1.     Mi trovi su: Homepage #4844617
    Tanto vale dirlo subito: Lock's Quest è una rivelazione. Non ambirà al premio di miglior titolo dell'anno, non si imporrà come acquisto indispensabile e magari non sarà neanche unanimemente apprezzato, ma una cosa è certa: è tanto coinvolgente da risucchiare il fiato di chi si immerge nelle sue meccaniche, fino all'ultimo respiro di gioco. Non è quello che sembra A primo acchito si potrebbe catalogare Lock's Quest come uno strategico ...
  2.     Mi trovi su: Homepage #5105405
    Piccolo ha scritto:
    Non è un GDR d' azione.
    Ne ha solo l' aspetto esteriore.
    Yep, ma non è neanche uno strategico in tempo reale se è per questo. In ogni caso, dovendo scegliere una categoria, quella dell'action RPG è più pertinente rispetto ad altre: una volta sistemate le torrette, si menano gli avversari a suon di magie, colpi speciali o semplici randellate.
    A prescindere da questo, Lock's Quest è stato veramente una bella esperienza. Mi fa piacere che sia stato premiato anche in JAP (Famitsu lo ha recensito con un 31/40), anche se non ho idea di quanto abbia venduto.
  3. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #5105416
    chrono ha scritto:
    Yep, ma non è neanche uno strategico in tempo reale se è per questo. In ogni caso, dovendo scegliere una categoria, quella dell'action RPG è più pertinente rispetto ad altre: una volta sistemate le torrette, si menano gli avversari a suon di magie, colpi speciali o semplici randellate.
    A prescindere da questo, Lock's Quest è stato veramente una bella esperienza. Mi fa piacere che sia stato premiato anche in JAP (Famitsu lo ha recensito con un 31/40), anche se non ho idea di quanto abbia venduto.

    Bello è bello. Ma davvero... è tutto tranne che un a-rpg. Cioè... anche il combattimento stesso è un insieme di giochi di abilità. Punta il cannone e spara. "Gira la ruota". La componente rpg è praticamente assente, sia in senso classico che in senso moderno. E menare in maniera automatica gli avversari non riesce a renderlo neppure un gioco action.
    Al contrario mura, trappole e studio dell' ambiente lo rendono decisamente più vicino ad un gioco di strategia, nel senso etimologico del termine (non come genere).

    No, ho comprato questo gioco seguendo la tua recensione. Ma devo ammettere di essermi trovato di fronte ad altro, rispetto a quanto avevo pensato. Poi, "altro" comunque bello, per fortuna.
  4.     Mi trovi su: Homepage #5105500
    Piccolo ha scritto:
    Bello è bello. Ma davvero... è tutto tranne che un a-rpg. Cioè... anche il combattimento stesso è un insieme di giochi di abilità. Punta il cannone e spara. "Gira la ruota". La componente rpg è praticamente assente, sia in senso classico che in senso moderno. E menare in maniera automatica gli avversari non riesce a renderlo neppure un gioco action.
    Al contrario mura, trappole e studio dell' ambiente lo rendono decisamente più vicino ad un gioco di strategia, nel senso etimologico del termine (non come genere).
    No, ho comprato questo gioco seguendo la tua recensione. Ma devo ammettere di essermi trovato di fronte ad altro, rispetto a quanto avevo pensato. Poi, "altro" comunque bello, per fortuna.
    Mmm, devi considerare che le categorie alle quali possiamo accedere nella definizione di una recensione sono limitate: nessuna in particolare riassumeva adeguatamente Lock's Quest.
    .
    Fra strategico e action RPG ho preferito quest'ultimo, e nel primo paragrafo della recensione mi sono proprio soffermato su questo aspetto, cercando di spiegare le dinamiche del gioco.
    .
    Chiaramente la voce "RPG" è fuorviante: nel senso che non ci sono in Lock's Quest quegli stilemi che caratterizzano il genere puro; tuttavia definirlo uno strategico (in tempo reale o meno) è ancora, secondo me, meno esatto (allo stesso modo la semplice voce "azione" non avrebbe reso la complessità del titolo).
    Di per sé tu hai disposizione due-tre minuti per sondare l'area e costruire quanto più velomente una barriera: dopo di ché non fai altro che combattere e riparare le torrette. Durante i combattimenti non puoi più interagire con la struttura messa in piedi (se non, come detto, riparandola), ma solo affrontare i nemici uno dopo l'altra in piena modalità action (a poco conta che le mosse speciali vanno di stilo e che di per sé non premi i tasti dei "pugni": sposti Lock da una parte all'altra e affronti il nemico o i nemici di turno), mentre i cannoni sparano in piena autonomia. Considera poi che in alcune missioni non costruisci proprio niente: combatti e basta!
    .
    Insomma, per me il bilanciamento fra la parte action e quella strategica pende di più verso la prima voce.
    Tuttavia la scelta non è facile: alcuni siti americano hanno scritto "adventure", altri "action", mentre altri ancora strategico in tempo reale (come lo definisce lo stesso gamefaqs.com per esempio).
    .
    A me dispiace solo che dalla lettura del "testo" della recensione, tu ti sia fatto un'idea diversa da quella che volevo comunicare ^^"

    [Modificato da chrono il 13/05/2009 15:10]

  [Recensione Lock's Quest] La sorpresa che non ti aspetti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina