1.     Mi trovi su: Homepage #4987233
    Si rifiuta di pagare il conto da Cracco

    Di sicuro è capitato a tutti almeno una volta di sobbalzare sulla sedia al momento di pagare il conto dopo una cena prelibata, magari nel ristorante più chic della città o in un localino romantico sul lungomare. Salato o no, il conto lo si paga comunque e l'unica cosa che rimane da fare è uscire un po' sconsolati pensando: "Qui non ci tornerò mai più". La stessa cosa avrà pensato un amministratore delegato di una grande società che dopo una gustosa cena al ristorante Cracco di Milano non solo si è rifiutato di pagare il conto di oltre 4mila euro per una cena di 6 persone ma ha perfino dato in escandescenza sfiorando la rissa con i ristoratori. Il risultato? La cena è finita in tribunale e ora ai giudici il compito di stabilire chi dovrà pagare il conto di quella che si può definire la "cena della discordia". Data la curiosità
    della notizia, riportiamo da Lastampa.it

    Tagliolini, uova al tegamino e una bella grattata di tartufo d’Alba. Il tutto innaffiato da ottimo vino. Cena da intenditori. Da Cracco, uno dei ristoranti migliori d’Italia. Solo che quando è arrivato il conto, presentato dal cameriere all’amministratore delegato di una grande società, la cena è diventata al veleno. Il conto: 4.140 euro, e sono dovuti intervenire i carabinieri prima che clienti e ristoratori venissero alle mani. Poi è toccato agli avvocati. E adesso spetterà a un giudice civile stabilire chi dovrà bere l’amaro calice del risarcimento. Perché il manager è uscito senza pagare.

    È successo il 13 dicembre scorso. Nel ristorante di via Victor Hugo, 100 metri dalla Madonnina, si siedono in sei: il manager e cinque suoi ospiti. Il clima è prenatalizio, l’ambiente discreto e la cena prevede tartufo bianco grattugiato su tagliolini e uova al tegamino. Il tutto accompagnato da un menu classico di Cracco (150 euro a persona), con un
    aperitivo a 20 euro e due bottiglie di vino pregiato da 180 e da 150 euro ciascuna. S’alzano i calici, si loda il tartufo ma quando il cameriere porta il conto, iniziano le convulsioni. «Scusi, forse c’è un errore».
    Macchè. Anzi, se un errore c’è, fanno notare al ristorante, è a favore dei clienti visto che a fronte di 6 coperti calcolati, sulla ricevuta si parla di 4 portate. Le sole grattugiate di tartufo vengono calcolate in 300 grammi a 10,9 euro il grammo, per un totale (cucina compresa) di 3.730 euro. Il manager pretende un forte sconto, sostiene
    che il tartufo, grattugiato con generosità, non è stato pesato né prima e né dopo. E che comunque, per una cena identica l’anno passato, aveva speso per due persone 630 euro. Ora, risultano 690 euro a persona. Cracco propone 700 euro di sconto ma l’offerta viene sdegnosamente rifiutata.

    Due giorni dopo il manager scrive a Cracco allegando un assegno da 2.000 euro che ritiene essere il giusto prezzo, calcolato «sulla base di precedenti vostri scontrini per cene sostanzialmente equivalenti». L’amministratore spiega inoltre di non aver pagato quanto richiesto «ovviamente stante non solo la smodata eccessività del prezzo ma soprattutto la totale imperscrutabilità del consumo esposto (nessun peso è stato fatto constatare e sul menu non compariva il prezzo al grammo)». Questa volta è Cracco che respinge al mittente l’offerta, parla di «arbitraria e incongrua autoriduzione» e anzi lo informa di aver presentato una denuncia ai carabinieri: «La pesatura, contrariamente a quanto esposto è stata effettuata direttamente al tavolo».

    Il reato ipotizzato è di insolvenza fraudolenta, due anni di reclusione. A questo punto l’amministratore delegato si è rivolto al giudice civile. Risentito, lo chef Carlo Cracco parla di «inciviltà». «Le persone civili pagano ciò che comprano - commenta. Invece questo signore non ha pagato ed è stato denunciato».
    Cracco non vuole aggiungere molto, tanto meno come si giustifica un prezzo del genere per il pur pregiato fungo: «Farmi una domanda sul prezzo non ha senso, non è un problema che mi riguarda. C’è chi è capace di spendere 7.000 euro per una bottiglia di buon vino o chi spende 1.000 euro per un telefonino. Il mio è uno dei migliori
    ristoranti d’Italia...».

    Da notare che il tartufo quest’anno ha subito una certa svalutazione: se un etto lo scorso ottobre poteva costare tra i 200 e i 300 euro, a novembre era attestato sui 200 (2 euro circa al grammo). Anche se è vero che i costi del fungo
    raddoppiano nel solo passaggio da Alba a Milano e che aumentano esponenzialmente con l’aumentare di peso del tartufo.


    Incredibile! :-O ....però cavolo, dubito che il tizio non fosse a conoscenza che il ristorante fosse ultra caro
  2. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4987540
    Conosco Cracco, conosco personalmente lo staff e posso dire che di gente che fa queste cose ce n'è parecchia. Una cosa è certa: se mangi da Cracco o Aimo e Nadia, per capirsi, o sai quello che stai facendo o non mangiare, è inutile che fai le pulci al conto dopo...
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4987543
    scudettoweb ha scritto:
    Conosco Cracco, conosco personalmente lo staff e posso dire che di gente che fa queste cose ce n'è parecchia. Una cosa è certa: se mangi da Cracco o Aimo e Nadia, per capirsi, o sai quello che stai facendo o non mangiare, è inutile che fai le pulci al conto dopo...
     si, ma qua mi sa che non ha tutti i torti il cliente...cioè si aspettava un conto e glie ne hanno presentato uno che è quasi il doppio causa tartufo...credo sia giusto che lo pesino prima no?
  4.     Mi trovi su: Homepage #4987553
    scudettoweb ha scritto:
    Conosco Cracco, conosco personalmente lo staff e posso dire che di gente che fa queste cose ce n'è parecchia. Una cosa è certa: se mangi da Cracco o Aimo e Nadia, per capirsi, o sai quello che stai facendo o non mangiare, è inutile che fai le pulci al conto dopo...
      Si mangia bene? :mmh:
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #4987557
    Pezzotto ha scritto:
    Si mangia bene? :mmh:
      si...ma ...ordina il brodino...e nn farti mettere manco il parmigiano....nn si sai mai che salga la quotazione al grammo in serata:asd:
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  6. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4987601
    massituo ha scritto:
    si, ma qua mi sa che non ha tutti i torti il cliente...cioè si aspettava un conto e glie ne hanno presentato uno che è quasi il doppio causa tartufo...credo sia giusto che lo pesino prima no?
     Allora, anzitutto bisogna vedere come è andata. Un mio parente molto stretto ha lavorato a lungo con Cracco. Ho diversi amici che hanno lavorato con lui e che hanno lavorato o lavorano anche nell'area dirigenziali di Peck, a cui Cracco era legato. Ti posso dire che diverse volte portano una bottiglia al tavolo, viene accettata (il prezzo è su richiesta) e poi arrivano le lamentele se costa tanto. Allora, se ordini uno Chateau d'Yquem i casi sono due: o sai cosa costa, o lo chiedi. Invece arriva il commendatore che non vuole "fare il barbone" e ordina senza chiedere (e senza sapere) e poi trasecola.

    Non solo, se vai da un artista della cucina (a me lo stile di Cracco non piace, ma resta un artista) sai benissimo che non paghi un tanto al toc. Se ti siedi al tavolo, come fa gente che gestisce società da fatturati plurimilionari, e chiedi un menu di tartufo con lo champagne migliore per ogni piatto, paghi quello che paghi. Che non è una cifra inventata eh, è la cifra che avresti saputo se avessi chiesto. Però non chiedi, perché appunto lasci fare all'artista. Tra l'altro posso dire con discreta certezza che la cresta non la fanno su queste cose. La fanno su altre cose, ma questo è un altro discorso... :asd:

    Comunque venerdì sera sono a cena da un pezzo grosso dell'entourage di Peck e mi informo, sono curioso pure io di sapere cosa è successo. :)
  7. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4987602
    Pezzotto ha scritto:
    Si mangia bene? :mmh:
     Si mangia bene? Hai voglia. Si mangia bene per quanto si spende? No. Almeno non per il mio palato. Fra le varie cose che ho fatto c'è stato anche il critico di ristoranti (e me ne vergogno ancora oggi... :asd: ) e posso dire che per la mia esperienza raramente i posti molto costosi valgono in proporzione a quello che paghi. La differenza la fa l'ambiente, il nome, la clientela, il servizio, ecc. ecc. Io per 100 euro a testa posso indicarti almeno 3 posti nel nord Italia che hanno un ambiente normalissimo e in cui mangi in modo analogo, ovviamente fatte le debite proporzioni col territorio, di posti blasonati come Cracco. Vino escluso, si intende, perché le bottiglie pregiate si pagano e basta, anche se nei ristoranti più famosi finisci per pagarle un po' di più.

  E la cena finisce in tribunale

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina