1.     Mi trovi su: Homepage #4831813
    Processo al gruppo

    ROMA, 17 settembre - Le urla si sono sentite anche all’esterno dello spogliatoio. Quaranta minuti di processo, i giocatori ammutoliti, il presidente Rosella Sensi nel ruolo di pubblico ministero, come una volta faceva papà. E’ stata molto dura nei confronti della squadra. Del resto non poteva essere il contrario dopo gli inguardabili novanta minuti contro il Cluj. E’ stato chiesto il rispetto della maglia, della società, dei tifosi, con l’obiettivo di dare una scossa a un gruppo che sembra fare fatica anche a riconoscersi.

    IRRICONOSCIBILI - «Non possiamo giocare così male, cosa sta succedendo?, la Roma che conosco è tutta un’altra cosa. Abbiamo investito tanto in questa squadra, ho continuato a pensare alla Roma anche negli ultimi giorni di vita di mio padre. Con la Reggina dovete dimostrare il vostro valore, quello che siete veramente» l’invito della Sensi a un gruppo con gli occhi sempre più bassi. Il presidente ha fatto anche capire che se fosse stato soltanto per lei la squadra sarebbe andata immediatamente in ritiro. Dopo un colloquio con Spalletti, la Sensi ha preferito invece non adottare questa decisione. Era presente anche qualche giocatore, come Perrotta e Pizarro, che ieri sera era in tribuna causa malanni fisici. Presenti anche il direttore tecnico Bruno Conti e il direttore sportivo Daniele Pradè. La requisitoria del presidente è stata durissima e non ha assolto nessuno. Nessun giocatore ha replicato. Al termine, è toccato a Spalletti dire qualche parolina ai suoi giocatori che pure il tecnico toscano ormai stenta a riconoscere. Alla fine il presidente romanista è uscita letteralmente imbufalita dagli spogliatoi, nessuno l’aveva mai vista adirata come ieri sera, si è diretta verso la sua automobile dove ad attenderla al volante c’era il marito, Marco Staffoli, sul sedile posteriore la signora Nanni Fioravanti, consigliere d’amministrazione del club romanista. Sono andati via subito, non rilasciando nessuna dichiarazione e cercando di evitare le telecamere, quando da qualche minuto erano passate le ventitrè e trenta.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4831814
    Spalletti: "Da qui non me ne vado"

    Champions, De Rossi:"Così non va"

    "Io dalla Roma non me ne vado".E' categorico Luciano Spalletti, dopo la sconfitta in Champions con il Cluj e il confronto avuto con Rosella Sensi negli spogliatoi. L'allenatore sa che questo è l'ennesimo segnale di crisi, ma resta fiducioso. Così come Daniele De Rossi che però lancia un messaggio quantomeno enigmtico:"Qualcosa non va". E in effetti, da Totti a Mexes, i problemi per l'allenatore non sono pochi.

    Spalletti si presenta ai microfoni, soltanto dopo l'incontro e il confronto avuto con Rosella Sensi negli spogliatoi. Per la numero uno giallorossa è la prima volta all'Olimpico da presidente: ha saltato la prima di campionato per influenza. Ma stavolta c'era, ha visto la sua Roma e non le è piaciuta. Tanto che ha deciso di far sentire la sua voce: parole dure, rimproveri e un caldo invito a rimanere un gruppo unito.

    Insomma, dopo il pareggio col Napoli, la sconfitta a Palermo, il ripristino del ritiro in vista della "rinascita" in Champions, fallita pure quella, la parola crisi ora è davvero sdoganata. Lo sa anche la società che si è fatta sentire e lo ha fatto anche in modo deciso. ''Quello che ci siamo detti - spiega Spalletti - rimane tra noi''. E poi: "E' una serata bruttissima, una complicazione importantissima. Nel calcio quando non si riesce a fare una cosa con equilibrio tutto diventa difficile''. Il tecnico chiama in causa anche la fortuna, che sta mancando, ma non cerca scuse.

    Come non le cerca nemmeno Daniele De Rossi che come sempre non si nasconde dietro parole dete così a vanvera: "La nostra non è solo sfortuna. Noi siamo molto convinti e ce la possiamo fare, ci crediamo, ma così non va: occorre reagire".

    Fiducia. E' questa la parola che può salvare questa Roma, ne è convinto anche il tecnico: 'Come ne usciamo? prendendoci le nostre responsabilità, pensando anche ai cori della curva che abbiamo sentito uscendo dal campo. Nei ragazzi vedo la massima disponibilità e bisogna creare i presupposti per vedere le cose in maniera diversa. Io ho sempre la sensazione di avere a che fare con ragazzi che sanno capire e reagire, non avrebbe senso fare cose da matti''.

    Una certezza o solo una speranza?Secondo indiscrezioni il tecnico avrebbe in questo momento a che fare con uno spogliatoio tutt'altro che semplice da gestire. Intanto c'è Mexes. Il francese si troverebbe a fare i conti non soltanto con il problema al ginocchio. Sembra che né lui né la moglie abbiano ancora superato il trauma di quest'estate, quando alcuni malviventi hanno rapito, insieme all'automobile, la loro bambina. Uno choc che il francese non ha smaltito e che gli toglie concentrazione. A questo si aggiunge il capitano. Sembra infatti che tra Totti e Spalletti i rapporti non siano più tanto buoni. Non solo: sembra che il numero 10 non abbia poi così fretta di tornare in campo, vuoi appunto per il poco feeling con l'allenatore sia per la paura di rompersi ancora.

    E dato che al peggio non c'è mai fine Spalletti si trova a fare i conti con un nuovo infotunio, quello di Pizarro che si è procurato una distrazione muscolare e che potrebbe stare fuori un mese.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4831820
    Originally posted by 10 DIEGO 10
    lo so. ma l'importante è farne uno in più :asd:
    se non ne approfittate a sta botta siete dei polli :cool:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  4.     Mi trovi su: Homepage #4831821
    Roma, il presidente del Monaco: "Menez ha chiesto di andare via"

    Uno dei colpi a effetto del mercato della Roma è stato senza dubbio Jeremy Menez, pagato 10,5 milioni - come base - dalla società capitolina. Il presidente del Monaco ha parlato (in un'intervista rilasciata al sito ufficiale del club monegasco) proprio di Menez: "Menez è un giocatore di grandi qualità ma con noi stava spesso male. In due stagioni col Monaco ha mancato molti incontri e, in quelli in cui è sceso in campo, non sempre ha dimostrato tutto il suo valore". Quello che potrebbe essere un campanello d'allarme per la Roma suona nell'altro pezzo delle parole rilasciate dal presidente: "E' stato lui stesso a chiedere di essere ceduto a fine stagione. Considerando tutti questi fattori, credo sia stato nell'interesse economico del club lasciarlo partire. Inizialmente, le sole offerte concrete che abbiamo ricevuto per Jeremy provenivano da club francesi che ci offrivano meno della metà di quello che poi ci ha pagato la Roma. Anche altri club lo avevano seguito durante l'estate, e mi riferisco a Manchester United e Inter, ma il loro interesse non si è mai concretizzato, mentre la Roma ci ha fatto una prima proposta ben inferiore all'offerta finale. La posizione che ho preso all'inizio della trattativa, stimando il valore del giocatore a 25 milioni di euro, alla fine è stata molto utile per la trattativa".

    --------------------------------------------------------------

    Insomma....un bel bidone? :trash:
  5.     Mi trovi su: Homepage #4831823
    Originally posted by Pezzotto
    [B]Roma, il presidente del Monaco: "Menez ha chiesto di andare via"

    Uno dei colpi a effetto del mercato della Roma è stato senza dubbio Jeremy Menez, pagato 10,5 milioni - come base - dalla società capitolina. Il presidente del Monaco ha parlato (in un'intervista rilasciata al sito ufficiale del club monegasco) proprio di Menez: "Menez è un giocatore di grandi qualità ma con noi stava spesso male. In due stagioni col Monaco ha mancato molti incontri e, in quelli in cui è sceso in campo, non sempre ha dimostrato tutto il suo valore". Quello che potrebbe essere un campanello d'allarme per la Roma suona nell'altro pezzo delle parole rilasciate dal presidente: "E' stato lui stesso a chiedere di essere ceduto a fine stagione. Considerando tutti questi fattori, credo sia stato nell'interesse economico del club lasciarlo partire. Inizialmente, le sole offerte concrete che abbiamo ricevuto per Jeremy provenivano da club francesi che ci offrivano meno della metà di quello che poi ci ha pagato la Roma. Anche altri club lo avevano seguito durante l'estate, e mi riferisco a Manchester United e Inter, ma il loro interesse non si è mai concretizzato, mentre la Roma ci ha fatto una prima proposta ben inferiore all'offerta finale. La posizione che ho preso all'inizio della trattativa, stimando il valore del giocatore a 25 milioni di euro, alla fine è stata molto utile per la trattativa".

    --------------------------------------------------------------

    Insomma....un bel bidone? :trash: [/B]


    Per qualcuno dicevo stron**ate. :cool:

    Menez può essere un buon giocatore ma pagarlo quel prezzo li è stata un'oscenità, ergo abbiamo preso un bidone.
    ^Mr-Drakula^

    Inquietante Allenatore del temibile Vampiria F.C., il cui Capitano non può che essere il numero 90 (la paura) Canini.
  6. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4831824
    Originally posted by Bardok
    Sabato ve ne fanno 3 come ne prendemo noi 3 a Milano :asd:


    No.:cry:

    Zarate e Pandev (se Lallo me lo da :( ) devono ammaliare San Siro.:cool: :cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  7.     Mi trovi su: Homepage #4831825
    Originally posted by GLOBO
    No.:cry:

    Zarate e Pandev (se Lallo me lo da :( ) devono ammaliare San Siro.:cool: :cool:


    Con quello scudetto giallozozzo nella firma non credo che fai del bene a Zarate e Pandev:cool:
    DALL'ULTIMA VOLTA IL CALCIO E' CAMBIATO , MA ESSER ULTRAS E' ANCORA REATO.

    Memento Audere Semper
  8. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4831826
    Originally posted by Bardok
    Con quello scudetto giallozozzo nella firma non credo che fai del bene a Zarate e Pandev:cool:



    Si può soprassedere.:D
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4831827
    Originally posted by ^Mr-Drakula^
    Per qualcuno dicevo stron**ate. :cool:

    Menez può essere un buon giocatore ma pagarlo quel prezzo li è stata un'oscenità, ergo abbiamo preso un bidone.
    mai sentito sto giocatore sinceramente, però da quel che si legge in giro dovrebbe essere un mezzo funambolo...vedremo

  La Sensi: «Rivoglio la mia Roma»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina