1. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4908075
    Attentato a San Pietroburgo nel giorno di Zenit-Juve


    Questa mattina l'esplosione di una granata in un’automobile nei pressi della stazione della metropolitana di Udelnaia, nel nord della cittŕ russa, ha provocato tre vittime, tra cui un bambino. Stasera alle 18.30 italiane č in programma la sfida di Champions: l'Uefa non parla di rinvio, ma la richiesta potrebbe arrivare dal governo russo


    --------

    SAN PIETROBURGO (Russia), 25 novembre 2008 - Forse quella granata doveva essere gettata giů, nella pancia della metropolitana, stazione di Udelnaia, zona Nord della cittŕ. Cittŕ degli zar, neve, vento freddo, ore 8.39 di mattina: a quest’ora la metropolitana č ancora stipata di pendolari.
    ESPLOSIONE - L’ordigno (una granata, secondo le prime ricostruzioni) esplode prima, in superficie, su un taxi che si č appena fermato davanti alla stazione. Sull’auto, una Lada, oltre al conducente viaggiano altre tre persone: due uomini e un bambino. Sarebbero loro tre vittime, i tre passeggeri. E restano gravissime le condizioni dell’autista del taxi. Tre morti e una bomba, nella cittŕ degli zar e di Putin. Succede tutto nella zona Nord, sei fermate di metro dal centro. Zona piuttosto anonima, se non fosse per un dettaglio: qui vicino si allena la squadra dello Zenit, la squadra di San Pietroburgo e dell’illustre tifoso Putin. La squadra che stasera, in Champions, deve affrontare la Juventus. Tre morti e una bomba nella mattina di San Pietroburgo che precede la sfida di Champions League tra Zenit e Juventus.
    SICUREZZA RAFFORZATA - La squadra di Ranieri, ospitata in un albergo distante circa una decina di chilometri dal luogo dell’esplosione, viene avvertita di quanto accaduto solo un paio di ore dopo. Intorno alla sede del ritiro bianconero, il ministero per le Emergenze nazionali, dispone un immediato rafforzamento delle misure di sicurezza. E, a differenza della giornata di ieri, l’assoluto divieto di parcheggiare nel perimetro dell’hotel. "Aspettiamo comunicazioni ufficiali dall’Uefa", č la prima risposta che trapela dal clun bianconero. Uefa che fino a questo momento non ritiene ci siano i presupposti per rinviare la partita di questa sera al Petrovsky Stadium. Una richiesta che, invece, potrebbe essere avanzata dal governo russo: lo stadio puň contenere 20.000 spettatori. Sě, rappresentano un obiettivo. Per questo, gli inquirenti russi, stanno cercando di comprendere in fretta cosa si nasconda dietro quella bomba. In attesa, pure, di un’eventuale rivendicazione terroristica. In zona č arrivato anche l'ex presidente russo Vladimir Putin, che si trovava al confine con la Finlandia per l'inaugurazione di una base militare.
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #4908076
    Esplosione a S. Pietroburgo
    Ma Zenit-Juventus si gioca

    Questa mattina lo scoppio di una granata in un’automobile nei pressi della stazione della metropolitana di Udelnaya, nel nord della cittŕ russa, ha provocato tre vittime, tra cui un bambino. Stasera alle 18.30 italiane č in programma la sfida di Champions, che non verrŕ rinviata

    SAN PIETROBURGO (Russia), 25 novembre 2008 - Forse quella granata doveva essere gettata giů, nella pancia della metropolitana, stazione di Udelnaya, zona Nord della cittŕ. Cittŕ degli zar, neve, vento freddo, ore 8.39 di mattina: a quest’ora la metropolitana č ancora stipata di pendolari.
    ESPLOSIONE - L’ordigno (una granata, secondo le prime ricostruzioni) esplode prima, in superficie, su un taxi che si č appena fermato davanti alla stazione. Sull’auto, una Lada, oltre al conducente viaggiano altre tre persone: due uomini e un bambino. Sarebbero loro tre vittime, i tre passeggeri. E restano gravissime le condizioni dell’autista del taxi. Tre morti e una bomba, nella cittŕ degli zar e di Putin. Succede tutto nella zona Nord, sei fermate di metro dal centro. Zona piuttosto anonima, se non fosse per un dettaglio: qui vicino si allena la squadra dello Zenit, la squadra di San Pietroburgo e dell’illustre tifoso Putin. La squadra che stasera, in Champions, deve affrontare la Juventus.
    SICUREZZA RAFFORZATA - La squadra di Ranieri, ospitata in un albergo distante circa una decina di chilometri dal luogo dell’esplosione, viene avvertita di quanto accaduto solo un paio di ore dopo. Intorno alla sede del ritiro bianconero, il ministero per le Emergenze nazionali, dispone un immediato rafforzamento delle misure di sicurezza. E, a differenza della giornata di ieri, l’assoluto divieto di parcheggiare nel perimetro dell’hotel. "Aspettiamo comunicazioni ufficiali dall’Uefa", č la prima risposta che trapela dal clun bianconero.
    NESSUN RINVIO - Mall'Uefa non č arrivata nessuna rischiesta di rinvio e la gara si giocherŕ regolarmente. Gli inquirenti russi, stanno cercando di comprendere in fretta cosa si nasconda dietro quella bomba. In attesa, pure, di un’eventuale rivendicazione terroristica. In zona č arrivato anche l'ex presidente russo Vladimir Putin, che si trovava al confine con la Finlandia per l'inaugurazione di una base militare.
    VERSIONE RUSSA - Proprio lo Zenit S. Pietroburgo ha diffuso una versione che, se avvalorata, confermerebbe in pieno la tesi dell'incidente a scapito di quella dell'attentato. Secondo la societŕ russa, l'uomo che ha fatto esplodere la granata sarebbe un archeologo, che stava portando l'ordigno in un museo della cittŕ insieme con la famiglia.

    http://www.gazzetta.it/Calcio/SerieA/Squadre/Juventus/Primo_Piano/2008/11/25/attentato.shtml

    Cose da pazzi.Bimbo riposa in pace.:(
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?

  Attentato a San Pietroburgo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina