1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4969944

    22.01.2009 10.58 di Milannews Redazione  articolo letto 7 volte
    Fonte: di Francesco Letizia per TMW
     "Il nostro colpo di mercato? E' stato confermare Kakà": una frase di completa invenzione di chi scrive, ma che non avremmo nessuna difficoltà, visto i precedenti, ad attribuirla alla dirigenza del Milan. Se per il mercato di gennaio può anche bastare, considerando l'arrivo del promettente Mattioni (basta che sull'ex Gremio si riponga ben altra considerazione di quella riservata al povero Cardacio), chiaramente i Rossoneri a giugno hanno bisogno impellente di un naturale riciclo delle forze, un termine elegante per non nominare l'urticante - per i vertici societari più che per i tifosi - rifondazione. Messo a segno un grande, grandissimo colpo con il brasiliano ex Fluminense Thiago Silva, forse il miglior difensore acquistabile nell'intero panorama mondiale e pagato quanto un mediocre centrale del campionato italiano, in via Turati 3 si prepara il piano rilancio di una squadra che ha rischiato seriamente, tra la mancata qualificazione in Champions dello scorso anno e la vicenda di pochi giorni fa, di perdere l'appeal che merita di avere il club più titolato al mondo. In porta sta acquistando sempre più considerazione Christian Abbiati, che sta confermando in questa stagione di essere un portiere affidabile e dal rendimento costante in qualsiasi partita: a Milanello resteranno con tutta probabilità anche Zelijko Kalac (richesto però in Spagna dal Getafe per il dopo Abbondanzieri) e persino Nelson Dida con il suo pesantissimo contratto da 8 milioni lordi, cifra che però la società potrebbe pensare di valutare diversamente a quanto fatto in questa sessione invernale con le richieste di Tottenham e Manchester City. La difesa è chiaramente il reparto dove la società programma maggiori investimenti: partiranno Maldini e Favalli (risparmio in termini di ingaggi lordi di quasi 10 milioni), entrambi in scadenza di contratto ed anche di carriera, mentre, per motivi diversi, saranno da verificare le garanzie di Nesta (fisiche) e Kaladze (meramente tecniche). Comunque vada, oltre al già citato Thiago, il Milan si appresta a reperire sul mercato un centrale ed un terzino sinistro: per il ruolo al fianco dell'ex Flu, i nomi sono quelli che tutti conoscono, ovvero Daniel Agger (8 milioni, Liverpool) e Philippe Mexes (16 milioni, Roma). Per un fatto d'età, di costo, ma anche di affiatamento della coppia difensiva, reputo il danese dei Reds nettamente superiore al francese giallorosso: occhio però alla grande sorpresa, che potrebbe essere il brasiliano Lucio dal Bayern Monaco, in odore d'addio in Baviera ed anche a prezzo di saldo (10 milioni circa, ma c'è l'ostacolo del passaporto extracomunitario). Per il ruolo di terzino, il Milan ha massima libertà di movimento: visto l'investimento su Mattioni, la logica porterebbe a pensare che ci sia un mancino in arrivo, ma mi risulta che Ariedo Braida voglia iscriversi al derby con l'Inter per Emmanuel Ebouè. L'ivoriano (di passaporto belga) dell'Arsenal va in scadenza di contratto ed ha rifiutato in questi giorni la corte dell'Atletico Madrid: Arsene Wenger si è già mosso per il rinnovo, ma il rischio di un nuovo ratto "alla Flamini" è concreto per i Gunners. Curioso come le vie del tecnico francese - che indiscrezioni dall'Inghilterra danno vicino al Real per la prossima stagione - e quella del Milan si incrocino ulteriormente sui nomi di Philippe Senderos, quasi certamente restituito al mittente, e Gael Clichy: il 24enne francese è un pallino di Galliani, non diciamo nulla di nuovo, ma costa tanto (almeno 15 milioni) e solo un addio del manager alsaziano, suo padre putativo, potrebbe sbloccare la situazione. Nell'ultimo tour milanese degli emissari del Tottenham si è parlato anche di Gareth Bale, gallese 20enne solo a luglio: un crack nel suo ruolo, già lodato da Mourinho... La risposta di Galliani e Braida all'offerta di uno scambio con Abbiati è stata negativa, ma l'interesse per l'ex Southampton non è da sottovalutare.
    Il centrocampo è il reparto dove i nuovi potrebbero più che mai avere volti... Vecchi. Con l'arrivo di un titolare in difesa e le conferme di Antonini (sempre più acclamato dai tifosi) e Zambrotta, Marek Jankulovski dovrebbe trovare in seconda linea la sua connotazione naturale: fuori discussione le presenze di Gattuso, Pirlo e Seedorf, non ci sorprenderemmo di non vedere più ben due tra Emerson, Ambrosini e Flamini. Il brasiliano, che va a scadenza di contratto, difficilmente troverà il rinnovo ed ugualmente il pesarese, legato però fino al 2010, potrebbe clamorosamente cambiare aria: discorso diverso per Mathieu da Marsiglia, a cui verrà evidentemente data un'altra stagione di fiducia come accaduto a Dhorasoo e Vogel, ma che con una proposta indecente dalla Premier League permetterebbe una plusvalenza non indifferente (il "problema" è l'ingaggio, molto alto). Per Mathias Cardacio, nazionale uruguayo per chi l'abbia dimenticato, ci sarà spazio in prestito, da definire dove. Capitolo arrivi: c'è chi giura, al di là della Pozza ed a qualche fuso orario da qui, che la famiglia Beckham possa prolungare la prenotazione della suite al The Chedi Hotel per i prossimi 48 mesi... Sicuramente tutt'altro che un male, visto le prime prestazioni in maglia rossonera dello Spice Boy. Meriterebbe un discorso a parte Yohann Gourcuff, il 10 più chiacchierato del Vecchio Continente: ai poveri giornalisti francesi sbarcati a Milanello apposta per strappare una promessa di impiego per il loro talento più florido, Carlo Ancelotti ha risposto picche, definendolo "lento per sostituire Kakà, più adatto ad un ruolo di centrocampo". Rancori e freccatine a parte (da segnalare quella di Gourcuff padre: "Ancelotti era troppo impegnato a gestire i vecchi"), se il numero 8 del Bordeaux continuerà così, il Milan non potrà fare a meno di riportarlo a casa: l'aver concesso il diritto di riscatto al Bordeaux potrebbe essere un autogol clamoroso, ma la stagione non esaltante dei Girondini, non potrà dare loro ad aprile, data fissata per il riscatto, la certezza di giocare ancora Champions League nella prossima stagione e dunque probabilmente neanche le adeguate garanzie economiche per procedere ad un'operazione onerosa (15 milioni). Se Gourcuff e Beckham saranno (ancora) rossoneri, porte chiuse ad altri arrivi: in caso contrario, il Milan dovrà iniziare a muoversi per altre strade, visto che per ora non si va oltre un pour parler per Lucas Pezzini (Liverpool, già ambito ai tempi del Gremio) e Kuzmanovic, che Corvino non svende ma non ritiene incedibile.
    L'attacco è l'esempio calzante del cambio di mentalità che il Milan è chiamato a mettere in pratica: se la politica dell'usato sicuro (ma neanche troppo) è finita, inutile anche chiedersi se Shevchenko verrà riscattato per i 12 milioni che prevede il contratto di prestito stipulato ad agosto scorso. In un momento storico in cui si ponderano offerte per il proprio miglior giocatore, sarebbe a dir poco contraddittorio investire a perdere qualcosa come 40 milioni di euro tra ingaggio triennale e cartellino su un giocatore che del celebre "Sunset Boulevard" ha già percorso più metri di quanti ne manchino. Intoccabili i gioielli del Ka-Pa-Ro ed anche Inzaghi, con tutta probabilità all'ultimo anno d'attività, verrà valorizzato l'investimento di Borriello, fino ad ora sfortunato ma che merita, specie secondo il metro di giudizio con cui è stato valutato Gilardino, una seconda ed anche una terza chanche. Servirebbe una punta a completamento: prima del pasticcio Shevchenko, ad agosto rappresentanti di Nicklas Bendtner avevano discusso con il Milan di un possibile arrivo in Italia dell'attaccante danese dell'Arsenal (e siamo a tre)... Una pista non più attuale forse, ma i ritorni di fiamma per un giocatore di soli 21 anni sono tutt'altro che da escludere: più fantasiosa l'ipotesi Fred, che in passato ha solleticato gli appetiti rossoneri, ma che quest'anno potrebbe presentarsi con un passaporto comunitario ed uno status da svincolato che potrebbe davvero far gola.
    Un'ultima riflessione non può non partire da una frase sentita di recente in sala stampa a Milanello: "La società decide in piena libertà, io sono solo l'allenatore" disse Carletto sull'affare Kakà. Quanto peserà la sua opinione sul mercato estivo? La scelta è doppia: poco, come negli ultimi anni, o addirittura nulla. Già, perchè le sirene del City, e non solo, non chiamano esclusivamente i giocatori: dai Citizen al Real passando per l'Arsenal ed il Chelsea, mai come quest'estate molti club ambiziosi cercheranno una nuova guida tecnica. Pur confermando che per Ancelotti l'ipotesi più probabile è quella di un ultimo anno a Milanello, la figura di Leonardo in seno alla squadra si fa sempre più forte e potente: scommettereste tutti i vostri beni che sia solo una coincidenza?
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4969953
    common ha scritto:
    senza legger il papiello posso solo dirti che ho visto il giovane terzinotto brasiliano all'opera ed è una vera scheggia
    ora si deve solo vedere se riesce a portarsi anche il pallone appresso, quando corre ..
     che sia molto veloce l'ho sentito anche io (ma non l'ho mai visto giocare).
    Probabilmente l'avranno preso perchè hanno capito che senza terzini che spingono con sto modulo non vai da nessuna parte.
    Credo sia un serginho cmq, con la differenza che è arrivato in italia giovane e quindi potrà essere plasmato a piacimento.
    Vedremo, a parer mio da qua a fine campionato ne giocherà poche.
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4970100
    Sprawl ha scritto:
    non ho letto nulla, ma se ci sarà ancora ancelotti sulla panchina del milan gourcuff non torna e quella di agger secondo me è tutta una bufala :|3
     Secondo me è un articolo interessante quindi invito a leggerlo.
    Su gourcuff credo anche io che non tornerà con ancelotti che lo odia.
    Agger boh, secondo me dipende da senderoftl
  4.     Mi trovi su: Homepage #4970113
    massituo ha scritto:
    se il numero 8 del Bordeaux continuerà così, il Milan non potrà fare a
    meno di riportarlo a casa: l'aver concesso il diritto di riscatto al
    Bordeaux potrebbe essere un autogol clamoroso, ma la stagione non
    esaltante dei Girondini, non potrà dare loro ad aprile, data fissata
    per il riscatto, la certezza di giocare ancora Champions League nella
    prossima stagione e dunque probabilmente neanche le adeguate garanzie
    economiche per procedere ad un'operazione onerosa (15 milioni).
     ci sono una serie di inesattezze nell'articolo, volevo solo commentare questa secondo cui il bordeaux sarebbe in crisi, esendo ancora in corsa in uefa e a solo un punto dal lione in campionato dopo 21 giornate, che é x dire il miglior risultato delgi ultimi 10 anni
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4970140
    digital_boy84 ♫ ha scritto:
    ci sono una serie di inesattezze nell'articolo, volevo solo commentare questa secondo cui il bordeaux sarebbe in crisi, esendo ancora in corsa in uefa e a solo un punto dal lione in campionato dopo 21 giornate, che é x dire il miglior risultato delgi ultimi 10 anni
     forse parlava di ristrettezze economiche boh...cmq l'avevo notata anche io :asd:
  6. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4970231
    tanti acquisti.....magari qualche cessione?:mmh:
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  7.     Mi trovi su: Homepage #4970452
    Sprawl ha scritto:
    maldini, emerson, favalli, kaladze, sheva, dida e kalac..
















    sto sognando? :zzz:
     
    sarebbe anche ora di cedere sti magnifici 7 :D

    cmq si parla tanto del milan da rifondare...ma anche l'inter dovrebbe farlo prima che sia troppo tardi (che ne so...via toldo burdisso materazzi vieira dacourt crespo cruz)....sto sognando?
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4970456
    digital_boy84 ♫ ha scritto:
    sarebbe anche ora di cedere sti magnifici 7 :D

    cmq si parla tanto del milan da rifondare...ma anche l'inter dovrebbe farlo prima che sia troppo tardi (che ne so...via toldo burdisso materazzi vieira dacourt crespo cruz)....sto sognando?
     l'inter ho sentito che se si toglie balotelli è la squadra più vecchia della A :asd: non so se sia una caxxata però non credo ci vada tanto lontano
  9.     Mi trovi su: Homepage #4970492
    Non mi sembra che ci sia tutto questo rilancio

    Oltre alla difesa che serve ancora 1 centrale (che se ne sono nominati anche troppi) un terzino sx (che invece non ne vedo nessuno)

    A centrocampo serve un interditore forte fisicamente e di testa (e non ne vedo nessuno)

    Un attaccante di peso che valga almeno un Borriello (e anche qui non vedo niente)

    Quindi rimarremmo sempre con gli stessi problemi!!!!!
    SUPERLEGA serie A1
    Albo d'oro
    1 SUPERLEGA (apertura 09/10) (finalista clausura 13/14)
    2 CHAMPIONS SUPERLEAGUE (apertura 09/10 - clausura 13/14)

  Da Agger a Gourcuff, il rilancio arriva con l'estate

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina