1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4950530
    Quando la scienza si spinge fino ai suoi limiti naturali,quando addirittura li supera e sconfina nella parascienza,affrontando tematiche come il teletrasporto,la materia oscura,la rigenerazione cellulare etc...in gergo tecnico viene definita "fringe".

    Ed e' di questo che tratta la nuova serie partorita dalla mente di J.J. Abrams,coadiuvato come sempre dai suoi collaboratori storici,Kurtzman,Orci e Graves.Scienza che si spinge fuori dai suoi confini,avvenimenti isolati solo in apparenza ma in realta' collegati,il mondo utilizzato come un'immenso laboratorio.E una misteriosa organizzazione.A seguire il tutto,a cercare di tirare le fila e capire cosa stia succedendo,una caparbia agente dell'fbi,un brillante e bizzarro professore di Harvard e il figlio di questi.

    La trama,almeno per quel che concerne il pilot,e' abbastanza semplice.In apparenza.Quando un'aereo atterra all'aeroporto di Boston con tutti gli occupanti deceduti,apparentemente a causa di un misterioso agente chimico,all'agente dell'Fbi Dunham viene l'idea di chiedere aiuto al geniale professor Bishop,docente di Chimica ad Harvard.Unico problema,non da poco,e' che Bishop da 17 anni e' chiuso in un manicomio e l'unica persona autorizzata a vederlo,a fargli da tutore,e' il figlio Peter,altrettanto geniale ma meno incline a seguire le regole.Riluttante,quest'ultimo acconsente a far rilasciare il padre e a fargli da assistente durante l'indagine con l'agente Dunham.Quello che i tre non sanno,ancora,e' che l'incidente aereo non e' che un tassello di uno schema,ai piu' ignoto,che mira a varcare,come si diceva,i confini della scienza,utilizzando il mondo come laboratorio.

    Personalmente vi consiglio di vedere,almeno l'episodio pilota.Non foss'altro per un debito di riconoscenza verso il creatore di Lost,Alias e Felicity.Poi mi farete sapere.Io ancora sono abbastanza confuso.Un solo episodio,per quanto abbastanza convincente,non puo' bastare a farmi esprimere un giudizio omogeneo.Il 31 Gennaio la serie esordira' su Steel,digitale terrestre,e allora vedremo se varra' la pena di seguirla ancora o di lasciare perdere.
  2. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4950540
    Dove e quando va in onda? :)


    Creatore di lost..... uhmmmm :-\ :P


    La parascienza non esiste. Se un qualcosa avviene in questo universo vuol dire che ha una spiegazione scientifica. Il fatto che "ancora" non la si sia trovata non vuol dire che non esista, ma di SICURO se un fenomeno accade la scienza è potenzialmente in grado di spiegarlo, SEMPRE.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4950957
    Atlas ha scritto:

    La parascienza non esiste. Se un qualcosa avviene in questo universo vuol dire che ha una spiegazione scientifica. Il fatto che "ancora" non la si sia trovata non vuol dire che non esista, ma di SICURO se un fenomeno accade la scienza è potenzialmente in grado di spiegarlo, SEMPRE.
      
    O, quantomeno, è in gradi di dimostrare la sua inspiegabilità. :))
    /!\ Il Mastrota di Nextgame /!\
  4. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4951690
    Io l'ho visto quest'estate il pilota e più che "tra scienza e fantascienza" si dovrebbe parlare di "tra fantascienza e minchiate".

    Le persone che entrano nella testa di altre persone e ci si fanno un giro, il tutto tridimensionalmente... :-| (il casting poi... Joshua Jackson...)

    Quel pilot è l'ennesima conferma che Abhrams è un cialtrone miracolato :->
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!
  5. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4951900
    bonsetter ha scritto:
    Quel pilot è l'ennesima conferma che Abhrams è un cialtrone miracolato :->
     Bah! Gli indici di ascolto, il clamore che gli si è creato attorno e 184 pagine di topic su Lost dicono che la gente non è d' accordo con te.
    E io di sicuro no.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4952172
    Piccolo ha scritto:
    Bah! Gli indici di ascolto, il clamore che gli si è creato attorno e 184 pagine di topic su Lost dicono che la gente non è d' accordo con te.
    E io di sicuro no.
    Beh, guardando Alias ho capito quanto Abrams sia perlomeno sopravvalutato. La trama principale di quello che molti definiscono "il suo primo capolavoro" una volta giunti alla series finale si rivela essere di una stupidaggine assurda. Sicuramente neanche Abrams sapeva dove volevano andare a parare e chi mi dice che alla fine della fiera non accadrà la medesima cosa con lost?

    Per Bons: Joshua Jackson svolge un lavoro egregio su Fringe e risulta essere se non un ottimo quantomeno un buon attore.
    Portal 2 è IL GIOCO di questa gen!
    Nick PSN: The Dreamer next, Nick Live: the dreamer x
    Se proprio l'umanità dovrà avere una fine spero non l'abbiano scritta Lindelof e Cuse... (cit.)
  7.     Mi trovi su: Homepage #4952250
    Piccolo ha scritto:
    Bah! Gli indici di ascolto, il clamore che gli si è creato attorno e 184 pagine di topic su Lost dicono che la gente non è d' accordo con te.
    E io di sicuro no.
      Anche gli indici d'ascolto di beverly Hills o Amici contano in questo discorso? Perchè in quel caso associamo la qualità solo agli indici d'ascolto e smettiamo di commentare. ;P


    Lost ha avuto successo ben oltre i suoi meriti dal mio punto di vista.. bella la prima stagione, ma poi cade nel solito problema del voler stupire ad ogni costo diventando di puntata in puntata sempre più assurdo... piace? Ottimo. E' storia di qualità? Nope.

    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  8. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4952341
    Andhaka ha scritto:
    Anche gli indici d'ascolto di beverly Hills o Amici contano in questo discorso? Perchè in quel caso associamo la qualità solo agli indici d'ascolto e smettiamo di commentare. ;P


    Lost ha avuto successo ben oltre i suoi meriti dal mio punto di vista.. bella la prima stagione, ma poi cade nel solito problema del voler stupire ad ogni costo diventando di puntata in puntata sempre più assurdo... piace? Ottimo. E' storia di qualità? Nope.

    Cheers
     Ecco, in sintesi, tanti miei post nel 3d di Lost. La bramosia del colpo di scena ha portato alla "tartaruga gigante" (cit. il famoso video Writers of Lost (che consiglio di vedere perchè chiaramente la realizzazione di questa serie non si discosta molto dalla parodia).
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!
  9.     Mi trovi su: Homepage #4952356
    bonsetter ha scritto:
    Ecco, in sintesi, tanti miei post nel 3d di Lost. La bramosia del colpo di scena ha portato alla "tartaruga gigante" (cit. il famoso video Writers of Lost (che consiglio di vedere perchè chiaramente la realizzazione di questa serie non si discosta molto dalla parodia).
      Il problema è che Lost è assiso a quel tipo di fama/venerazione che non permette più critiche, per quanto serie o motivate, dato che si scatena la rabbia idrofobica dei fedelissimi. :DD


    Dal mio punto di vista non ha proprio nulla della buona narrazione... ma devo dire che sono motlo esigente da quel punto di vista... mollai anche gli Xfiles per lo stesso motivo...

    Cheers
    Purify the earth with fire, the planet will become my temple and we will rise. THIS WILL BE OUR PARADISE!!!!
  10. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4952407
    Io invece penso al contrario che i detrattori siano mossi più da un certo snobismo verso le cose di successo e dalle PROPRIE personali aspettative tradite, che da reali motivazioni.
    Tutto quello che è stato mosso a critica di Lost mi sembra debole e pretestuoso.

    Le puntate registicamente sono perfette. Si tratta di un puzzle dove ogni tessera che si scopre può cambiare il quadro generale della situazione, rendendolo comunque coerente. Sinceramente erano secoli che non vedevo una cura così certosina per un serial.
  11. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4952461
    Calvin_Cucca ha scritto:
    Hai scatenato la furia di bonsetter, sappilo :))
     Si, ma Bonsetter se la può tranquillamente mettere in saccoccia la sua furia, visto che le critiche di incoerenza le ho lette tutte negli ultimi anni, comprese le sue. Sono solo delusi dal fatto che le loro aspettative erano altre.
    Non c' è una contraddizione in Lost, ad oggi. Difficile dimostrare il contrario.
  12. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4952983
    Piccolo ha scritto:
    Io invece penso al contrario che i detrattori siano mossi più da un certo snobismo verso le cose di successo e dalle PROPRIE personali aspettative tradite, che da reali motivazioni.
    Tutto quello che è stato mosso a critica di Lost mi sembra debole e pretestuoso.

    Le puntate registicamente sono perfette. Si tratta di un puzzle dove ogni tessera che si scopre può cambiare il quadro generale della situazione, rendendolo comunque coerente. Sinceramente erano secoli che non vedevo una cura così certosina per un serial.
      No quale snobismo. Lost era nella top ten degli ascolti nelle prime due stagioni e i miei post di quei tempi sono lì.
    Heroes da quando è uscito si mangia Lost come audience e, discussioni sulla terza stagione a parte, è stato perlunghi tratti un gran bel prodotto, e può esserlo ancora.
    Seguo e apprezzo serie come Damages - ascolti relativamente bassi - e Dr House - attualmente la serie più seguita al mondo, entrambe serie che apprezzo tanto.

    La regia è , quasi sempre, ottima, la fotografia e il montaggio sono perfetti. In questi termini, è sicuramente un prodotto di qualità. I dialoghi lasciano un po' a desiderare, ma si potrebbe chiudere un occhio. La contraddizione se la sono fatta gli stessi autori che nella prima stagione avevano promesso che Lost non avrebbe oltrepassato certi limiti, che le risposte sarebbero state razionali e coerenti. L'essere arrivati a Dungeon & Dragons fa un po' a cazzotti con questa promessa. Si, le aspettative sono state deluse, ma non quelle che intendi tu, io non ho mai fatto una singola teoria su Lost, mi sono sempre semplicemente lasciato trasportare. Le mie aspettative erano semplicemente le promesse degli autori.
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!
  13. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4953279
    bonsetter ha scritto:
    La contraddizione se la sono fatta gli stessi autori che nella prima stagione avevano promesso che Lost non avrebbe oltrepassato certi limiti, che le risposte sarebbero state razionali e coerenti. L'essere arrivati a Dungeon & Dragons fa un po' a cazzotti con questa promessa. Si, le aspettative sono state deluse, ma non quelle che intendi tu, io non ho mai fatto una singola teoria su Lost, mi sono sempre semplicemente lasciato trasportare. Le mie aspettative erano semplicemente le promesse degli autori.
     Si, parere letto mille volte. Non per sminuirlo, sia chiaro.

    Tre cose:
    1) Le dichiarazioni "fuori campo" degli autori sono una cosa. Il prodotto è un' altra cosa. Ciò non dimostra che il telefilm è brutto. Al massimo che gli autori sono bugiardi. Ma non è un giudizio di merito sull' opera. Che è cosa a sè.

    2) Lost è diventato un fantasy? Questo dici. Se fosse vero *, ancora non sarebbe un giudizio di merito sull' opera. E ancora di aspettative si parla. Tu non volevi un fantasy. Loro ti fanno un fantasy. Ma finchè è coerente con ciò che viene raccontato nella storia, non vedo il problema, se non quello di aspettarsi altro, appunto.

    3) * Ma io dico: Lost non è diventato neppure un fantasy. Lost è ancora fantascienza, come lo era fin dalla prima puntata. Prima puntata. Non prime. Prima. Fin da subito le intenzioni degli autori sull' essere fantascienza e non realtà, sull' essere più simile ad "Ai confini della realtà" che non a "Robinson Crusoe", sono chiare. Finora l' impianto narrativo regge. La coerenza logica (e non necessariamente verosimile) pure. E le cose che devono ANCORA essere spiegate, nè tu nè io sappiamo se saranno spiegate. Se lo saranno, avrò ragione io. Se non lo saranno avrai ragione tu. Ma si saprà alla fine dei giochi. Finora non c' è argomento che possa far pensare che l' opera sia incoerente. Non c' è un solo elemento.

    Questa è l' opera di un nerd da forum, come possiamo esserlo io o te. L' opera di uno che se non stesse dietro la macchina da presa starebbe qui con noi a discutere del fatto che Kate ha cambiato trucco o pettinatura da un' inquadratura all' altra. Uno talmente tanto perfezionista da essere un maniaco. E finora... mi fa piacere dirlo, non ha commesso un errore. Anche grazie al fatto che da una puntata e l' altra si mette a depistare gli spettatori leggendo quello che scrivono in giro per la rete.
  14. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4953680
    Piccolo ha scritto:
    Si, parere letto mille volte. Non per sminuirlo, sia chiaro.

    Tre cose:
    1) Le dichiarazioni "fuori campo" degli autori sono una cosa. Il prodotto è un' altra cosa. Ciò non dimostra che il telefilm è brutto. Al massimo che gli autori sono bugiardi. Ma non è un giudizio di merito sull' opera. Che è cosa a sè.

    2) Lost è diventato un fantasy? Questo dici. Se fosse vero *, ancora non sarebbe un giudizio di merito sull' opera. E ancora di aspettative si parla. Tu non volevi un fantasy. Loro ti fanno un fantasy. Ma finchè è coerente con ciò che viene raccontato nella storia, non vedo il problema, se non quello di aspettarsi altro, appunto.

    3) * Ma io dico: Lost non è diventato neppure un fantasy. Lost è ancora fantascienza, come lo era fin dalla prima puntata. Prima puntata. Non prime. Prima. Fin da subito le intenzioni degli autori sull' essere fantascienza e non realtà, sull' essere più simile ad "Ai confini della realtà" che non a "Robinson Crusoe", sono chiare. Finora l' impianto narrativo regge. La coerenza logica (e non necessariamente verosimile) pure. E le cose che devono ANCORA essere spiegate, nè tu nè io sappiamo se saranno spiegate. Se lo saranno, avrò ragione io. Se non lo saranno avrai ragione tu. Ma si saprà alla fine dei giochi. Finora non c' è argomento che possa far pensare che l' opera sia incoerente. Non c' è un solo elemento.

    Questa è l' opera di un nerd da forum, come possiamo esserlo io o te. L' opera di uno che se non stesse dietro la macchina da presa starebbe qui con noi a discutere del fatto che Kate ha cambiato trucco o pettinatura da un' inquadratura all' altra. Uno talmente tanto perfezionista da essere un maniaco. E finora... mi fa piacere dirlo, non ha commesso un errore. Anche grazie al fatto che da una puntata e l' altra si mette a depistare gli spettatori leggendo quello che scrivono in giro per la rete.
     Guarda, sono sostanzialmente daccordo tranne che sul discorso di "aspettarsi altro": aldilà della line adi confine tra sci-fi e fantasy (la ruota ancestrale e l'isola che fa "pluff" sanno più di fantasy che di sci-fi comunque), il punto è proprio l'impostazione del telefilm. Perchè io non è che non ami lo sci-fi eh, se no dovrei disprezzare Heroes, dovrei disprezzare Sarah Connors Chronicles, e tanti altri telefilm che invece mi piacciono. Il nodo dell'impoverimento di Lost è proprio nella facilità di fondo intrapresa. La principale attrattiva di Lost è sempre stata nei misteri dell'isola e nella loro possibile razionalizzazione. Altrimenti ci voleva poco a fare anche la famosa tartaruga gigante o scenari ancor più spiazzanti di Lynchiana ispirazione. Invece l'intreccio ruota sempre su quest'isola come punto di riferimento per pratiche futuribili o forse passate (ma comunque artefatte). Il passo verso l'isola senziente/dio, verso l'immortalità-pro-tempore, verso il viaggio nel tempo (e tutti i paradossi che ne derivano, che sono ad esempio le contraddizioni che chiedevi) appare una scelta facile, banale se vogliamo. E non perchè io ne avessi una migliore (ma ne ho lette di migliori, anche da utenti di questo forum), io mi impongo di non formulare mai ipotesi proprio perchè adoro farmi cogliere di soppiatto dalla narrazione.
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!

  Fringe : tra scienza e parascienza

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina