1. hora et labora  
        Mi trovi su: Homepage #4989542
    Cari lettori, con questo articolo cominciamo il nostro avvicinamento a Resident Evil 5, il nuovo e atteso capitolo della saga di Capcom. Lo accompagneremo con una serie di articoli che vi proporremo a cadenza regolare: sulla nostra Home Page trovate un apposito indice, pronto a ricordarvi l'uscita di ogni nuova puntata. Cominciamo con un bello speciale di Francesco Alinovi, uno dei maggiori esperti italiani della saga. Avremo modo di risentirlo ...
  2.     Mi trovi su: Homepage #4989592
    Complimenti per l'articolo! ;)
    Davvero ben fatto e competente. Non vedo l'ora che esca il prossimo speciale.
    Avevo 11 anni quando mi prestarono il primo capitolo della saga e mi ricordo di quanta paura avessi a esplorare quella villa. :berto:
    Per fortuna trovai il coraggio e ora (che sono cresciuto un pochino :))) ho tutti i capitoli principali della saga (compresi i due capolavori per Gamecube :O ).
    Per concludere, ancora un grazie a Francesco per avermi fatto rivivere quei momenti e per aver raccontato così bene la nascita del mio genere videoludico preferito. :D
  3. resident evil  
        Mi trovi su: Homepage #4990104
    Grazie Francesco,splendido articolo.

    Aztec Challenge e Forbidden Forest...tuffo al cuore!!
     li avevo completamente dimenticati,eppure all'epoca li giocai allo spasmo.....
    (troppa acqua passata sotto ai ponti...8-()

    Ci sarebbero molti punti sui quali discutere sarebbe interessante.....
    io ad esempio ho scoperto il survival horror col primo RE(una folgorazione),il quale mi ha fatto poi retroattivamente ri-scoprire(ed apprezzare) Alone in the dark (ma solo il primo,gli altri come sono? valgono la pena?).

    Concordo e sono anch'io dell'opinione che il genere S.H.,o forse sarebbe meglio dire la "definizione" S.H. si sia cristallizzata proprio con il titolo capcom,che ha poi di fatto messo sotto nuova luce i titoli venuti prima di lui.

    :approved:
  4. addio Next!  
        Mi trovi su: Homepage #4990345
    ...davvero apprezzabile quest'articolo,spero ne seguano tanti altri...un breve tuffo nel passato fa sempre molto piacere e ti permette di mettere assieme i ricordi come dei puzzle da comporre,dandogli un filo logico... perchè ai tempi si giocava e basta,senza che ci si ponesse troppe domande ecc.
    Storico Aztec che per i tempi aveva una musica potentissima,e,anche se per poco,non sono mai riuscito a finirlo,infatti oltre al tempismo bisognava avere nello stesso tempo sangue freddo....(che rabbia quelle tarantole/ragni all'interno delle varie camere nella piramide su livelli di parallasse sfalsati che confondevano...)
    Alone in the dark lo trovai difficilissimo,ricordo che non facevo troppa strada e che i mostri mi seccavano sempre,viste le scarsissime munizioni...
    Di Project firestart invece rimembro solo l'articolo con tanto di medaglia d'oro sul mitico Zzapp! ,ma non lo realizzarono su cassetta,solo su floppy disk,quindi non potei giocarlo.Forbidden f.non l'ho mai sentito,nè visto...
  5. resident evil  
        Mi trovi su: Homepage #4990413
    allergic ha scritto:
    il secondo è ancora un capolavoro, con un'atmosfera particolare, meno lovecraftiana ma ancora intrigante. E' con il terzo che è tutto finito.
         ottimo,vi ringrazio. così cercherò di procurarmi il secondo lasciando il terzo sugli scaffali.:approved:

    Ovviamente mi riferivo sì alla trilogia originale,e certo che pensare che l'ultimo episodio su 360 sia meno giocabile non dico del primo RE,ma addirittura del primo Alone su PC....come si può involversi in codesta maniera?
    ma provano a giocarci prima di rilasciarli?
    E' non solo frustrante,ma molto fastidioso trovarsi tra le mani un titolo del genere,magari dopo averlo pagato 60euro....|-[

    io per fortuna ne ho spesi 20,e dopo una settimana l'ho dato dentro......per RE5....:mmh:

    non vedo l'ora del 13/3!!!:toghy:
  6. resident evil  
        Mi trovi su: Homepage #4990416
    Zendo ha scritto:
    ...davvero apprezzabile quest'articolo,spero ne seguano tanti altri...un breve tuffo nel passato fa sempre molto piacere e ti permette di mettere assieme i ricordi come dei puzzle da comporre,dandogli un filo logico... perchè ai tempi si giocava e basta,senza che ci si ponesse troppe domande ecc.
    Storico Aztec che per i tempi aveva una musica potentissima,e,anche se per poco,non sono mai riuscito a finirlo,infatti oltre al tempismo bisognava avere nello stesso tempo sangue freddo....(che rabbia quelle tarantole/ragni all'interno delle varie camere nella piramide su livelli di parallasse sfalsati che confondevano...)
    Alone in the dark lo trovai difficilissimo,ricordo che non facevo troppa strada e che i mostri mi seccavano sempre,viste le scarsissime munizioni...
    Di Project firestart invece rimembro solo l'articolo con tanto di medaglia d'oro sul mitico Zzapp! ,ma non lo realizzarono su cassetta,solo su floppy disk,quindi non potei giocarlo.Forbidden f.non l'ho mai sentito,nè visto...
      Forbidden Forest dovresti procurartelo,io all'epoca me la feci sotto non poco (ero un pischello,ok,però.....merita).
    Mi incuriosisce non poco Project Firestart.....ovviamente era solo in inglese??:-\
  7. Ground zero Ground zero Ground zero  
        Mi trovi su: Homepage #4990775
    Zendo ha scritto:

    Alone in the dark lo trovai difficilissimo,ricordo che non facevo troppa strada e che i mostri mi seccavano sempre,viste le scarsissime munizioni...

    Io ricordo di non essere mai riuscito a finirlo, ma vidi il finale solo grazie alla perseveranza di un mio amico, perché se utilizzavi in maniera non corretta gli oggetti rimanevi bloccato e non c'era più modo di tornare indietro. Stesso discorso per il 2. Sinceramente sono dei difetti molto grossi!

    Ne approfitto anche per fare i complimenti per il bellissimo articolo. :nworthy:
    <a href="http://eu.playstation.com/psn/profile/Delafondia/"><img src="http://mypsn.eu.playstation.com/psn/profile/Delafondia.png" border="0" /></a>
  8. Sbalestrato  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4990867
    Delafondia ha scritto:
    Io ricordo di non essere mai riuscito a finirlo, ma vidi il finale solo grazie alla perseveranza di un mio amico, perché se utilizzavi in maniera non corretta gli oggetti rimanevi bloccato e non c'era più modo di tornare indietro. Stesso discorso per il 2. Sinceramente sono dei difetti molto grossi!
    Ma sai, è semplicemente il modo in cui si facevano i giochi una volta.
    Le avventure grafiche Sierra, per dire, sono andate avanti per tutti gli anni ottanta, con questo stile (in maniera anche molto più punitiva rispetto ad Alone In The Dark). E pure le primissime Lucas avevano qualche passaggio che non perdonava...

    Infatti io ancora oggi faccio tanti salvataggi diversi, anche se non serve praticamente più, perché ormai la cosa mi è rimasta nel DNA. :D
    L'Edicola di giopep, better than sex!
    Tumblerpep, almost like sex!
    Il Podcast del Tentacolo Viola & Outcast - La voce dei videogiocatori borderline
  9. resident evil  
        Mi trovi su: Homepage #4991208
    Certo che,se project firestart è così seminale (ed inquietante) come pare,ed è pure targato EA,perchè non farne un remake,visto che di idee e storie originali c'è sempre bisogno? oltretutto è passato un sacco di tempo....

    Le potenzialità ci sarebbero,guardate che ha fatto mamma capcom col primo RE su Gamecube....

    O forse già Dead Space nè è la versione moderna.....

  [Speciale Resident Evil 5] Le radici del male

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina