1.     Mi trovi su: Homepage #4931223
    L'Osservatore Romano duro sulla proposta contro il reato di omossesualità
    "Voglio aprire la strada al matrimonio gay e alla possibilità di adozione"
    Onu, nuovo attacco Vaticano alla Francia
    "Abbatte la differenza uomo-donna"


    Il Vaticano torna a lanciare strali contro la mozione che la Francia ha
    presentato alle Nazioni Unite contro il perseguimento penale
    dell'omosessualità in vigore in diversi Paesi del mondo. In realtà,
    afferma l'Osservatore Romano in una nota intitolata "Difesa dei
    diritti e ideologia", l'obiettivo non è quello di tutelare diritti
    fondamentali ma affermare l'identità di genere che supera la differenza
    biologica uomo-donna e stabilisce che gli orientamenti sessuali sono
    frutto della cultura. Da qui la strada è aperta, per il quotidiano
    della Santa Sede, al matrimonio fra persone dello stesso sesso e
    all'adozione dei bambini da parte delle coppie gay così come alla
    procreazione assistita, tutto in base a un concetto astratto di
    individuo.

    "Il documento francese proposto alle Nazioni Unite non è un documento
    finalizzato, in primis, alla depenalizzazione dell'omosessualità nei
    Paesi in cui è ancora perseguita, come i media, semplificando, hanno
    raccontato", scrive il quotidiano della Santa Sede. In tal caso,
    infatti, non vi sarebbe stata alcuna opposizione da parte
    dell'Osservatore permanente del Vaticano presso l'Onu, monsignor
    Celestino Migliore.

    "La Chiesa Cattolica, del resto - afferma la nota non firmata
    dell'Osservatore - basandosi su una sana laicità dello Stato, ritiene
    che gli atti sessuali liberi tra persone adulte non debbano essere
    trattati come delitti da punire". "Ma questo documento - prosegue l'Osservatore romano
    - in realtà, parla d'altro, e cioè promuove una ideologia, quella
    dell'identità di genere e dell'orientamento sessuale. Le categorie di
    orientamento sessuale e di identità di genere, che nel diritto
    internazionale non trovano alcuna chiara definizione, vengono
    introdotte come nuove categorie di discriminazione e si cerca di
    applicarle all'esercizio dei diritti umani".

    E invece, secondo il giornale vaticano, "si tratta di concetti
    controversi su base internazionale, e non solo dalla Chiesa, in quanto
    implicano l'idea che l'identità sessuale sia definita solo dalla
    cultura, e quindi suscettibile di essere trasformata a piacere, secondo
    il desiderio individuale o le influenze storiche e sociali".

    "In tal modo, introducendo tali categorie, si dà impulso al falso
    convincimento che l'identità sessuale sia il prodotto di scelte
    individuali, insindacabili e, soprattutto, meritevoli in ogni
    circostanza di riconoscimento pubblico". "Non si tratta purtroppo di
    teorie marginali - afferma ancora l'Osservatore romano - se si pensa
    che le proposte di riconoscimento di diritti di famiglia alle coppie
    omosessuali - incluse quelle relative all'adozione e alla procreazione
    assistita - si basano sull'idea che la polarità eterosessuale non sia
    un elemento fondante della società, ma un arbitrio da cancellare".

    "Quindi - prosegue la nota - il tentativo di introdurre le citate
    categorie di discriminazione si salda con quello di ottenere
    l'equiparazione delle unioni dello stesso sesso al matrimonio e, per le
    coppie omosessuali, la possibilità di adottare o procreare bambini.
    Bambini che rischierebbero, tra l'altro, di non conoscere mai uno dei
    due genitori e di non poter vivere con lui o lei". Si sottoliena infine
    che coloro che si opporranno in futuro a questa visione dei rapporti
    uomo-donna, come le religioni, potrebbero vedere limitato il diritto di
    "trasmettere il loro insegnamento".

    Il Vaticano aveva già diffuso una nota dell'osservatore permanente
    della Santa Sede all'Onu nella quale si precisava ulteriormente la
    posizione della Chiesa sulla mozione francese: "La Santa Sede - si
    legge nel testo di monsignor Celestino Migliore - apprezza gli sforzi
    fatti nella Declaration on human rights, sexual "orientation and gender
    identity- presentata all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 18
    Dicembre 2008 - per condannare ogni forma di violenza nei confronti di
    persone omosessuali, come pure per spingere gli Stati a prendere tutte
    le misure necessarie per metter fine a tutte le pene criminali contro
    di esse".

    "Allo stesso tempo -proseguiva- la Santa Sede osserva che la
    formulazione di questa Dichiarazione va ben aldilà dell'intento sopra
    indicato e da essa condiviso". In particolare, affermava mons.

    Migliore, "le categorie orientamento sessuale e identità di genere,
    usate nel testo, non trovano riconoscimento o chiara e condivisa
    definizione nella legislazione internazionale. Se esse dovessero essere
    prese in considerazione nella proclamazione e nella traduzione in
    pratica di diritti fondamentali, sarebbero causa di una seria
    incertezza giuridica, come pure verrebbero a minare la capacità degli
    Stati alla partecipazione a e alla messa in atto di nuove o già
    esistenti convenzioni e standard sui diritti umani". Quindi la nota
    spiegava: "Nonostante che la Dichiarazione giustamente condanni tutte
    le forme di violenza contro le persone omosessuali e affermi il dovere
    di proteggerle da esse, il documento, considerato nella sua interezza,
    va aldilà di questo obiettivo e dà invece origine a incertezza delle
    leggi e mette in questione le norme esistenti sui diritti umani".

    [url=http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/esteri/benedetto-xvi-28/onu-francia/onu-francia.html
    ]http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/esteri/benedetto-xvi-28/onu-francia/onu-francia.html
    [/url]
  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #4931248
    Zanetti Capitano ha scritto:
    W la FRANCE!! W I GAY!!! Schifiamo il Vaticano! Libertà per tutti, l'identità sessuale è e deve essere libera e se anzichè andare contro la depenalizzazione dell'omosessualità (b.....rdi) pensassero a dare contro ai preti pedofili e ai portatori di democrazia sarebbe molto molto molto meglio!
     http://it.youtube.com/watch?v=5JESGmwY7Y4
    /!\Il Sardo di Nextgame/!\
    Qual è il colmo per un gioco di guida? Avere un gameplay...macchinoso! :|
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4931275
    Da Digital Sat
    L'emittente pubblica francese cancella dalla propria programmazione, per la prima volta, la messa notturna di Natale celebrata dal Papa, e il Vaticano protesta."Penso che sostituire quest'ora e mezza di
    trasmissione della messa a mezzanotte con delle trasmissioni di
    divertimento, che hanno già parecchio spazio in televisione, non è un
    segnale positivo, ma un segno di superficialità
    ", commenta padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, all'agenzia stampa francese 'I.Media'. Si tratta "di
    un segno di mancanza di attenzione alla sensibilità, alla cultura e
    alla tradizione religiosa di una gran parte del paese che, come ha
    dimostrato anche la recente visita del Papa in Francia, si è dimostrato
    vitale e ben integrato nella società francese".
    La tradizionale messa nella basilica di San Pietro
    è stata sostituita da una trasmissione chiamata 'Grand betisier de
    Noel' (una sorta di 'Blob' natalizio) e dalla ritrasmissione di un
    concerto del 2005 del cantante popolare Michel Sardou.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4931323
    Zanetti Capitano ha scritto:
    W la FRANCE!! W I GAY!!! Schifiamo il Vaticano! Libertà per tutti, l'identità sessuale è e deve essere libera e se anzichè andare contro la depenalizzazione dell'omosessualità (b.....rdi) pensassero a dare contro ai preti pedofili e ai portatori di democrazia sarebbe molto molto molto meglio!
       eheh capisco l'impeto ma gli slogan non aiutano la discussione su un forum, anzi sono abbastanza dannosi. ;)
    Piuttosto non capisco come mai l'omosessualità fosse reato :O
  5. Triste  
        Mi trovi su: Homepage #4931330
    Non è che la Francia vuole fotterci il Vaticano per il cararmatino in più che dà ad ogni turno?

    Personalmente non concepisco come si faccia ancora oggi ad essere contrari agli omosessuali ed alle loro unioni. Si può discutere sull'adozione, uteri in affitto, etc etc, ma da qui a dichiararsi "contrari agli omosessuali" bisogna essere ancora nell'800 e non voler guardare quel che succede nemmeno all'interno della propria istituzione.
    KoD, moderatore maximo ad imperium planetarium di Containerd.com
  6.     Mi trovi su: Homepage #4931366
    KoD ha scritto:
    Non è che la Francia vuole fotterci il Vaticano per il cararmatino in più che dà ad ogni turno?

    Personalmente non concepisco come si faccia ancora oggi ad essere contrari agli omosessuali ed alle loro unioni. Si può discutere sull'adozione, uteri in affitto, etc etc, ma da qui a dichiararsi "contrari agli omosessuali" bisogna essere ancora nell'800 e non voler guardare quel che succede nemmeno all'interno della propria istituzione.
    Infatti. Parlo da omosessuale e mi sembra che il problema sia soprattutto l'estremizzazione del dialogo su questi temi. Si raggiunge, nei dibattiti, il limite della follia: appena uno dice "beh", dall'altra parte si urla contro matrimoni, adozioni & co. Che poi si rientra nel solito discorso del "ridateci le mezze misure". E' veramente stressante essere in una situazione in cui non si ha niente, dire che si vorrebbe almeno qualcosa e sentirsi rispondere "no, perché poi vuoi tutto". Perché questo è il tenore delle discussioni!
    Francamente non me ne importa niente di matrimonio gay, adozioni (anzi...) o riconoscimenti ufficiali...non si capisce che quello che si cerca prima di tutto sono dei diritti fondamentali... Anche sul riconoscimento delle unioni: si parla di semplici e banalissimi diritti. E invece subito "eh, ma da lì alle adozioni il passo è breve"...ma che caspita significa?? Boh, per quanto mi riguarda possono pure decidere che l'unione venga siglata nella latrina del comune, controfirmata da un bidello, se proprio vogliono testimoniare la superiorità morale del matrimonio eterosessuale, sapete che mi importa, basta che mi garantiscano quei diritti basilari (ripeto: basilari, altro che adozioni) di una coppia. Diritti a cui una coppia omosessuale non può accedere in ALCUN modo.
    Ma la cosa davvero più stressante, lasciatemelo dire, è il fatto che in un paese cosiddetto civile si tenda ancora a considerare sullo stesso piano ("eh, sapete, la democrazia...") delle altre, le opinioni di "persone" che ancora si divertono a parlare di malattia, cura, devianze "intrinsecamente disordinate", immoralità e annessi e connessi. Questo davvero non lo sopporto.


    E preciso, tanto per, che chi parla è un omosessuale che abolirebbe seduta stante i Gay Pride nella loro concezione attuale e che, come tanti altri, non si sente minimamente rappresentato dai vari Grillini, Mancuso, Luxuria che (pare quasi per volontà divina) si sono autoproclamati portavoce dei gay e delle lesbiche d'Italia...
    "Love looks not with the eyes, but with the mind;
    And therefore is wing'd Cupid painted blind." (W. Shakespeare)
  7. 痺れるだろう?  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4931627
    Maximus ha scritto:
    [...]
    E preciso, tanto per, che chi parla è un omosessuale che abolirebbe seduta stante i Gay Pride nella loro concezione attuale e che, come tanti altri, non si sente minimamente rappresentato dai vari Grillini, Mancuso, Luxuria che (pare quasi per volontà divina) si sono autoproclamati portavoce dei gay e delle lesbiche d'Italia...
      secondo me torna sempre facile parlare "contro" qualcosa piuttosto che "pro".
    rimane il fatto che questi ci troviamo, se non c'erano questi qua cosa c'era? suppostamente solo la nebbia, ma se mi dimostri che se non ci fossero loro ci sarebbero bravi bei giovani rampanti imprenditori (magari omosessuali) o liberi professionisti a portare avanti la causa gay come se mammà potesse tanto essere fiera di loro, fammi sapere.
    Il punto non è che quache gay che conosco non si sente rappresentato, ma tutti hanno qualcosa da ridire. Ma sai mi sembrano sempre quei tassisti che in fondo avrebbero dovuto fare il presidente, mica il tassista.
    ma questo è un mio pensiero latente che ogni tanto torna fuori, non c'entra niente con quello che voleva dire, mi è scappato.

    Il punto è che io capisco che politicamente è importante la mezza misura, ma ad un livello umano, l'eccesso dall'altra parte non mi pare per niente eccesso, mi pare semplicemente una cosa che si chiama eguaglianza, e non credo sia una parolaccia. In alcuni paesi è stata applicata e non mi sembra che siano scoppiate epandemie.
    Comunque è un discorso molto politico e molto articolato, capisco che se uno si mette da una parte e dice 'o tutto o niente' non andiamo molto lontano, però insomma, non è che mi sento particolarmente entusiasta solo perché qui non è reato. E capisco che qui anche una legge antidiscriminatoria, un patto civile col nome di un discount alimentare possa sembrare un balzo di cento anni avanti, ma insomma, io dico quello che sento, quello che penso e quello che desidero aldilà dei giochetti della politica.

    [Modificato da Jiraiya il 20/12/2008 04:36]

    /!\quello che vive in Cina di Nextgame/!\
    ogni tanto fate una capatina nel mio blog! (sempre che la Cina sblocchi Blogspot... (sic))
    你令一切平凡的事变得新奇 令琐事变成美好的回忆...
  8. Estinto  
        Mi trovi su: Homepage #4931633
    Vito ha scritto:
    eheh capisco l'impeto ma gli slogan non aiutano la discussione su un forum, anzi sono abbastanza dannosi. ;)
    Piuttosto non capisco come mai l'omosessualità fosse reato :O
     Un ottimo Vito per un ottimo intervento, concludendo con un invito generale a seguire il suo consiglio.
    /!\ Il Terrificante Fossile di outcast.it /!\ E sono pure "Tribolo" autore di enigmi sulla Settimana Enigmistica.
    Se guardi le stelle e basta, sei solo a metà del guado. Se le ascolti anche, arrivi dall'altra parte. Ex curatore col MiniGeo di http://www.videogame.it/forum/t/337579/editoriale-father-son-punti-di-vista.html http://next.videogame.it/e3-2010/87963/ http://next.videogame.it/gamescom-2010/90316/ http://www.videogame.it/netportal-ipho/99540/netportal-filebrowser.htm Grazie AlexBi, Fogman e Fotone!!!
  9. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4932070
    Menny ha scritto:
    E con buona pace del Vaticano che tra questa questione e quella di Eluana sta facendo una figura barbina.


    Mah... il Vaticano non mi preoccupa. A livello italiano potrà anche decidere l' ordine del giorno. Ma se si tratta di stati esteri la loro rincorsa ai diritti prende altre vie. Se il Vaticano si mette contro l' unico risultato che potrà ottenere sarà quello di perdere di influenza.
  10. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4932329
    Menny ha scritto:
    E con buona pace del Vaticano che tra questa questione e quella di Eluana sta facendo una figura barbina.
     No, il Vaticano fa semplicemente il Vaticano ed è coerente con se stesso. Anzi, sono innumerevoli le aperture dell'ultimo secolo per cercare di tener viva la propria propaganda, visto che i tempi non sono più medievali e la gente sempre meno tiene di conto una cosa come la religione, soprattutto quando restringe le libertà.

    La figura barbina la fa l'Italia soprattutto, qui come sempre vengono dati troppo spazio e peso al Vaticano...
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!

  Il Vaticano contro la Francia

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina