1. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4896749
    2008. Protesta studentesca in Grecia. Un ragazzo viene ucciso da un poliziotto. Il poliziotto viene arrestato immediatamente per omicidio volontario. Nonostante ciò 3 giorni di guerriglia urbana e città a ferro e fuoco. Chiusura delle scuole e delle università.

    2001. Protesta no global a Genova. Un ragazzo viene ucciso da un carabiniere. Il carabiniere diventa un politico di Alleanza Nazionale. Mezzo pomeriggio di guerriglia urbana, scatenata da infiltrati di non si sa bene che gruppo, dove fra gli altri vengono picchiati vecchi, manifestanti pacifici, preti. Le scuole non vengono chiuse però. Anzi, in una di queste, alla Diaz, viene fatto un blitz della polizia, dove poi si scoprirà che molotov e armi sono state portate dalla polizia stessa. Torture e inni fascisti alla caserma di Bolzaneto.


    Due democrazie.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4896766
    Stessa cosa che pensavo anche io, solo che non sapendo bene la cornice in cui sono avvenuti gli scontri in grecia non avevo commentato.
    Cmq quoto in pieno.
    Una catena è forte quanto il suo anello più debole
    codice wii: 1310 3964 1466 8615 mario kart: 1547 5327 6792 mario strikers: 021602 987561
    SSBB: 2793 2066 4623 add me!
  3. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4896776
    Abbastanza lampante la superficialità nei confronti delle forze dell'ordine in Italia, meglio sorvolare sulla storia del ragazzo morto. Non è specificato infatti se quello greco stava tentando di ammazzare il poliziotto che l'ha ucciso, ma penso di no...
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!
  4. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4896957
    Sì, ma non specifica se il ragazzo greco stava per ammazzare il poliziotto come quello italiano.
    Un conto sono i sassi e le molotov lanciati dalla distanza, un conto è un estintore da 10 kg lanciato da 2 metri di distanza.
    L'atto del poliziotto italiano lo capisco. L'atto del poliziotto greco, se si tratta di uno scontro alla distanza a cui è seguita una risposta esagerata come penso, lo condanno.

    In ogni caso non capisco queste devastazioni urbane: non servono e creano solo danni alla povera gente.
    Servono atti più significativi in sedi più significative in orari in cui le sedi sono vuote...
  5.     Mi trovi su: Homepage #4897202
    arcturus85 ha scritto:
    Sì, ma non specifica se il ragazzo greco stava per ammazzare il poliziotto come quello italiano.
    Un conto sono i sassi e le molotov lanciati dalla distanza, un conto è un estintore da 10 kg lanciato da 2 metri di distanza.
     Carlo non era a due metri di distanza quando e' stato ucciso.

    Per il resto cerco di non partecipare perche' le ferite non mi si sono ancora chiuse...
  6. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4897263
    Non volevo assolutamente dibattere DI NUOVO sulla morte di Giuliani o sulla colpevolezza di Caplanica. Se n' è parlato a sufficienza... e mi pare che non si sia giunti a molto in 7 anni.

    Non penso che se i fatti di Genova non sono ancora "chiari" oggi, tantomeno lo fossero ad un giorno di distanza. Ricordo che durante il primo giorno neppure si sapeva se il ragazzo morto a Genova fosse italiano o straniero. Figuriamoci stabilire colpevolezze varie.
    E non penso che in Grecia ci sia tuttora la certezza di ciò che è successo. Ho letto di varie versioni sul ragazzo greco ucciso. Alcune dicono che stava uscendo da una sala da thè con gli amici, estraneo alle manifestazioni. Altre che fosse un manifestante attivista e violento.

    Il punto non è chi fosse il morto (per una volta). Nè quali fossero le circostanze della morte. Il punto è la reazione di manifestanti e istituzioni. In Italia i manifestanti hanno reagito con molta meno violenza rispetto alla controparte greca. In Grecia le istituzioni hanno reagito con estrema serietà e gravità nei confronti delle istituzioni stesse, laddove in Italia si è tentato di coprire-seppellire la verità. Fin dai primi istanti, con quel poliziotto che gridava ad un manifestante: "Sei stato tu! Con quel sasso! L' hai ucciso tu! Ti ho visto!".

    Questo mi interessa. Il fatto in sè non mi interessa affatto, con le circostanze della morte. Quindi è inutile strumentalizzare o polemizzare. Sennò la parola "democrazia" nel titolo non l' avrei messa proprio! E la reazione dei cittadini greci e quella delle istituzioni greche che mi ha fatto riflettere.

    E' quella una democrazia matura? Una democrazia dove il popolo ha ancora la forza di essere unito nell' indignazione e le istituzioni serie nell' individuare responsabilità oggettive?
  7. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4897368
    killer7 ha scritto:
    Vi siete dimenticati la cosa più importante:

    Il ministro greco dell'interno si è dimesso per far calare la tensione... e in Italia qualcuno si dimette ? :toghy:
     
    Ruggero, Tremonti, Scajola, Calderoli... Questi i primissimi che mi vengono in mente, senza neppure googlare.
  8. 痺れるだろう?  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4897498
    Atlas ha scritto:
    Ruggero, Tremonti, Scajola, Calderoli... Questi i primissimi che mi vengono in mente, senza neppure googlare.
      cioè gente che esce dalla porta e entra dalla finestra? :P
    /!\quello che vive in Cina di Nextgame/!\
    ogni tanto fate una capatina nel mio blog! (sempre che la Cina sblocchi Blogspot... (sic))
    你令一切平凡的事变得新奇 令琐事变成美好的回忆...
  9. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4897506
    Jiraiya ha scritto:
    cioè gente che esce dalla porta e entra dalla finestra? :P
     A parte Ruggero! Che però fu praticamente silurato... costretto alle dimissioni. Probabilmente fu l' unica persona di spessore che abbia mai militato in un governo Berlusconi. Una persona decisionale e non un mero esecutore di un ordine del giorno.

    La democrazia è in crisi vera.
    Non ultimo, ed è altro caso caldo dei nostri giorni, l' attacco pesante alla magistratura. Con esecutivo e legislativo appiattiti sulle medesime posizioni (e ci mancherebbe altro... sono le stesse persone), un potere giudiziario che fa il suo lavoro di controllo sulla politica è molto scomodo.
  10. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4897623
    killer7 ha scritto:
    Ah bhè... infatti si sono TUTTI allontanati per un lungo periodo dalla politica... :rolleyes:

    Di Calderoli mi ricordo soprattutto: La mia legge elettorale è una PORCATA.

    LoL...
     
    Si son dimessi. Altri non lo hanno fatto. Dimesso una volta dimesso per sempre?

    Un poliziotto sbaglia (facendo finta sia vero, non m'interessa) la gente SBAGLIANDO scende in piazza a far guerriglia e chi si dimette è il ministro? E tutti quelli che hanno danneggiato, distrutto, attaccato, ferito allora li sbattiamo in galera però, non è che come al solito trovato il capro espiatorio gli altri son tutti assolti perchè "mica posso arrestare 10mila persone!"
  11. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4897667
    State continuando ad libitum (da ANNI aggiungerei) a tornare sul tema della colpevolezza o della responsabilità o della ragione.

    Non si arriva da nessuna parte se si parla di queste cose. Ci saranno semrpe opinioni diverse date da punti di partenza diversi.

    Il punto è: i greci sono ancora capaci di indignarsi e gli italiani no? Abbiamo perso quella scintilla vitale di partecipazione democratica che ci fa sentire i padroni in casa nostra e non soltanto i servi della gleba del 21esimo secolo?

    Insomma, al di là del merito della circostanza. Non pensate che ci sia qualcosa di profondamente SANO nell' essere ancora in grado di reagire, di pensare, di staccarsi dal pensiero dominante delle varie isole dei famosi ed esternare la propria idea, gridarla, con forza, con determinazione.

    In Italia saremmo ancora in grado di urlare alle istituzioni di stare al loro posto?
  12. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4897722
    Atlas ha scritto:
    Si son dimessi. Altri non lo hanno fatto. Dimesso una volta dimesso per sempre?

    Un poliziotto sbaglia (facendo finta sia vero, non m'interessa) la gente SBAGLIANDO scende in piazza a far guerriglia e chi si dimette è il ministro? E tutti quelli che hanno danneggiato, distrutto, attaccato, ferito allora li sbattiamo in galera però, non è che come al solito trovato il capro espiatorio gli altri son tutti assolti perchè "mica posso arrestare 10mila persone!"
     
    Si.. in casi così gravi non esistono scuse. Lo stesso dovrebbe valere per attentati terroristici.

    Guarda, per me dovrebbero essere arrestati tutti quelli che uccidono o creano problemi... indipendentemente dal fatto che siano civili, militari o politici...

  Democrazia vs Democrazia!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina