1. Abbastanza felice  
        Mi trovi su: Homepage #4837134
    Questa è il dubbio e la paura che ormai si sta diffondendo nella popolazione di mezzo mondo.

    Cosa succederà????

    Basterà il piano di intervento finanziario da 700 milioni di dollari ideato da Bush, semprechè la Camera Statunitense ratifichi ciò che aveva già bocciato ma che il Senato ha successivamente approvato, a salvare l'economia e la finanza americana e a tranquillizzare i risparmiatori e le borse mondiali???

    La situazione è molto difficile, le economie di mezzo mondo sono in grave recessione, anche se ufficialmente non viene evidenziato, l'euro è sopravvalutato a favore del dollaro, l'inflazione sta galoppando, i cittadini hanno sempre meno denaro da spendere, e se si diffonderà il panico finanziario, il pericolo di un crack mondiale è reale.

    Io credo che, comunque vada a finire, la crisi costerà molto cara alle finanze dei cittadini americani e peserà sui loro posti di lavoro e sulle pensioni; speriamo che non si propaghi anche in Europa e qui in Italia dove, con la situazione attuale, sarebbe come buttare benzina sul fuoco....:sbam:

    Insomma non ci aspetta un futuro prossimo molto roseo.

    Io spero che la popolazione non si faccia prendere dal panico, come sta accadendo a qualche mio cliente, e che la situazione si tranquillizzi, altrimenti................:mad:

    Voi cosa ne pensate?
    Master Player TR Levels
    23 Orizzontale
  2. Alle stelle  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4837135
    Ci sono 2 aspetti ..

    A) Il nostro conto in banca ( per chi lo possiede)
    B) l'effetto domino scatenato dal crack americano.


    per il primo punto :

    Sono tutelati tutti i conti correnti pure i certificati di deposito a condizione che siano intestati e non al portatore.

    Fuori garanzia, invece, i depositi e gli altri fondi rimborsabili al portatore.

    E sono pure esclusi da qualsiasi possibilità di rimborso, i fondi investiti in operazioni di pronti contro termine o in obbligazioni. Si tratta, infatti, di investimenti e non di depositi e di conseguenza non rientrano nelle tutele previste dal fondo.

    Dunque nel caso di fallimento di una banca, entro un mese dalla nomina del liquidatore, il depositante è contattato tramite raccomandata e informato circa le somme a suo credito. Entro tre mesi dall’inizio della liquidazione coatta dell’istituto (prorogabili per un periodo non superiore a 9 mesi), sono rimborsati 20mila euro. La restante parte, sempre nei limiti di 103.291,38 euro, in funzione dei tempi della liquidazione stabiliti dai liquidatori

    Per il punto b invece credo che una crisi come quella del 1929
    sia scongiurata in quanto oggi si sa come intervenire in tali situazioni.
    Proprio oggi ascoltando la radio in macchina, hanno detto che le grandi multinazionali si sono accorte che il calo di consumi andrà a danneggiarle progressivamente , per cui ci sarà un abbassamento dei costi delle materie prime , del petrolio e derivati , con una strategia tendente a invogliare al consumismo
    specie nei paesi che stanno passando alla civilizzazione moderna
    quella che ha modifificato tutte le nostre abitudini sia alimentari che di consumo .

    credo che in tale situazione potrebbero rinascere anche certi mestieri morti e sepolti vedi artigiani,coltivatori .
    Gia' oggi nelle citta' mercato sono presenti botteghe artigiane
    e negozi che vendono cibi naturali .

    La gente vuole spendere di meno ma mangiare meglio .
    Vuole prodotti non dannosi alla salute.

    La grande finanza deriva da immensi fiumi sotterranei che
    attingono acqua dal singolo utente. Se questo utente non
    ha più la possibilità di comprare.. tutto si fermerà .
    E questo certo la grande finanza non lo vuole :P
    Admin Tomb Raider Sito uff.le TR VDG
    Le soluzioni di TR LEGEND e ANNIVERSARY sul Sito uff.le Tombraider Betatester ufficiale TR-A & Spring
  3.     Mi trovi su: Homepage #4837136
    Capisco i timori visto quello successo nei casi Argentina, Cirio e Parmalat, tanto per fare un esempio ma, sinceramente, bisognerebbe evitare di farsi prendere dal panico....

    Della situazione della Lehman e delle Banche d'affari americane si sapeva da tempo anche se nessuno avrebbe scommesso su un fallimento, si pensava che, così come successo per la Bearn Stearn (non mi ricordo bene come si scrive :D ) e la AIG, nonchè Freddy e Fanny, l'America non avrebbe fatto fallire un'istituzione così grande e importante.... e invece......è successo..... ma, a parte vigilare con attenzione e rimanere informati e allerta, noi, secondo me (e lo dico per parere squisitamente personale) dobbiamo stare tranquilli..... sopratutto se i nostri investimenti sono fatti tenendo conto della nostra proprensione al rischio e dell'obbiettivo dell'investimento..... ;)

    La maggior parte delle banche italiane è sana, scarsamente esposta sia ai rischi delle cartolarizzazioni sui mutui subprime sia direttamente su titoli bancari americani rischiosi. Noi non siamo banche d'affari, raccogliamo soldi dai clienti e la nostra maggiore attività è il credito.....

    I soldi investiti dai risparmiatori sono, normalmente ben gestiti, in obbligazioni bancarie ordinarie (niente finanza creativa!), in depositi a scadenza, in pronti contro termine e se anche è vero che solo i depositi, i c/c e i certificati di deposito sono garantiti dal Fondo Interbencario, è anche vero, caro Roberto, che per arrivare al fallimento.... insomma.... lavoro in banca da 26 anni e..... un fallimento che abbia portato a perdite dei risparmiatori non l'ho mai visto....:)

    Per quanto riguarda la raccolta diversa (così detta indiretta), normalmente è in titoli di stati, fondi e gestioni ma anche in questo caso, tutto fatto secondo la propensione al rischio.....

    Purtroppo spesso sono i clienti che spingono per avere più remunerazione dai propri investimenti..... questo lo so per esperienza..... non si capisce che spesso è proprio la promessa di un maggior rendimento che nasconde un rischio più alto..... è di questo che a mio parere dobbiamo avere paura .....;)
    Lara Jones TOMBRAIDER
  4. Alle stelle  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4837137
    E si , dici bene DL , la finanza creativa , quella delle azioni gonfiateo messe in vendita prima di un grosso fallimento,
    quella SI che fa danno .

    Meno male che i correntisti sono iper tuttelati .

    A questo punto proseguo tranquillo e vado a ...lavorare :asd:
    Admin Tomb Raider Sito uff.le TR VDG
    Le soluzioni di TR LEGEND e ANNIVERSARY sul Sito uff.le Tombraider Betatester ufficiale TR-A & Spring
  5. Alle stelle  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4837139
    Mi sia permessa una battuta :

    forse gli americani hanno constatato che sono obesi al 40 % e vogliono far stringere la cintura a tutti .:cool:

    parimenti in Italia la gente non avendo che i soldi per arrivare a fine mese, si consola sapendo che i suoi sudati risparmi sono al sicuro .

    La verità e che si produce troppo e non c'è effettivo bisogno di tutta questa produzione . Bisogna reinventarsi l'economia mondiale :P
    Admin Tomb Raider Sito uff.le TR VDG
    Le soluzioni di TR LEGEND e ANNIVERSARY sul Sito uff.le Tombraider Betatester ufficiale TR-A & Spring
  6.     Mi trovi su: Homepage #4837141
    Originally posted by Roberto-web
    E si , dici bene DL , la finanza creativa , quella delle azioni gonfiateo messe in vendita prima di un grosso fallimento,
    quella SI che fa danno .

    :asd:


    questa più che finanza creativa, caro Roberto, si chiama TRUFFA...


    la finanza creativa è altro :D
    Lara Jones TOMBRAIDER

  Pericolo crack finaziario globale?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina