla Maddalena

    Svelato il mistero delle scorse 24 ore di Adriano Galliani. Segnalato in Costa Azzurra, dove avrebbe dovuto incontrarsi con Wenger per parlare di Adebayor, l'ad rossonero era invece in Sardegna per incontrare Abramovich a bordo dello yatch del magnate russo. I due, avvistati al largo della Maddalena, hanno parlato di Shevchenko, giocatore che Berlusconi sembra deciso a riportare al Milan.


    Ecco, dunque, com'è andata la giornata di Galliani. Secondo indiscrezioni da noi raccolte, il numero due del Milan sarebbe partito di buon'ora da Milano per atterrare in tarda mattinata in un aeroporto militare sardo. Di qui si sarebbe diretto a Porto Cervo per salire, alle 12:25 circa, a bordo dello yatch di Roman Abramovich, ancorato al largo della Maddalena.

    I due avrebbero parlato per un paio d'ore cercando un accordo per riportare Shevchenko a Milano. L'ucraino, come noto, è stato bocciato da Scolari ed è quindi sul mercato. I rossoneri lo rivorrebbero, ma solo con la formula del prestito. Ed è proprio su queste basi che hanno trattato Galliani e Abramovich. Come sia effettivamente andata la chiacchierata è impossibile saperlo anche se pare certo che vi sia stato un netto avvicinamento tra le parti. Insomma, Sheva dovrebbe tornare al Milan e l'affare dovrebbe chiudersi anche piuttosto in fretta.

    Ma eravamo rimasti sullo yatch di Abramovich che Galliani ha lasciato alle 14:45 per ripercorrere lo stesso tragitto della mattinata e far ritorno a Milano. Alle 16 circa, l'ad rossonero era nella sede rossonera di via Turati. Da dove, con ogni probabilità, ha sentito Morabito e Bronzetti per fare il punto della situazione sugli altri due grandi obiettivi dei campioni del Mondo: Adebayor e Ronaldinho.

    LO SCONTO DELL'ARSENAL
    Se la giornata era già stata importante sul fronte Shevchenko, anche da Londra sono arrivate buone notizie per il Milan. Secondo Morabito, l'uomo che cura gli interessi italiani di Adebayor, i Gunners avrebbero infatti accettato di abbassare le pretese fino a 26/30 milioni di euro. Cifra ancora importante, ma lontana dai 45 milioni chiesti fino a dieci giorni fa. Tanto sarebbe bastato al club di via Turati per accelerare i tempi. Conferme in questo senso arrivano anche dalla Spagna: il Barcellona avrebbe deciso di abbandonare la trattativa per il togolese e avrebbe scelto per l'attacco il russo Pavlyuchenko.

    LA REPLICA DI DINHO
    Sheva, dunque, e, forse, Adebayor. Forse, però, perché la questione Ronaldinho non è ancora del tutto chiusa. Berlusconi, solo qualche giorno fa, sembrava essersi ritirato dalla trattativa. Troppo alto il prezzo fissato dal Barcellona per il brasiliano, troppo oneroso il suo ingaggio e troppo "pericolosa" la fama da viveur del giocatore. Ronaldinho, però, che teme di andare incontro a un'altra stagione nerissima, vuole il Milan a tutti i costi e ha fatto sapere ai rossoneri di essere disposto ad accettare un contratto più breve (un biennale) e un ingaggia ridotto fino a 6,5 milioni di euro. Resta da convincere il Barcellona, che chiede ancora troppo, e, infine, toccherà decidere. Perché, questo è noto da tempo, tra Adebayor e Ronaldinho ne resterà soltanto uno.

  Galliani-Abramovich in Sardegna

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina