1.     Mi trovi su: Homepage #4840238
    [url]http://www.repubblica.it/2008/07/sezioni/cronaca/formaggi-truffa/rivolta-dipendenti/rivolta-dipendenti.html

    Sempre più disgustato... per ora mi limito a non comprare mai più prodotti Galbani...(ma chissà quali altre marche fanno lo stesso schifo)...
    Vorrei tanto che i responsabili pagassero per tutta la vita la loro disonestà... ma che dico... anche le generazioni future di questi delinquenti... 
  2. Triste  
        Mi trovi su: Homepage #4840259
    Non per diferendere la truffa della Galbani, che considero una marca discutibile (ed un palato attento si poteva rendere conto del cambio di qualità degli ultimi 6-7 anni), ma spezzo una lancia in testa a chi fa del fresco sempre è meglio, perchè se fosse realmente applicato, si butterebbero tonnellate di cibo ogni santo giorno (e già se ne cestina tanto) solo per una data di scadenza.

    Ad esempio la vecchietta che al supermercato svuota un bancone per prendere lo yougurt da mangiare la sera che scadrà in data posteriore alla sua dipartita, solo perchè fresco è meglio.

    E se pensiate che stia esagerando chiedetevi perchè i pomodori, oggi, vengono venduti verdi. Già, e chi se li comprava quelli morbidi?


    PS: Latterie Soresine è un'ottima marca rintracciabile dai grandi distributori.
    KoD, moderatore maximo ad imperium planetarium di Containerd.com
  3. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4840362
    KoD ha scritto:
    Non per diferendere la truffa della Galbani, che considero una marca discutibile (ed un palato attento si poteva rendere conto del cambio di qualità degli ultimi 6-7 anni), ma spezzo una lancia in testa a chi fa del fresco sempre è meglio, perchè se fosse realmente applicato, si butterebbero tonnellate di cibo ogni santo giorno (e già se ne cestina tanto) solo per una data di scadenza.

    Ad esempio la vecchietta che al supermercato svuota un bancone per prendere lo yougurt da mangiare la sera che scadrà in data posteriore alla sua dipartita, solo perchè fresco è meglio.

    E se pensiate che stia esagerando chiedetevi perchè i pomodori, oggi, vengono venduti verdi. Già, e chi se li comprava quelli morbidi?


    PS: Latterie Soresine è un'ottima marca rintracciabile dai grandi distributori.
     
    Quoto.

    Senza dimenticare che, spesso, anche la data di scadenza è una semplice convenzione studiata più per "strategie" di vendita, produttive e comunitarie, che per motivi realmente attinenti alla qualità del formaggio.

    All'inizio pensavo chissà che schifezze avessero trovato, roba da voltastomaco che già stavo per mettermi le dita in gola, poi leggo l'articolo linkato e vedo: "Qualche esempio? La mortadella "Golosissima" scade il 16-01-2003 ma la fattura di vendita riporta la data 24-01-2003. Le mozzarelline Santa Lucia scadono il 5-5-2005 e però vengono vendute l'11-05-2005" insomma roba di pochi giorni, come se poi a casa non si mangiasse quasi regolarmente roba scaduta (tipo l'insalata troppo vecchia di 3 giorni, che avrà un saporaccio ma la sciacqui, ci metti un pomodoro e via come appena colta!).
  4. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4840380
    arcturus85 ha scritto:
    Ogni tanto mi chiedo se la Calvè formato maxi che ho preso sia riciclata: ha un sapore davvero strano.
    Ricordo che anche per la maionese c'erano stati riciclaggi. :X
     La maionese!! Sarà un secolo che non la compro preconfezionata. E' talmente facile e veloce da fare in casa, ed è talmente soggetta a manipolazioni e alterazioni quella industriale, che il gioco non vale la candela.

    Sui formaggi, carne e ortaggi, beh, il discorso si fa più complesso. La soluzione è sempre quella di scegliere con attenzione cosa si compra... e non solo leggendo l' etichetta. Fortunatamente sempre più spesso i supermercati confezionano in proprio gli alimenti e spesso si riforniscono direttamente dal produttore. Alcuni ipermercati specializzati addirittura a volte sono i produttori stessi dei prodotti che vendono, andando a sostituire in larga scala quello che il macellaio o il fattore facevano per la piccola distribuzione.

    Certo, questo non ci tiene al sicuro da ormoni della crescita, fertilizzanti, veleni e quant' altro. Ma sicuramente riduce di molto le variabili di rischio. Soprattutto perchè per molti ipermercati i controlli sono spesso rigidissimi.

    Per il resto non possiamo fare altro che affidarci agli occhi, al tatto, al nostro olfatto e al nostro gusto. Certo, magari non abbiamo la dimestichezza dei nostri nonni nel riconoscere il prodotto genuino/sano/buono... ma la fiducia dobbiamo riporla solo in noi stessi. Perchè Galbani non vuol dire fiducia.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4840423
    E' vero! La maionese col frullino elettrico si fa in un secondo, ed e' ottima e soda! Quando l'ho visto non ci credevo. Peccato che non la posso mangiare perche' ingrasso solo a guardarla :DD

    Quanto alle schifezze che mangiamo: immagino che non ci sia un limite al peggio. Carne, polli, formaggi, frutta: le catene industriali sono la fiera del disgusto. Ma esiste un settore in cui se conoscete qualcuno che ci lavora dentro non vi dice "non comprare X qui"?
  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4840476
    Proverò a farmela da solo: diventerò come Bigazzi de "La Prova del Cuoco" :))

    Un amico che lavora all'autogrill dice sempre che anche a loro se gli cade qualche pasta o panino e si sporcano la utilizzano comunque :-\
    Non ricordo le altre schifezze e nefandezze che mi ha raccontato, ho rimosso pensando a quei bei Camogli esposti.
    La cosa assurda è che chi lavora nel settore poi consuma in altri ristoranti o bar.
    :toghy:
  7. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4841225
    KatanaKgb ha scritto:
    sullo stesso sito (repubblica?) trovate le smentite dopo le analisi dell'ASL
    non gridiamo al lupo al lupo ogni volta.
     Veramente la stessa Galbani ha dichiarato che è un fatto realmente accaduto nel 2005.
  8. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4841697
    Io sono paranoico col latticino, se non ci fosse la mia donna sarei capace di buttare una mozzarella che scade oggi, per dire.
    Pero' la condotta è criminale, seppur giustificabile coi discorsi che scade "preferibilmente" e quindi è ancora edibile è comunque criminale riciclare il cibo cosi'.

    Ed è vero che tanta roba viene buttata.

    un bell'esempio è dato da certe cooperative di pescatori che il pesce non venduto lo cucinano la sera fanno servizio di catering o addirittura hanno il localino.
    Capisco che il commesso della coop o l'operaio della granarolo non possa fare una cosa simile ma piuttosto che buttarla la roba bisogna trovarne un uso diverso.
    Diverso anche dal cambiarne la scadenza

  Altre conferme sullo schifo che ci fanno mangiare..

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina