1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4874367
    Non riesco ad aprire il link postato.
    Comunque io ho la partita IVA essendo un libero professionista, vero è che ne ho tratto fin'ora parecchi benefici sia per materiale informatico, telecomunicazioni e automobili, benzina annessa.
    Vero è anche che ad oggi la partita IVA è ancora utilizzata in molti casi come un miraggio che nasconde una qualsivoglia forma dipendente, i motivi sono ben noti.
    Vero è anche che chiunque apra una partita IVA non può pensare di scaricare dalle tasse tutto quello che gli passa per la mente, in linea di massima dovrebbe essere limitato a quei beni utilizzati da se stessi o dall'azienda per il settore merceologico in cui si opera, come tutte le cose poi può essere "allargata" a beni non direttamente connessi ma comunque riconducibili alla propria attività, proprio per questo fatto dopo i cosiddetti "studi di settore" ho visto parecchia gente fare gli scongiuri che sinceramente non capisco, basta solo un attimo di accortezza in quello che si fa, ai tempi in cui le macchine furgonate erano completamente ammortizzabili dalle tasse ho visto tanta gente, andare in giro con cayenne o serie M con 3 barre di metallo dietro, se poi gli arriva il controllo possono anche pregare la madonna  addolorata del giro tanto sono cacchi comunque.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4874396
    MoRbO78 ha scritto:
    Non riesco ad aprire il link postato.
    Comunque io ho la partita IVA essendo un libero professionista, vero è che ne ho tratto fin'ora parecchi benefici sia per materiale informatico, telecomunicazioni e automobili, benzina annessa.
    Vero è anche che ad oggi la partita IVA è ancora utilizzata in molti casi come un miraggio che nasconde una qualsivoglia forma dipendente, i motivi sono ben noti.
    Vero è anche che chiunque apra una partita IVA non può pensare di scaricare dalle tasse tutto quello che gli passa per la mente, in linea di massima dovrebbe essere limitato a quei beni utilizzati da se stessi o dall'azienda per il settore merceologico in cui si opera, come tutte le cose poi può essere "allargata" a beni non direttamente connessi ma comunque riconducibili alla propria attività, proprio per questo fatto dopo i cosiddetti "studi di settore" ho visto parecchia gente fare gli scongiuri che sinceramente non capisco, basta solo un attimo di accortezza in quello che si fa, ai tempi in cui le macchine furgonate erano completamente ammortizzabili dalle tasse ho visto tanta gente, andare in giro con cayenne o serie M con 3 barre di metallo dietro, se poi gli arriva il controllo possono anche pregare la madonna  addolorata del giro tanto sono cacchi comunque.
     In pratica nel post del link il ragazzo si lamenta che lavorando in casa come libero professionista in pratica non può scaricare niente, a differenza di un'azienda che può scaricare materiali, hardware, etc... Perchè l'iva sulle sigarette, per fare un esempio, o sulla pastasciutta non è detraibile. Ne consegue che tra anticipo INPS dell'anno successivo, liquidazione IVA e tasse varie alla fine si trova con tassato il 60% del guadagno, e non il 35-40 come un lavoratore dipendente.
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4874617
    Lightside ha scritto:
    In pratica nel post del link il ragazzo si lamenta che lavorando in casa come libero professionista in pratica non può scaricare niente, a differenza di un'azienda che può scaricare materiali, hardware, etc... Perchè l'iva sulle sigarette, per fare un esempio, o sulla pastasciutta non è detraibile. Ne consegue che tra anticipo INPS dell'anno successivo, liquidazione IVA e tasse varie alla fine si trova con tassato il 60% del guadagno, e non il 35-40 come un lavoratore dipendente.
    "chiacchere da bar", sinceramente :)
    A parte che non si capisce realmente dove voglia arrivare, è evidente che la persona non conosce la materia.
    E te lo può dire qualsiasi persona che abbia un minimo di competenza :)
    Più spritz bevi, più curve vedi.
    People cannot gain anything without sacrificing something.
    You must present something of equal value to gain something. That is the principle of equivalent trade in alchemy.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4874659
    Matt80 ha scritto:


    E te lo può dire qualsiasi persona che abbia un minimo di competenza :)
      Sono ragioniere (di studi, ma non lo faccio di lavoro). Non ho approfondito la cosa ma mi sembra che invece abbia sollevato una questione che fa riflettere. Se lavorando in casa effettivamente non hai niente da scaricare (non è che ti compri 7 PC al mese) ti trovi da dover dedurre poi INPS dell'anno in corso, anticipo INPS dell'anno successivo più l'IVA a debito. Mi pare ovvio che del lordo iniziale ti resta poi poco, se non porti a casa un lodo consistente. Ed effettivamente, parlando oggi con un'amica che fa la web-designer in proprio a casa, e che mi ha confermato che con le tasse porta a casa davvero poco, qualche domanda sui vantaggi della partita IVA per alcune categorìe di liberi professionisti me la sono posta. Fortunatamente il papà della mia amica è un azionista della Bauli e lei problemi di soldi non ne ha, ma mi chiedo come fa uno che vive da solo senza famiglia alle spalle.
    Cmq non penso voglia arrivare da qualche parte, è solo uno sfogo sul blog di uno che ha appena ricevuto una mazzata dall'Unico.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4874663
    MoRbO78 ha scritto:
    Vero è anche che ad oggi la partita IVA è ancora utilizzata in molti casi come un miraggio che nasconde una qualsivoglia forma dipendente, i motivi sono ben noti.
     Chiacchiere da bar o no , la realtà sta tutta nella frase sopra citata ... ed è una schifezza .
    :vg:
    Nabat
    Gladiator
    59........

  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4874674
    Lightside ha scritto:
    Sono ragioniere (di studi, ma non lo faccio di lavoro). Non ho approfondito la cosa ma mi sembra che invece abbia sollevato una questione che fa riflettere. Se lavorando in casa effettivamente non hai niente da scaricare (non è che ti compri 7 PC al mese) ti trovi da dover dedurre poi INPS dell'anno in corso, anticipo INPS dell'anno successivo più l'IVA a debito. Mi pare ovvio che del lordo iniziale ti resta poi poco, se non porti a casa un lodo consistente. Ed effettivamente, parlando oggi con un'amica che fa la web-designer in proprio a casa, e che mi ha confermato che con le tasse porta a casa davvero poco, qualche domanda sui vantaggi della partita IVA per alcune categorìe di liberi professionisti me la sono posta. Fortunatamente il papà della mia amica è un azionista della Bauli e lei problemi di soldi non ne ha, ma mi chiedo come fa uno che vive da solo senza famiglia alle spalle.
    Cmq non penso voglia arrivare da qualche parte, è solo uno sfogo sul blog di uno che ha appena ricevuto una mazzata dall'Unico.
    Aver fatto ragioneria non significa nulla. Stiamo parlando di cose che con la ragioneria non c'azzeccano nemmeno per sbaglio.
    Mi dispiace dirtelo, ma non hai capito e non è una questione su cui riflettere.
    E' come riflettere su un qualcosa che non ha senso.
    Quello che ha scritto non ha nessun ripeto NESSUN fondamento. Mette in mezzo regimi inesistenti, studi di settore, iva , inps (con percentuali buttate lì), acconti, date senza senso.
    O sei in regime naturale e quindi contribuente minimo (come si percepisce dal suo delirante discorso) o non lo sei.
    E se lo sei, che senso ha parlare di IVA?
    Spiace ripetermi, ma il post è "chiacchere da bar".

    E, giusto per, aprire una partita IVA ha dei costi e ha dei vantaggi/svantaggi. Fiscali e previdenziali.
    Ovvio che deve essere sostenibile.  Non è che un rapporto dipendente non li abbia, il carico è solo diviso (e non in parti uguali). :)
    Più spritz bevi, più curve vedi.
    People cannot gain anything without sacrificing something.
    You must present something of equal value to gain something. That is the principle of equivalent trade in alchemy.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4874940
    Matt80 ha scritto:
    Aver fatto ragioneria non significa nulla. Stiamo parlando di cose che con la ragioneria non c'azzeccano nemmeno per sbaglio.
    Beh insomma... per fare il commercvialista studi ragionerìa, non penso che non c'azzecchi proprio nulla.
    Ho capito quello che intendi, ma con questo commento imho hai minato la credibilità del tuo intervento. Potevi dirmi che non bastava, ma che non significava nulla proprio no.
  8.     Mi trovi su: Homepage #4875047
    Ma scusate, questo ragazzo fà discorsi senza capo nè piedi: vuole detrarre dalle tasse tutto, non solo quello che è necessario alla sua attività e vuole pagare in base a quanto fattura nell anno corrente.

    Il vero schifo sono quelle aziende che licenziano i dipendenti "assumendoli" (o meglio ri-assumendoli) con partita Iva, per non pagare inps e contributi Irap.
    Però quello che dice dell'inps è vero, basta semplicemente aprire bottega per avere un tot. minimo da pagare l'anno indipendentemente dal fatturato
    Gioco a Ninja Gaiden2, MarioGalaxy, MarioKart, Burnout Paradise e Gta4
    <----Lacrimuccia
  9.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4875055
    Lightside ha scritto:
    Beh insomma... per fare il commercvialista studi ragionerìa, non penso che non c'azzecchi proprio nulla.
    Ho capito quello che intendi, ma con questo commento imho hai minato la credibilità del tuo intervento. Potevi dirmi che non bastava, ma che non significava nulla proprio no.
    Nulla. :)
    Per fare il commercialista studi ragioneria, sì?
    In ogni caso, in italiano, ho detto:
    "Aver fatto ragioneria non significa nulla. Stiamo parlando di cose che con la ragioneria non c'azzeccano nemmeno per sbaglio".
    E scusami se mi faccio quattro risate sull'aver minato la credibilità del mio intervento :D Non ho nulla da dimostrare, sei libero di credere a quello che vuoi :D
    Più spritz bevi, più curve vedi.
    People cannot gain anything without sacrificing something.
    You must present something of equal value to gain something. That is the principle of equivalent trade in alchemy.
  10.     Mi trovi su: Homepage #4875065
    official-error ha scritto:
    Chiacchiere da bar o no , la realtà sta tutta nella frase sopra citata ... ed è una schifezza .
     Secondo me il problema è che non ci sono cotrolli. Perchè quando scopro che l avvocato, che ha lo studio nel mio palazzo, dichiara 9500 euro e cammina con la Bmw320d e io 27.000 e cammino con una corsa 1000 sale la carogna.
    Ed è anche vero che se fanno dei controlli, almeno fino ad ora, è sempre arrivato una sanatoria fiscale, quindi neache conveniva impegnare organi di polizia tributaria
    Gioco a Ninja Gaiden2, MarioGalaxy, MarioKart, Burnout Paradise e Gta4
    <----Lacrimuccia
  11.     Mi trovi su: Homepage #4876322
    Matt80 ha scritto:
    Nulla. :)
    Per fare il commercialista studi ragioneria, sì?
    In ogni caso, in italiano, ho detto:
    "Aver fatto ragioneria non significa nulla. Stiamo parlando di cose che con la ragioneria non c'azzeccano nemmeno per sbaglio".
    E scusami se mi faccio quattro risate sull'aver minato la credibilità del mio intervento :D Non ho nulla da dimostrare, sei libero di credere a quello che vuoi :D
     Hmmmm...Veneto?
    Co-sa mi suc-ce-de.bzzbzzz....er-ro-re nei mi-ei cir-cui-ti bzzz mi sto in-na-mo-ran-do bzz BzBzzzz... Tostapane elettrico sei quel che fa per meeeeeeeee
    BAZINGAA!!
  12.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4879996
    Cervantes De Leon ha scritto:
    Hmmmm...Veneto?
     Ostrega.
    Più spritz bevi, più curve vedi.
    People cannot gain anything without sacrificing something.
    You must present something of equal value to gain something. That is the principle of equivalent trade in alchemy.
  13. sommersa  
        Mi trovi su: Homepage #4880596
    Domanda, ma chi ha un reddito al di sotto dei 30mila euro non pagava di tasse solo il 20% e non doveva pagare l'iva?
    Mi ricordo che diversi clienti della società per cui lavoravo prima avevano scelto di adottare questo regime per loro assai vantaggioso, consigliati proprio dai commercialisti. (parliamo non solo di avvocati, ma anche di analisti che lavorano a casa senza spese appunto da dedurre)

    POi un conto penso, sia chi fa un lavoro che richiede la libera professione e quindi richiede la presenza di una apertura di partita iva per legge, e invece chi, per escamotage fiscali da parte delle aziende per cui lavora come collaboratore esterno, viene costretto ad aprirsi partita iva.
    Non ti ho tradito. Dico sul serio. Ero... rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio! [cit.]

  Ma sarà poi così vero che aprire la partita IVA conviene?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina