1. Videospiel macht frei  
        Mi trovi su: Homepage #4970578
    Si potrebbe fare un discorso generale senza tirara in ballo avvnimenti di cronaca attuali e molti discussi. Però di fronte quella che sembra diventare una sorta di emergenza non si può farsi influenzare...


    http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/cronaca/eluana-eutanasia-5/risposta-bresso/risposta-bresso.html

    Come si fa a confondere un disabile con una persona in stato vegetativo permanente da 17 anni?
    Tra Half-Life e Haunting Ground, mi tengo Haunting Ground senza pensarci un secondo / Chi pensa di sapere tutto, o anche solo qualcosa, su Silent Hill clicchi qui / Io li boicotto, voi fate un po' come volete / NEXT EVIL Guida per i nuovi utenti / Zeru dignità / Xbox Live: MyauTheReal Playstation Network: MyauTheReal
  2. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4970624
    Il problema in Italia è che nessuna forza politica supporta realmente questa causa che dovrebbe essere il primo punto di un programma democratico: la libertà di ogni individuo di scegliere di morire.
    Per questo c'è terreno fertile sulle prime pagine per interventi di esponenti della Chiesa, perchè chi davvero dovrebbe contare snobba la questione, probabilmente perchè è una questione dagli interessi relativamente ristretti nei riguardi dell'elettorato.

    A mio avviso il tutto è disumanamente tirannico: ritieni che morire per tua scelta sia un peccato, sia immorale? Ok, non farlo. Ma non proibirlo a chi decide di farlo, perchè non lede a nessun altro se non a se stesso.
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!
  3.     Mi trovi su: Homepage #4970731
    Myau ha scritto:
    Si potrebbe fare un discorso generale senza tirara in ballo avvnimenti di cronaca attuali e molti discussi. Però di fronte quella che sembra diventare una sorta di emergenza non si può farsi influenzare...


    http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/cronaca/eluana-eutanasia-5/risposta-bresso/risposta-bresso.html

    Come si fa a confondere un disabile con una persona in stato vegetativo permanente da 17 anni?
    Non me la sento di esprimere un'opinone netta su questa vicenda, capisco ogni punto di vista. Ma una volta che -legalmente- si stabilisce che è del tutto lecito che venga lasciata morire, non sono d'accordo sulle pesanti ingerenze della chiesa e del ministero per bloccare tutto a tutti i costi.
  4. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4970988
    arcturus85 ha scritto:

    La mia vita è mia. La tua vita è tua. La sua vita è sua.

    Limitatamente a questa visione faccio notare che se la vita fosse meramente una "proprietà" individuale non avrebbe senso abolire la pena di morte. Così come lo Stato ti può privare delle tue libertà personali e proprietà private, potrebbe fare lo stesso con l'altra proprietà che sarebbe la vita, togliendola a sua discrezione nel caso fosse necessario.
  5. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4971005
    Atlas ha scritto:
    Limitatamente a questa visione faccio notare che se la vita fosse meramente una "proprietà" individuale non avrebbe senso abolire la pena di morte. Così come lo Stato ti può privare delle tue libertà personali e proprietà private, potrebbe fare lo stesso con l'altra proprietà che sarebbe la vita, togliendola a sua discrezione nel caso fosse necessario.
      Mmm... discorso confuso. Se la vita è tua, lo stato può privartene. Se è sua, è suo diritto farlo. No, Atlas, anche la logica non sostiene questo discorso.

    Detto questo. Questo caso di cronaca è pressochè "ideale" per la giurisprudenza.
    1) Non si tratta di eutanasia, bensì di interrompere il sostentamento vitale artificiale. La differenza è lapalissiana. Da una parte si interrompe la vita di una persona il cui corpo vivrebbe senza un intervento esterno. Dall' altra semplicemente si interrompe la cura di un corpo che senza di essa è destinato a cessare di funzionare.
    2) Eluana ha rilasciato la volontà di non essere alimentata artificialmente in una situazione analoga. Quindi c' è anche il consenso dell' interessato.
    3) La legge non ha una normativa adeguata al trattamento di questa situazione. Quindi la decisione spetta legittimamente al tribunale, se chiamato in causa dai diretti interessati. Il tribunale si è pronunciato con una sentenza definita.

    L' unico impedimento legale potrebbe esserlo l' obiezione di coscienza del medico che deve eseguire la sentenza. In quel caso, non si ferma certo la sentenza, bensì si trova un medico che sia in grado di eseguirla. Punto. Non c' è molto da discutere.
  6. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4971014
    Piccolo ha scritto:
    Mmm... discorso confuso. Se la vita è tua, lo stato può privartene. Se è sua, è suo diritto farlo. No, Atlas, anche la logica non sostiene questo discorso.
     
    A me sembra logica lineare.

    Auto tua->auto sequestrata. Diritto di voto->diritto ritirato. Vita tua->vita "espropriata". Tutto può essere tolto dallo Stato, ogni genere di proprietà. A questo punto anche la vita rientra fra quelle.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4971019
    Atlas ha scritto:
    A me sembra logica lineare.

    Auto tua->auto sequestrata. Diritto di voto->diritto ritirato. Vita tua->vita "espropriata". Tutto può essere tolto dallo Stato, ogni genere di proprietà. A questo punto anche la vita rientra fra quelle.
    Compiti per domani: ripetere Ugo Grozio e il Giusnaturalismo.
  8. I love Chiara  
        Mi trovi su: Homepage #4971023
    Atlas ha scritto:
    A me sembra logica lineare.

    Auto tua->auto sequestrata. Diritto di voto->diritto ritirato. Vita tua->vita "espropriata". Tutto può essere tolto dallo Stato, ogni genere di proprietà. A questo punto anche la vita rientra fra quelle.
     Lo Stato è soggetto alle medesime leggi a cui è soggetto il cittadino. Non può espropriare nulla se legalmente il cittadino ha la ragione dalla sua.

    Conosco alcuni casi emblematici in merito, dove lo stato se l' è presa... in saccoccia.
  9.     Mi trovi su: Homepage #4971103
    bonsetter ha scritto:
    probabilmente perchè è una questione dagli interessi relativamente ristretti nei riguardi dell'elettorato.

    mmm....no, in realtà credo che il problema fondamentale sia la forza che la Chiesa ha in Italia. Mettersi contro di essa, schierarsi esplicitamente contro porta più danni che benefici. Ci ricordiamo vero che la campagna elettorale della DC era "Dio ti vede, Stalin no" quando c'erano le elezioni....una DC che ha comandato per 50 anni e che ha avuto un intreccio a doppia mandata con la Chiesa. Lo Stato nella figura di sue troppe rappresentazioni politiche ha interesse a non fare crociate contro la Chiesa. Per fortuna c'è ancora chi salva l'essenza laica dello Stato stesso e in questo punto ha ragione la grande Mercedes Bresso: "non siamo una Repubblica di Ayatollah", le leggi dello Stato vengono assolutamente, rigorosamente e doverosamente prima di qualunque altra legge religiosa
  10.     Mi trovi su: Homepage #4971115
    Atlas ha scritto:
    Limitatamente a questa visione faccio notare che se la vita fosse meramente una "proprietà" individuale non avrebbe senso abolire la pena di morte. Così come lo Stato ti può privare delle tue libertà personali e proprietà private, potrebbe fare lo stesso con l'altra proprietà che sarebbe la vita, togliendola a sua discrezione nel caso fosse necessario.
    E che cavolo, ora devo scoprire che la mia vita non è una proprietà totalmente mia? Aspetta che sono le 9.50 di venerdì mattina, potrei rimanere scioccato per tutto il week end. E' assurdo che sia qualcun altro decidere di essa, IO sono l'unica persona in grado di decidere su di me, perchè IO ho la possibilità di andarmene QUANDO voglio.
  11. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4971209
    Zanetti Capitano ha scritto:
    E che cavolo, ora devo scoprire che la mia vita non è una proprietà totalmente mia? Aspetta che sono le 9.50 di venerdì mattina, potrei rimanere scioccato per tutto il week end. E' assurdo che sia qualcun altro decidere di essa, IO sono l'unica persona in grado di decidere su di me, perchè IO ho la possibilità di andarmene QUANDO voglio.
     
    E' evidente che non hai capito il discorso. La vita è tua, come è tua una casa, un'automobile e perfino i figli. Eppure nei casi previsti dalla legge tutto può esserti tolto, perfino diritto di voto e i figli. Quindi, quel che dico, per coerenza così come ogni genere di proprietà viene tolta a norma di legge, così anche in presenza di gravissimi crimini (penso a pluriomicidi stupratori ad esempio) ci sarebbe a mio avviso la completa coerenza legislativa per poter togliere la vita in casi del genere.

    E guarda che non sono contrario a questa sottospecie di eutanasia.
  12. boh  
        Mi trovi su: Homepage #4971316
    Zanetti Capitano ha scritto:
    mmm....no, in realtà credo che il problema fondamentale sia la forza che la Chiesa ha in Italia.


    Quoto, mi sento in linea con Zanetti l'amico di Uolter.

    Non sono un esperto in materia e potrei sparare qualche stupidaggine; sono totalmente d'accordo all'eutanasia. Ci vorrebbe un testamento biologico perché ognuno di noi possa decidere sulla propria vita una volta che si trovi nella triste situazione di persone come Eluana. Non dico di staccare la spina subito, ma di attendere xxx mesi o anni prima di farlo.

    Al diavolo la Chiesa, sono per il pensiero di Cavour: libera chiesa in libero stato.
  13. primi sempre. per dna.  
        Mi trovi su: Homepage #4971364
    Ma il punto è sempre l'imposizione di obblighi legati a credenze religiose anche su persone che quelle credenze non le hanno.
    Tizio è cristiano, non vuole che su se stesso si compia eutanasia o si stacchi la spina perchè il suo credo lo interpreta un peccato mortale, o per qualsiasi altro motivo lui abbia: nessuno lo tocca.
    Caio non è cristiano, o è un cristiano 2.0, quel che sia, preferisce non rimanere attaccato a un tubo a vegetare: non lede ad alcuno se non a se stesso (diam per accettabile il verbo "ledere"). Sua vita, sua scelta.
    I videogiochi sono come le gnocche: una bella grafica te la porti a letto, ma è di un gran gameplay che ti innamori!

  Eutanasia... o come vogliamo chiamarla

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina