1. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4902268
    Giornalista finanziario, si č occupato di diverse inchieste sugli aspetti economici del calcio italiano: attualmente collabora con Liberomercato. Editorialista per TMW sugli aspetti finanziari delle societŕ di serie A.

    26.10.2008 00.00 di Marco Liguori

    Nel bilancio 2008 č evidenziato che i consiglieri di amministrazione bianconeri, compresi il presidente Cobolli Gigli e l'amministratore delegato Blanc che beneficiano di un "paracadute" di 3,45 milioni in caso di ingiusto licenziamento, non posseggono titoli della Juventus. Un segnale poco confortante per il mercato: negli Stati Uniti i manager possiedono sempre cospicui pacchetti delle proprie aziende quotate

    I componenti del consiglio di amministrazione non possiedono alcuna azione della Juventus. Questa inaspettata e incredibile notizia č riportata nel paragrafo delle "partecipazioni detenute dagli organi di amministrazione e controllo e dirigenti con responsabilitŕ strategiche" riportato nel progetto di bilancio chiuso al 30 giugno 2008 con un risultato fortemente negativo di 20,8 milioni di euro. Nel testo si legge che Ťnessun amministratore, sindaco o altro soggetto di cui all'articolo 79 di cui sopra detiene o ha detenuto nel corso dell'esercizio azioni della Juventus e/o azioni della ex societŕ controllata Campi di Vinovo spať. Soltanto un membro del collegio sindacale, Paolo Piccatti, possiede 540 azioni che, al prezzo di riferimento di 0,792 euro registrato ieri, ammontano in totale alla piů che esigua cifra di 427,68 euro.
    Negli Stati Uniti, patria del capitalismo sempre additata come fulgido e perenne esempio del libero mercato, i manager delle societŕ quotate in borsa possiedono singolarmente sempre un certo cospicuo quantitativo di titoli. Ciň rappresenta un chiaro segnale al mercato di credere nell'azienda da loro amministrata. Invece, gli otto membri del cda della Juventus, presente a Piazza Affari dal dicembre 2001, non sembrano molto convinti nel Ťprogettoť: cosě l'ha definita di recente la Juve dal presidente Giovanni Cobolli Gigli. O almeno per ora: forse in futuro potrebbero ripensarci e acquistare titoli bianconeri. C'č da dire perň che anche nel bilancio chiuso al 30 giugno 2007 nessuno componente dei vertici, neanche i sindaci, possedeva azioni della squadra di Casa Agnelli. Il documento contabile precisa che Ťla societŕ non ha in essere piani di stock optionť per gli amministratori, ossia opzioni che concedono il diritto di acquistare azioni di una societŕ ad un determinato prezzo d'esercizio.
    Tutto ciň potrebbe costituire argomento di discussione nella prossima assemblea. I piccoli azionisti (che esprimono da tempo il loro dissenso su www.j1897.com, www.ju29ro.com e www.giulemanidallajuve.com) potrebbero chiedere spiegazioni al riguardo, soprattutto per quanto riguarda le due cariche esecutive, ossia il presidente Cobolli Gigli e dall'amministratore delegato e direttore generale Jean Claude Blanc. Anche perché entrambi percepiscono un "paracadute" complessivo di 3,45 milioni: in caso di licenziamento senza giusta causa il numero uno bianconero percepirŕ una somma di 450mila euro. Invece per il manager francese la clausola vale anche Ťin caso di dimissioniť date Ťcon giusta causať con Ťil riconoscimento di un'indennitŕ forfettaria pariť a 3 milioni. I tifosi potrebbero chiedere lumi anche alla luce dei cospicui compensi complessivi da loro percepiti: 2,24 milioni per Blanc, 707mila euro per Cobolli. Riguardo agli altri consiglieri, risulta maggiormente retribuito Gian Paolo Montali, ex allenatore della Nazionale di pallavolo, con 27mila euro: 15mila come emolumenti per la carica, 12mila per prestazioni di consulenza. Seguono Riccardo Montanaro con 23mila, Camillo Venesio con 20mila, Marzio Saŕ con 18mila. Carlo Barel di Sant'Albano e Aldo Mazzia hanno rispettivamente ricevuto 18mila e 10mila euro: nel bilancio č specificato che per entrambi Ťl'emolumento č versato direttamente alla societŕ Ifil Investments spať.
    Riguardo ai vertici delle altre due societŕ quotate sul listino di Milano, si riscontra che alla Lazio vige una situazione abbastanza simile a quella della Vecchia Signora. Nel progetto di bilancio 2007/08 si legge che ad eccezione del presidente Lotito (possessore indirettamente di 41,5 milioni di azioni) nessuno dei consiglieri di gestione e di sorveglianza possiede un solo titolo della squadra biancoceleste: il solo ex consigliere Giovanni Gilardoni ne aveva 20.646 fino al 20/10/2007, data di cessazione dalla sua carica. Invece alla Roma almeno quattro sui dieci membri del consiglio di amministrazione sono detentori di cospicui pacchetti azionari. Nel progetto di bilancio al 30 giugno scorso emerge che il presidente e amministratore delegato Franco Sensi (deceduto nello scorso agosto) possedeva indirettamente tramite societŕ controllate 156.939 titoli e altri 220.515 come Ťpossesso indiretto di piena proprietŕ per il tramite del coniuge in societŕ controllateť. L'amministratore delegato Rosella Sensi aveva 15.025.300 azioni: anch'essa per Ťpossesso indiretto di piena proprietŕ per il tramite di societŕ controllateť. Altre 15.024.552 sono di Silvia Sensi, detenute con la stessa motivazione della sorella. Invece, il consigliere Renato Bernardini ne ha tra le sue mani soltanto 2.320.

    http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id;=126682
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  I membri del cda non hanno azioni della Juve

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina