1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4991037
    In attesa di Killzone 2 e SF4 e dopo aver più o meno digerito la mole ingente di titoli autunnali, ho recuperato qualche must play del recente passato per avere un'idea chiara.

    Gli ultimi venti giorni li ho passati in compagnia di Lost Odyssey, uno tra quei 4-5 titoli Xbox 360 che hanno alimentato un'anacronistica vena di jrpg di concezione classica. Si tratta di spararsi ed affrontare Blue Dragon, Eternal Sonata, Last Remnant, Infinite Undiscovery e così via.Con tutte le differenze del caso. Ma con calma ci giochiamo tutto.

    Personalmente sono convinto che il futuro del genere consista nel rinverdire i fasti del passato, ossia...I recenti esperimenti in chiave no-random-battles hanno sì eliminato il problema annoso della frammentazione esplorativa ma al contempo hanno cambiato radicalmente il sapore dell'esperienza, adesso molto più simile ai vari MMORPG. FFXII è stato una piccola delusione, Rogue Galaxy abbastanza incerto sul da farsi fino al punto di sfociare nel picchiaduro a scorrimento e poi ci sono tutta una serie di giochi satellite (Silmeria, Persona 3, ecc. ecc.) che non mi ha del tutto soddisfatto. Le ultime gioie in merito risalgono a DQ8 e Suikoden 5. Mass effect lo lascio fuori in quanto la narrazione che propone è di stampo prettamente occidentale con l'edificazione di mondo credibile piuttosto che una storia specifica. Oltre al fatto che non c'entra nulla con il discorso...

    Ma meccanica a parte, è proprio l'orientamento adolescenziale a destare qualche sfinimento nel trentenne annoiato quale sono. Storie di quindicenni che devono abbandonare il proprio villaggio per scoprire chi sono, fanciulle da prima comunione con poteri strardinari sopiti e così via...Se fossi più saggio ed orientato a più miti consigli dovrei semplicemente capire che il tempo massimo è finito e che la categoria, narrativamente parlando, non è fatta più per me. Calcolando che non ho intenzione di passare le mie nottate online a produrmi in cast-spell-protect-mage-half-cazz-ecc. ecc. sembra proprio che debba rassegnarmi.

    Lost Odyssey non è propriamente un gran gioco. Sin dalle prime battute si capisce che vorrebbe essere il Final Fantasy di nuova generazione ma il budget non è quello di prima, Squarenix è un'altra cosa. Per carità, nulla di mediocre ma i valori produttivi si percepiscono e l'ennesima intro di guerra non può confrontarsi con i FMV già visionati altrove. Anche il respiro dell'esperienza e la realizzazione ambientale sono orientati verso una mestizia di fondo che non sconcerta ma neanche esalta. Le musiche di Nobuo contribuiscono ancora di più a creare quella brutta sensazione di paradiso che fu e che non è più, anche quando questo paradiso ha preso il nome di FFVIII.

    Però sono state ore indimenticabili ed il perché è presto detto. La vicenda di Kaim l'Immortale ha evocato uno spessore narrativo nostalgico e profondo che ormai da qualche anno non percepivo più in un gioco simile. Si tratta semplicemente di un racconto a ritroso che giustifica ampiamente il mutismo del protagonista, annullato dalla portata e dalla tristezza delle numerose vite che ha vissuto. I cosidetti sogni sono un ottimo esempio di sensibilità moralistica giapponese, delle piccole gemme di saggezza popolare e pessimismo universale di buona fattura. La scorrettezza forse consiste nell'essersi appoggiati troppo sulle capacità di un altro medium, di fatto la lettura dei ricordi lascia il giocatore (il lettore?) di fronte allo schermo per una ventina di minuti quando va bene, con scritte, scritte, scritte che sembrano non finire mai. Non si tratta di Dostoevskij o Everett sia chiaro ma la cura riposta in queste storie veicola una profondità quasi indiretta che giustifica tutto ciò che viene dopo, il detto e il non detto.

    Questo a fronte di una storia abbastanza canonica nel suo dispiegarsi, alla fine le atmosfere ricordano molto un FFVI, Lost odyssey non brilla certo di una personalità spiccata. Il design dei personaggi galleggia fra l'anonimo e il brutto eppure dopo qualche ora di assestamento questa sorta di sobrietà involontaria aiuta la percezione ad orientarsi verso la pace delle emozioni superficiali. Il sistema di combattimento è fintamente semplicistico, il livellamento dell'esperienza eteroindotto serve a mantenere la sfida su livelli sempre discreti e spesso, soprattutto all'inizio, avere ragione dei vari boss non è proprio una passeggiata. Le battaglie casuali sono del tutto tollerabili, a volte si risolve un passaggio articolato combattendo giusto quelle 6-7 volte e raggiungendo il massimo dell'esperienza disponibile. Il doppiaggio italiano è tutto sommato buono, la mia memoria ha recepito da quelle parti Sirio il Dragone e Barbossa ma potrei sbagliarmi. Le musiche sono da wuxiapian, violini ed archi a profusione, molte atmosfere soffuse e romanticismo. Ninete male.

    Non è un capolavoro e non è una segnalazione fuori da lcoro. Lost Odyssey non ha macrodifetti ma non eccelle in nulla. Eppure, per il trentenne si tratta di risvegliare un interesse letterario non da poco grazie alle piccole storie contenute in esso e sul messaggio escatologico che potrebbe venir fuori.
    Emozionante.

    Cosa ne pensate?
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4991046
    Che hai ragione per quanto riguarda le voci. Kain ha la voce di Sirio e Goronda (se ricordo bene si chiama cosi) ha la voce di Marrabio.

    Quoto quasi tutto il tuo scritto (ma questa volta è più breve delle altre). LO è un buon RPG che non innova e non sconvolge la concezione di JRPG, ma ha dalla sua 2 cose ottime.

    1) il concetto di vita e morte
    2) i racconti. Alcuni, leggendoli, mi hanno fatto scendere la lacrimuccia sia per come sono raccontati, ma anche per come appaiono su schermo
  3.     Mi trovi su: Homepage #4991053
    Ci sto giocando in questi giorni. Sono quasi alla fine del secondo dvd (penso) e devo dire che non mi dispiace il sistema di combattimento e le magie. Carina l'idea di come si apprenono le abilità e la creazione degli anelli. Spero solo che alla fine non risulti tutto un pò inutile. Per ora mi stapiacendo. Leggo i sogni con piacere. Sono degli ottimi mini racconti che riescono a incuriosirti e a toccarti. Il ritmo non è serrato e a molti potrebbero cadere le palle se non riescono ad appassionarsi alle vicende.
    //Il medico di nextgame//
  4. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4991062
    SharkFRA ha scritto:
    Che hai ragione per quanto riguarda le voci. Kain ha la voce di Sirio e Goronda (se ricordo bene si chiama cosi) ha la voce di Marrabio.

    Quoto quasi tutto il tuo scritto (ma questa volta è più breve delle altre). LO è un buon RPG che non innova e non sconvolge la concezione di JRPG, ma ha dalla sua 2 cose ottime.

    1) il concetto di vita e morte
    2) i racconti. Alcuni, leggendoli, mi hanno fatto scendere la lacrimuccia sia per come sono raccontati, ma anche per come appaiono su schermo
     E' vero, è proprio questo il suo punto di forza, offrire lo spunto per riflessione più ampie attraverso piccole storie quotidiane. Ogni tanto ti mette in mezzo quella massima ben scritta che assurge al rango di aforisma...


    (Tu che hai i superpoteri, modificami il titolo per favore...)
  5. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #4991072
    acarolla ha scritto:
    Ci sto giocando in questi giorni. Sono quasi alla fine del secondo dvd (penso) e devo dire che non mi dispiace il sistema di combattimento e le magie. Carina l'idea di come si apprenono le abilità e la creazione degli anelli. Spero solo che alla fine non risulti tutto un pò inutile. Per ora mi stapiacendo. Leggo i sogni con piacere. Sono degli ottimi mini racconti che riescono a incuriosirti e a toccarti. Il ritmo non è serrato e a molti potrebbero cadere le palle se non riescono ad appassionarsi alle vicende.
     A proposito di ritmo, c'è da dire che LO non è il classico RPG da una piccola sessione e via. Se non si hanno almeno 2 ore a disposizione si fa poco. Prima di tutto c'è una cattiva distribuzione dei save point, a kilometri da un boss oppure mai all'interno di un filmato troppo lungo. Poi questi sogni colgono Kaim improvvisamente e quella che era una piccola sessione per parlare con qualcuno e comprarsi le armi diventa una session di un'ora. Fortuna che i sogni si possono rivedere.
  6. addio Next!  
        Mi trovi su: Homepage #4991085
    ...anche a me sostanzialmente LO è piaciuto come storia e BS,nonostante qualche parte un pò noiosetta o qualche locazione ripetuta(lo staff,mi pare si chiamasse cosi').A me i racconti non mi hanno fatto impazzire.
    Ad oggi imho è ancora il miglior jrpg sul mercato.
  7.     Mi trovi su: Homepage #4991114
    Il gladiatore ha scritto:


    Ma meccanica a parte, è proprio l'orientamento adolescenziale a destare qualche sfinimento nel trentenne annoiato quale sono. Storie di quindicenni che devono abbandonare il proprio villaggio per scoprire chi sono, fanciulle da prima comunione con poteri strardinari sopiti e così via...Se fossi più saggio ed orientato a più miti consigli dovrei semplicemente capire che il tempo massimo è finito e che la categoria, narrativamente parlando, non è fatta più per me. Calcolando che non ho intenzione di passare le mie nottate online a produrmi in cast-spell-protect-mage-half-cazz-ecc. ecc. sembra proprio che debba rassegnarmi.

     Ecco il punto focale. i trentenni iniziano a  stancarsi di giocare e vivere avventure di bambinetti ed affini con tematiche sempliciotte.
     Lost Odyssey in parte riesce ad attrarre la persona adulta con i racconti ed una storia a tratti matura.
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4991162
    tra tutti i jrpg giocati su 360 (li ho giocati tutti quelli pal tranne the last remnant che devo iniziare tra poco) lost odyssey è forse quello che mi è piaciuto di più alla fine.. non che il livello medio degli rpg sia elevatissimo,, ma in tempi di carestia ci si accontenta :))
    il gioco nella sua "classicità" propone qualcosa di diverso. la storia innanzitutto, che parte alla grandissima (fino alla fine del primo dvd) per poi scemare pian piano.. i personaggi come diceva il gladiatore non sono eccezzionali, eppure pian piano non ti dispiacciono. i combattimenti casuali non sono mai invasivi, e questo aiuta anche ad avanzare nei dungeon più lunghi senza eccessive difficoltà. più si va avanti più la sfida diminuisce, visto che praticamente con gli immortali poi si diventa davvero troppo forti, proprio per questo il level cap inizialmente aiuta a tenere la sfida a buoni livelli, ma presto le abilità fanno la differenza e diventa tutto più facile. a suo favore lo ha una buona durata, un buon numero di subquest e boss extra che allungano la durata senza tediare il giocatore.
    poteva essere sicuramente migliore, però alla fine l'ho apprezzato.
    consiglio comunque di provare infinite undiscovery, visto che non è affatto male e ha anche una storia carina.
    poi visto che parli di ps2 se hai la possibilità di leggere i giochi import non farti scappare tales of the abyss (anche se non credo sia facilissimo rintracciarlo ormai), visto che ha davvero una gran bella storia.
    Postatore altalenante del LO TOPIC
  9. non lo so, davvero...  
        Mi trovi su: Homepage #4991290
    SharkFRA ha scritto:
    Che hai ragione per quanto riguarda le voci. Kain ha la voce di Sirio e Goronda (se ricordo bene si chiama cosi) ha la voce di Marrabio.

    Quoto quasi tutto il tuo scritto (ma questa volta è più breve delle altre). LO è un buon RPG che non innova e non sconvolge la concezione di JRPG, ma ha dalla sua 2 cose ottime.

    1) il concetto di vita e morte
    2) i racconti. Alcuni, leggendoli, mi hanno fatto scendere la lacrimuccia sia per come sono raccontati, ma anche per come appaiono su schermo
     Come non quotarti.
    La cosa che mi ha fatto storcere il naso è la ricerca di oggetti alla blue dragon per alcuni luoghi.... Quella è una cosa che non mi piace.
    Per il resto il gioco l'ho finito al 100% e mi ha davvero fatto piacere.
    Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio andò ad aprire e non c'era nessuno.
    *Codice amico 3DS 3566 1524 6005*
    the cake is a lie
  10.     Mi trovi su: Homepage #4991318
    Il gladiatore ha scritto:
     Però sono state ore indimenticabili ed il perché è presto detto. La vicenda di Kaim l'Immortale ha evocato uno spessore narrativo nostalgico e profondo che ormai da qualche anno non percepivo più in un gioco simile.
    Cosa ne pensate?
     Bravo, evoca ma diciamo che (usando una metafora) il casting si ferma a metà.
    Bandiera del gioco nella premessa, protagonista nelle prime ore, tutta la tematica dell'immortalità e delle sue implicazioni nel corso del gioco perde pezzi per essere relegata a semplici ufo, ovvero le varie storie. Certo, nel finale per ovvi motivi viene ripresa ma in alcuni casi porta anche a dialoghi piuttosto maldestri come il dialogo tra Kalm e Sarah nel finale mentre guardano i due nipoti.
    A closed system lacks the ability to renew itself. Knowledge alone is a poor primer...
  11. addio Next!  
        Mi trovi su: Homepage #4991350
    Lucael ha scritto:
    Bandiera del gioco nella premessa, protagonista nelle prime ore, tutta la tematica dell'immortalità e delle sue implicazioni nel corso del gioco perde pezzi per essere relegata a semplici ufo, ovvero le varie storie.
     quoto,questa tematica è imho mal sviluppata e,andando sempre piu'avanti nel gioco,perde d'interesse.
  12.     Mi trovi su: Homepage #4991360
    Quando non avevo troppo tempo per giocare e magari avevo solo un 15-20 minuti, accendevo solo per leggere qualche storiella che magari avevo saltato durante la fase di gioco :) veramente piacevole

    Ah, dopo aver letto la tua osservazione, penso che ti piacerà anche Eternal Sonata, una piccola fiaba poetica in cui potrai imparare anche qualcosa su un fantastico compositore :)
  13. addio Next!  
        Mi trovi su: Homepage #4991375
    DevilRyu ha scritto:
    Quando non avevo troppo tempo per giocare e magari avevo solo un 15-20 minuti, accendevo solo per leggere qualche storiella che magari avevo saltato durante la fase di gioco :) veramente piacevole
     ma infatti prese singolarmente sono piacevoli...(da metà gioco in poi ho smesso di vederle,per lasciarmele tutte alla fine),però mi aspettavo ben altro,ad esempio che venissero svelate piu'cose sul passato degli immortali,antefatti e tant'altro...

  Finalmente!!! (Lost Odyssey)

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina