1.     Mi trovi su: Homepage #4971202
    Nel giro di 24 ore due violenze sessuali a Roma : la prima certamente ad opera di rumeni, la seconda sembrerebbe anch'essa opera di cittadini dell'est europa.

    Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un escalation di violenze a sfondo sessuale , quasi sempre ad opera di stranieri.

    I cittadini italiani del quartiere romano dove abitano le minoranze rumene e slave si dicono esasperati e pronti a farsi giustizia da soli: razzisti loro oppure c'è davvero un rischio concreto che siano questi signori dell'est a commettere determinati reati?
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  2.     Mi trovi su: Homepage #4971229
    draco ha scritto:
    Nel giro di 24 ore due violenze sessuali a Roma : la prima certamente ad opera di rumeni, la seconda sembrerebbe anch'essa opera di cittadini dell'est europa.

    Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un escalation di violenze a sfondo sessuale , quasi sempre ad opera di stranieri.

    I cittadini italiani del quartiere romano dove abitano le minoranze rumene e slave si dicono esasperati e pronti a farsi giustizia da soli: razzisti loro oppure c'è davvero un rischio concreto che siano questi signori dell'est a commettere determinati reati?
     la situazione è un pò complicata. Non ci sono solo i cittadini dell'est che stuprano, rubano etc...ci sono anche molti italiani, per dire anche in mezzo al primo caso ce ne sono. Però fa più "notizia" il fatto che ci siano stranieri, perchè con la paura si comanda tutto e tutti.
    Con questo non si vuole assolutamente negare che ci sia un problema legato alla malavita e ai reati commessi soprattutto in quei quartieri, ma non è "in quanto rumeni" che compiono questi atti, ma "in quanto emarginati" che poi sfogano rabbie e repressioni in modo alquanto barbari.
    Io sono di questa opinione. Tenere lo straniero come "nemico" è sempre conveniente. Primo perchè così puoi tenere "in pugno" la tua gente. Secondo perchè non otterrai collaborazione da parte sua e il primo punto si rivela ancora più facile.

    Cmq questa è solo un'analisi superficiale della questione, non sono andato a fondo del singolo episodio. Resta il fatto che per me bisognerebbe TUTTI abbassare i toni e tornare alla civiltà. Soprattutto quei politici che aizzano l'odio e l'intolleranza ;)
  3.     Mi trovi su: Homepage #4971248
    Zanetti Capitano ha scritto:
    la situazione è un pò complicata. Non ci sono solo i cittadini dell'est che stuprano, rubano etc...ci sono anche molti italiani,
    è verissimo.
    Ma i dati parlano di una delinquenza, in proporzione, molto piu' elevata da parte degli stranieri.(soprattutto per i reati a sfondo sessuale).
    Questo è innegabile


    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  4.     Mi trovi su: Homepage #4971266
    draco ha scritto:
    è verissimo.
    Ma i dati parlano di una delinquenza, in proporzione, molto piu' elevata da parte degli stranieri.(soprattutto per i reati a sfondo sessuale).
    Questo è innegabile
    può essere, e dico così semplicemente perchè non ho letto i dati quindi non saprei con esattezza. Cmq mi fido di quello che dici.
    Il problema sta nel fatto che l'emergenza c'è, ma non è con gli sbraiti che la risolvi. Andare un pò più a fondo nella situazione potrebbe fare capire dove intervenire, senza finire dalla parte degli incivili (abbassarsi al livello di chi compie queste barbarie non può essere il modo di risolvere la faccenda)
  5. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #4971269
    Zanetti Capitano ha scritto:
    la situazione è un pò complicata. Non ci sono solo i cittadini dell'est che stuprano, rubano etc...ci sono anche molti italiani, per dire anche in mezzo al primo caso ce ne sono. Però fa più "notizia" il fatto che ci siano stranieri, perchè con la paura si comanda tutto e tutti.  

    Zanetti è il solito discorso: nessuno nega i criminali italiani (impresa impossibile) la semplice logica è "appunto ne abbiamo già tanti di nostri e tocca pure tenersi/importare quelli da altri paesi?".

    Insomma un conto è che tu, per conto tuo, sciando cadi e ti rompi una gamba. Un altro è che arrivo io e te la spezzo di proposito. Il risultato è lo stesso ma credo la tua reazione sarebbe un filino diversa.
  6.     Mi trovi su: Homepage #4971276
    http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/cronaca/violenza-roma/bruciamo-tutti/bruciamo-tutti.html

    la gente comunque è esasperata
    Io non oso immaginare come si possa vivere in un quartiere simile :-|
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  7.     Mi trovi su: Homepage #4971288
    Atlas ha scritto:
    Zanetti è il solito discorso: nessuno nega i criminali italiani (impresa impossibile) la semplice logica è "appunto ne abbiamo già tanti di nostri e tocca pure tenersi/importare quelli da altri paesi?".

    Insomma un conto è che tu, per conto tuo, sciando cadi e ti rompi una gamba. Un altro è che arrivo io e te la spezzo di proposito. Il risultato è lo stesso ma credo la tua reazione sarebbe un filino diversa.
    mettiamola così, atlas, la situazione è questa: giochiamo in 3 a calcio, tu non vinci mai, io arrivo sempre ultimo e primo c'arriva sempre guarda caso il romeno, ma siccome ho portato io il pallone me lo prendo sottobraccio e dico "il pallone è mio non si gioca più". Insomma, un modo come un altro per dire "non son capace di risolvere la situazione giocando meglio di lui, tolgo le possibilità a lui di vincere"
    Ovviamente è un discorso lungo e complesso, ma va a toccare corde sulle quali ci si può trovare in totale disaccordo. Mai come in questo momento un verso di una canzone rappresenta degnamente i miei pensieri "tu sei nato qui perchè qui ti ha partorito una fixa"
    Non c'entra l'essere straniero, italiano o quant'altro, quando sei in un luogo siamo tutti uguali, tutti sullo stesso piano. Quindi non mi importa che in un posto ci siano più o meno immigrati, quello che importa è che in quel posto si rispettino le regole. E se non vengono rispettate, ledendo perlopiù alla libertà altrui, cerco di capire il motivo, non cerco solamente di dire "tu brutto cattivone, c'ero prima io qua"
  8.     Mi trovi su: Homepage #4971295
    Zanetti Capitano ha scritto:

    Non c'entra l'essere straniero, italiano o quant'altro, quando sei in un luogo siamo tutti uguali, tutti sullo stesso piano. Quindi non mi importa che in un posto ci siano più o meno immigrati, quello che importa è che in quel posto si rispettino le regole. E se non vengono rispettate, ledendo perlopiù alla libertà altrui, cerco di capire il motivo, non cerco solamente di dire "tu brutto cattivone, c'ero prima io qua"
     Secondo me dovresti provare a vivere un po' in quel quartiere dell'articolo....
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  9. boh  
        Mi trovi su: Homepage #4971305
    Zanetti Capitano ha scritto:
    mettiamola così...


    Mi piace il tuo discorso, quoto ;)

    Secondo me bisogna ricordare prima di tutto che la maggior parte delle violenze avvengono in casa per mano di italiani. Questo per dovere di cronaca.

    Per quanto riguarda la questione violenze di stranieri dovremmo cercare di distinguere quelli in regola da quelli non in regola; a mio avviso chi non è in regola e delinque deve essere rispedito a casa sua. Chi invece delinque ma è in regola deve sottostare alle nostre leggi.

    Sarebbe tutto più facile se ci fossero strutture adeguate per accogliere gli extracomunitari, per consentirgli almeno un'istruzione adeguata.
  10.     Mi trovi su: Homepage #4971313
    draco ha scritto:
    Secondo me dovresti provare a vivere un po' in quel quartiere dell'articolo....
    quello è l'aspetto "popolare" diciamo. Io guardavo più a come cercare di risolvere la situazione. Una soluzione potrebbe essere cacciare via tutti i rumeni. Poi il giorno in cui saranno solo italiani perchè avranno cacciato via tutti cominceremo a cacciarci via tra di noi? E' una prospettiva comica, se permetti
    Il problema c'è, ed è innegabile, ma dovremo cominciare a non fare distinzioni tra "italiano e straniero", evitare di ghettizzarli (anche imponendolo), distribuirli per la città, renderli parte integrante della società, non semplici "lavoratori che vanno bene perchè portano un profitto"
    Allora, ripeto, potrebbe essere che vivendo in quel quartiere diventi amico di tutte quelle persone, questo non cambia niente perchè il problema c'è e deve essere risolto. Ma non si risolve sbraitando 4 slogan. Si deve cercare di capire dove si sbaglia. E per me il primo passo in cui si sbaglia è l'errata integrazione nella società.
    Viviamo quel senso di superiorità dettato dal territorio, diciamo che gli altri "vengono a casa nostra", ma in realtà stanno solo passando sopra un terreno universale che abbiamo preso in prestito. C'era prima di noi, ci sarà dopo. Loro sono come noi e DEVONO rispettare tutte le regole, chi sbaglia paga, senza indulgenza; criminalizzare lo straniero fa prendere voti, ma non risolve la situazione
  11.     Mi trovi su: Homepage #4971323
    Zanetti Capitano ha scritto:
    Poi il giorno in cui saranno solo italiani perchè avranno cacciato via tutti cominceremo a cacciarci via tra di noi
    fino a 20 anni fa eravamo tutti italiani e non ci siamo mai cacciati via
    o no?
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  12.     Mi trovi su: Homepage #4971338
    Da Hammer ha scritto:
    Ce la si prendeva coi terroni, i gabibbi o coi veneti "terroni del nord", o via discorrendo.
     ancora adesso succede, ma non mi sembra che ci siano mai state "guerre" per questo
    "Sappiamo gioire, sappiamo soffrire, sappiamo stringere i denti.
    Siamo la gente della Juve.
    Gente che si riconosce quando si guarda negli occhi.
    Gente che sa accettare i risultati conseguiti SUL CAMPO"
  13.     Mi trovi su: Homepage #4971339
    Menny ha scritto:
    Permetti però che avanzi un'ulteriore distinzione tra straniero "in regola" e "non in regola". A meno che facendo la distinzione tu non abbia già inserito quelli in regola negli italiani.
    mmm...diciamo che a livello personale non riesco a considerare nessuno uno "straniero", ma proprio nessuno, che sia in regola o meno. Considero più stranieri i fascisti che non quelli che vengono da qualche altro stato, per intenderci.
    Ma questa è solo una opinione personale.
    La realtà dice che purtroppo oramai quando senti parlare di straniero non si fa più distinzione, invece in una situazione come quella attuale si dovrebbero come dice giustamente menny fare delle distinzioni.
    Allora ti dico ok, distinguiamo, ma sempre con l'ottica che i non in regola si deve lavorare per metterli. Consideriamo sempre, per favore, che un clandestino non è uno che si diverte ad essere tale, è una persona senza identità, senza diritti, è come se non esistesse. La reazione umana a certe situazioni di disagio è imprevedibile e alle volte anche in una famigliola che sta bene bene si può scoprire un omicida senza precedenti....

  Violenze sessuali. Ancora cittadini dell'est responsabili.

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina