1.     Mi trovi su: Homepage #4909620
    ŤDobbiamo migliorareť

    MILANO, 5 dicembre - Il momento non č facile. Nemmeno per Kakŕ, stretto tra le esigenze tattiche di Ancelotti e i risultati appannati dopo una bella serie positiva. Ma Ťil Milan non č in crisiť per il brasiliano. Il suo bicchiere č mezzo pieno: ŤTutti parlano di due sconfitte, io parlo di 16 risultati positivi- dice- Certo che dobbiamo migliorare tante cose, ma abbiamo fatto una sequenza di risultati che ci permette di essere secondi in campionato e stiamo messi bene anche in Coppa Uefa. Dobbiamo avere una continuitŕ nel gioco, č questo che ci preoccupa. Non sempre facciamo un bel calcioť. Il suo problema č la posizione in campo: ŤStiamo cercando di adattarci tatticamente, tante volte devo giocare piů dietro. Non č la mia volontŕ. A me piacerebbe giocare piů avanti, ma capisco le esigenze della squadra. So che tutti si aspettano qualcosa di diverso da me, č la mia responsabilitŕ. Se non lo faccio mi criticano. Abbiamo pensato anche a farmi giocare come punta. Con il Genoa, alla seconda di campionato, ho fatto la seconda punta poi sono rientrato. Ora vediamo come posso migliorare. Io voglio tornare ad essere fondamentale al 100 per 100. Non č facile per me non essere decisivoť.

    IL MERCATO - Č difficile la convivenza con Ronaldinho? ŤRonaldinho si č inserito bene, si č ambientato. Eravamo abituati a giocare in una maniera automatica. Con Seedorf e me con una punta avanti, quasi sempre Inzaghi. Con l'arrivo di Ronaldihno dobbiamo abituarci. Dobbiamo trovare nuovi automatismi. Non ho mai giocato come gioca lui, io sono sempre partito dal centro. Magari lui mi limita andando un pň a sinistra. Dobbiamo trovare una migliore intesa. In nazionale abbiamo giocato spesso ma non č la stessa cosať. Il Milan corre poco? ŤTutti dobbiamo sacrificarci di piů. C'č troppa distanza tra i reparti. Dobbiamo noi attaccanti per primi dare equilibrio alla squadra. Corriamo tutti tanto, ma spesso in maniera sbagliato. Facciamo fatica e bastať. Si parla di mercato. Al Milan serve un difensore: ŤThiago Silva č un grandissimo difensore che servirebbe tanto al Milan, ma del mercato parlano i dirigentiť. E Beckham? ŤTanti pensano che sarŕ una cosa negativa il suo arrivo, ma io sono contento del suo arrivo, puň portare la sua qualitŕ per vincere scudetto e Coppa Uefa. Ci aiuterŕ a raggiungere i nostri obiettiviť. Č vero che potrebbe finire in Premier? ŤOgni volta he vado in Inghilterra c'č un'atmosfera positiva, č campionato molto importante. Se un giorno andrň via vorrebbe dire che i miei obiettivi non sono piů quelli del Milan. Č non č cosě oggi. Se un giorno dovesse succedere, la Premier potrebbe essere il giusto campionato. In Italia c'č casa mia, mio figlio comincia a crescere qui, siamo molto legati a questo paeseť. Quali sono le favorite per vincere la Champions? ŤLe favorite sono sempre le stesse in Champions. Spero che non sia l'Inter... Tra le inglesi Manchester e Chelsea sono piů avantiť.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4909622
    Ancelotti: ŤMi va bene un Kakŕ al 70 per centoť

    Il tecnico del Milan: ŤOra non servono i suoi gol, ma che faccia altroť

    MILANO, 6 dicembre - Ancelotti non cambia. E se Kakŕ in questo momento pensa di rendere soltanto al 70 per cento, all'allenatore del Milan Ťva bene questo 70...ť. ŤNon c'č alcun caso e io con Kakŕ parlo tutti i giorni- ha risposto subito Ancelotti- Kakŕ in fase realizzativa ha fatto forse di meno, ma questo perchč adesso č piů trequartista e prima era piů seconda punta. Per me, comunque, non c'č alcun problema, giocando un pň piů dietro č normale che Kakŕ sia meno presente in fase realizzativa. Ma non mi serve in questo momento un Kakŕ che faccia gol- ha spiegato ancora- mi serve un Kakŕ che faccia altre cose. Lui da parte sua ha fatto delle osservazioni tattiche, ma io conosco il pensiero di Kakŕ e non vedo tutto questo disagio come l'ho letto... Io comunque cerco di mettere i ragazzi nelle condizioni in cui possono rendere al meglio. Non sono il tipo di giocatore (Ancelotti ovviamente intendeva allenatore, ndr) che dice 'Fai quello che ti dico io', con i calciatori cerchiamo insieme delle soluzioni. In questo caso non c'č alcun problema e non cambierŕ nullať. ŤKakŕ ha ancora le chiavi di questa squadra- ha concluso l'allenatore rossonero- e Ronaldinho non č un doppione. Comunque qui al Milan abbiamo tanti mazzi di chiavi, ne hanno uno anche Gattuso, Pirlo e altri. E anche io...ť.

  Kakŕ: ŤNon siamo in crisi, e io mi sacrificoť

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina