1.     Mi trovi su: Homepage #4976687
    Mondiale al via il 29 marzo in Australia. Ultima gara ad Abu Dhabi l’1 novembre. A Monza si corre il 13 settembre

    ROMA, 27 gennaio - Si parte il 29 marzo a Melborune, si finisce l’1 novembre ad Abu Dhabi. In mezzo, altri quindici gran premi in giro per il mondo. La Fia ha diramato oggi il calendario provvisorio per la stagione 2009. Per l’Italia c’è solo la tappa di Monza, che si corre il 13 settembre. In pista a Montecarlo il 24 maggio. A Singapore (27 Settembre) si correrà in notturna, ripetendo l’esperimento dello scorso anno, che tanti problemi ha dato alla Ferrari. Ma ecco il calendario provvisorio del Mondiale 2009 (l’orario è quello del paese dove si corre):


    29 marzo: Australia, Melbourne (ore 17)
    5 aprile: Malesia, Sepang (ore 17)
    19 aprile: Cina, Shanghai (ore 15)
    26 aprile: Bahrein, Sakhir (ore 15)
    10 maggio: Spagna, Barcellona (ore 14)
    24 maggio: Monaco, Montecarlo (ore 14)
    7 giugno: Turchia, Istanbul (ore 15)
    21 giugno: Gran Bretagna, Silverstone (ore 13)
    12 luglio: Germania, Nuerburgring (ore 14)
    26 luglio: Ungheria, Budapest (ore 14)
    23 agosto: Europa, Valencia (ore 14)
    30 agosto: Belgio, Spa (ore 14)
    13 settembre: Italia, Monza (ore 14)
    27 settembre: Singapore, Singapore (ore 20)
    4 ottobre: Giappone, Suzuka (ore 14)
    18 ottobre: Brasile, Interlagos (ore 14)
    1 novembre: Abu Dhabi, Abu Dhabi (ore 15)
  2.     Mi trovi su: Homepage #4976707
    Fia modifica regole safety car

    Torna ad essere ammesso il rifornimento

    ROMA, 27 GEN - Tornera' ad essere ammesso il rifornimento
    quando, durante una corsa di formula 1, la gara e' rallentata da una
    'safety car'. Dal 2007 era stato vietato per ragioni di sicurezza, ma
    e' successo che molti piloti, per non restare senza benzina, hanno
    rifornito comunque e sono stati penalizzati. 'Era una cattiva regola'
    ha spiegato il direttore di corsa della Fia, Charlie Whiting sul sito
    della federazione. La velocita' di chi vorra' rientrare sara' regolata
    con un software
  3.     Mi trovi su: Homepage #4987689
    Un team americano in F1 dal 2010

    I costi ridotti attirano nuove squadre

    Un team a stelle e strisce nel Mondiale 2010 di Formula 1, è l'ipotesi avanzazta da 'Autosport". Un gruppo statunitense sta lavorando per allestire una scuderia, che dovrebbe chiamarsi USF1. Il team potrà contare sul progettista Ken Anderson e su Peter Windsor, ex team manager della Williams.
    L'iniziativa ha già ottenuto l'approvazione dei boss delle altre scuderie e i promotori sono alla ricerca di sponsor e finanziamenti in America.

    On line è già presente il sito www.USF1.com: si tratta di una sola pagina, sulla quale compare un logo. L'indirizzo
    web, a quanto pare, è riconducibile a Anderson, ingegnere motorista statunitense ed ex direttore tecnico della Ligier alla fine degli anni '80, poi tornato a lavorare nelle serie Usa. La scuderia, secondo quanto riferiscono alcune fonti, punta a realizzare il proprio telaio negli stabilimenti in South Carolina.
    La squadra dovrebbe avere il suo quartier generale a Charlotte e una 'filiale' a Bilbao, in Spagna. Sarebbe anche pronta la galleria del vento, quella della Windshear.

    Le nuove regole definite dalla Federazione internazionale (FIA) d'intesa con l'associazione dei team (FOTA) consentiranno alle squadre indipendenti di acquistare motori e trasmissione a prezzi inferiori rispetto al passato.
    E proprio in questi giorni la FIA si prepara ad approvare un pacchetto di riduzione dei costi piuttosto drastico. Si parla infatti di tagliare i costi della F1 fino a 50 milioni di euro. Dal 2010 il budget a disposizione delle scuderie potrebbe quindi essere ridotto a 1/4 di quello attuale.
    La FIA punta a definire una linea di controllo sullo sviluppo tecnico e sui sistemi di recupero energia, nonché sugli standard delle parti come cerchi, freni e sospensioni. Una serie di iniziative che la Federazione sta studiando per reagire alla crisi che ha investito il circus, a partire dal ritiro della Honda dalla F1. Un piano piuttosto ambizioso e dattagliato, da concordare con la FOTA, che dovrebbe garantire solidità al mondiale per i prossimi.

    Intanto prosegue il tentativo di portare un GP nella capitale, altro argomento molto discusso dopo la storia delle medaglie: "Mercoledì mattina l'architetto tedesco Hermann Tilke, massima autorità nella progettazione di circuiti per la Formula 1, ha compiuto un sopralluogo al quartiere romano dell'Eur". Lo fa sapere il senatore del Pdl, Andrea Augello, incaricato dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, di realizzare uno studio di pre-fattibilità per un'eventuale
    candidatura della Capitale a sede di un Gp della massima serie automobilistica.
    "A Tilke ieri sera sono state fornite anche tutte le carte da parte del gruppo Flammini- prosegue Augello- per
    una valutazione delle diverse opzioni di tracciato ipotizzate, che sono tre o quattro. Nel frattempo proseguiremo la valutazione anche sul piano finanziario e dell'investimento pubblico necessario
    ". Il primo parere espresso dal celebre architetto sarebbe piuttosto positivo, ed avrebbe aperto la porta a un approfondimento tecnico e di confronto con le autorità.
  4. aaa  
        Mi trovi su: Homepage #4988092
    Se dovessero togliere dal calendario un gran premio istituzione come Monza per un circuito stradale romano si dimostrerebbero ancora una volta senza vergogna. Vogliono dare spettacolo ma fanno i circuiti stradali, vogliono tagliare i costi delle monoposto e introducono il KERS:rolleyes::rolleyes::rolleyes::rolleyes:
    IO il 25 Agosto 1970 C'ERO :cool:
  5.     Mi trovi su: Homepage #5028343
    Ecco la rivoluzione targata Fota

    Nuove regole nei punteggi, nei pit stop e nei tempi dei Gran Premi

    GINEVRA, 5 marzo - Rivoluzione nell'assegnazione dei punti, riduzione del 50% dei test, pit stop solo per il cambio gomme e non per il rifornimento. Sono queste alcune delle proposte che i team aderenti alla Fota hanno deciso oggi, in una riunione a Ginevra, di presentare alla Federazione Internazionale dell'Automobile (Fia). Ovviamente, tutte queste modifiche regolamentari dovrebbero entrare in vigore a partire dalla stagione 2010. Sempre che si riesca a trovare un accordo.

    Ma andiamo a vedere nel dettaglio che cosa ha deciso la Fota. Innanzitutto i punteggi: al vincitore andrebbero 12 punti invece dei 10 attuali, mentre il secondo classificato ne otterrebbe 9 (invece di 8). Al terzo andrebbero sette punti, mentre dalla quarta alla ottava posizione i piloti avrebbero diritto in sequenza a 5-4-3-2-1 punti. Tra le altre proposte della Fota, una riduzione del 50% dei test, la partenza in gara delle monoposto con serbatoi pieni e l'accessibilità dei dati relativi alle gomme e alla quantità di benzina a bordo delle vetture. Per quanto riguarda invece il taglio dei costi, la Fota propone già nel 2009 una riduzione dell'utilizzo della galleria del vento, l'aumento di oltre il 100% del chilometraggio per ogni motore (otto motori per ogni pilota a stagione), oltre alla possibilità di fissare a otto milioni di euro il tetto per la vendita dei motori ai team per stagione. Per il 2010 i team propongono inoltre di modificare il formato delle qualifiche, di dare nuove e radicali opportunità nell'assegnazione dei punti nel Mondiale (c'è anche l'ipotesi di assegnare punti validi per il titolo costruttori ai team più veloci nei pit stop), una ulteriore riduzione dei test e della durata dei Gran Premi (al massimo di 250 km o di un'ora e 40 minuti).

  Formula1: la Fia dirama il calendario 2009

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina