1.     Mi trovi su: Homepage #5032223
    Si può discutere all’infinito su quali siano gli elementi salienti di un gioco di ruolo giapponese, sottolineando di volta in volta l’importanza rivestita da trama e personaggi, comparto tecnico e musiche, dungeon e mappe esplorabili o dal sistema di combattimento e dai menu, ma c’è una sola, unica e imprescindibile qualità capace di trasformare un esponente del genere in un’esperienza da ricordare: quella di "lasciarsi sognare". Nel 1995 accendevi il ...
  2.     Mi trovi su: Homepage #5032580
    chrono ha scritto:
    Si può discutere all’infinito su quali siano gli elementi salienti di un gioco di ruolo giapponese, sottolineando di volta in volta l’importanza rivestita da trama e personaggi, comparto tecnico e musiche, dungeon e mappe esplorabili o dal sistema di combattimento e dai menu, ma c’è una sola, unica e imprescindibile qualità capace di trasformare un esponente del genere in un’esperienza da ricordare: quella di "lasciarsi sognare". Nel 1995 accendevi il ...


    Bella rece chrono ma non sono d'accordo su alcuni punti.
    Final Fantasy IV non raggiunge minimamente la complessità, la bellezza e l'incanto della storyline di Chrono Trigger. E non parlo soltanto da un punto di vista di contenuti, ma anche e soprattutto del COME questa storia viene narrata. Da questo punto di vista, Chrono Trigger rappresentava (e rappresenta) un nuovo parametro nei jrpg: il giocatore non è mai annoiato e la storia incombe in ogni più piccolo frangente del gioco. Una struttura che si discosta tantissimo dal classico Dungeon + filmatino + dungeon + filmatino etc. Ogni elemento del gameplay trova una precisa collocazione all'interno della storia.
    Da un punto di vista visivo Chrono Trigger rimane un gioco complicato. Perchè se è vero che alcune aree sono poco caraterizzate e poco moderne oggi, è anche vero che si alternano paesaggi e dungeon che anche oggi non sfigurano di certo sul Nintendo DS.
    Lo stesso remake di Final Fantasy VI, non raggiunge nel modo più assoluto la bellezza artistica e tecnica di queste aree. Anzi, nel 99% dei casi si tratta semplicemente dell'aggiunta di anonimi "blocchi" poligonali senza alcuno studio stilistico in mente.
    Due Minuti D'Odio per Bin Laden
  3.     Mi trovi su: Homepage #5032597
    Emperor Neo ha scritto:
    Bella rece chrono ma non sono d'accordo su alcuni punti.
    Final Fantasy IV non raggiunge minimamente la complessità, la bellezza e l'incanto della storyline di Chrono Trigger. E non parlo soltanto da un punto di vista di contenuti, ma anche e soprattutto del COME questa storia viene narrata. Da questo punto di vista, Chrono Trigger rappresentava (e rappresenta) un nuovo parametro nei jrpg: il giocatore non è mai annoiato e la storia incombe in ogni più piccolo frangente del gioco. Una struttura che si discosta tantissimo dal classico Dungeon + filmatino + dungeon + filmatino etc. Ogni elemento del gameplay trova una precisa collocazione all'interno della storia.
    Da un punto di vista visivo Chrono Trigger rimane un gioco complicato. Perchè se è vero che alcune aree sono poco caraterizzate e poco moderne oggi, è anche vero che si alternano paesaggi e dungeon che anche oggi non sfigurano di certo sul Nintendo DS.
    Lo stesso remake di Final Fantasy VI, non raggiunge nel modo più assoluto la bellezza artistica e tecnica di queste aree. Anzi, nel 99% dei casi si tratta semplicemente dell'aggiunta di anonimi "blocchi" poligonali senza alcuno studio stilistico in mente.
     
    Aspé, prima di risponderti dimmi a quali final fantasy ti riferisci. Nel primo paragrafo parli di Final Fantasy IV (4) con riferimento alla storia (nelle rece io accennavo a Final Fantasy 6); nell'ultimo invece torni su Final Fantasy VI (6) parlando di un presunto remake (e qui immagino ti riferisca a Final Fantasy 4, giusto?).
  4.     Mi trovi su: Homepage #5032626
    chrono ha scritto:
    Aspé, prima di risponderti dimmi a quali final fantasy ti riferisci. Nel primo paragrafo parli di Final Fantasy IV (4) con riferimento alla storia (nelle rece io accennavo a Final Fantasy 6); nell'ultimo invece torni su Final Fantasy VI (6) parlando di un presunto remake (e qui immagino ti riferisca a Final Fantasy 4, giusto?).


    Ho riletto e mi sbagliavo io: parlavi di Final Fantasy VI e NON di Final Fantasy IV ;)

    Questo cambia decisamente le carte in tavola: è una dura lotta quella tra il VI e CT. Anche sa da un punto di vista di metodo di narrazione continuo a preferire Chrono Trigger.
    Naturalmente mi riferivo al ramake di FFIV, l'unico attualmente disponibile con FFIII.

    [Modificato da Emperor Neo il 09/03/2009 13:43]

    Due Minuti D'Odio per Bin Laden
  5.     Mi trovi su: Homepage #5033507
    ESSENDO  in inglese, molti negozianti(come il mio) ne han presa una copia sola....da Gs ne ho visti giudto uno o 2 non di piu'...prezzo 39,90... ;)
    L'italiano che VORREBBE vivere a Tokyo di Nextgame.
    30 voti sul mercatino(sarebbero anche 58...)
    450 feedback su ebay 100% positivi!
  6.     Mi trovi su: Homepage #5033557
    Sampei ha scritto:
    Ottima recensione, complimenti...devo ammettere che dopo una cinquantina di ore il gioco non mi ha ancora stancato, anche se le ultime side quest del L.S. mi stanno dando non pochi grattacapi.  8-(
     
    Leggevo i tuoi commenti nel thread dedicato. Effettivamente 50 ore sono tantine per il completamento della prima tornata (in teoria ne bastano 25-30), ma va bene così: ti stai godendo passo, passo il gioco.

    Comunque credimi (e te lo dico dopo aver divorato a suo tempo la versione SFC, assimilato quella Psone e caduto nuovamente nel vertice qui in versione DS : povero me XD ) che il bello deve ancora venire. Il game plus di Chrono Trigger è qualcosa di unico.

    Un consiglio, dato col cuore, non cedete alle FAQs. Il bello di Chrono Trigger è proprio l'esplorazione, il lasciarsi andare alla ricerca, all'ignoto. Fare a gara con le pagine delle guide per accatastare velocemente i finali e tutto lo scopribile serve solo a riporre il gioco velocemento sullo scaffale e a cominciarne un altro.

    Si perde, però, più del 50% di quello che CT - secondo me - è : totale assorbimento nella meccanica esplorativa.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5033560
    Emperor Neo ha scritto:
    Ho riletto e mi sbagliavo io: parlavi di Final Fantasy VI e NON di Final Fantasy IV ;)

    Questo cambia decisamente le carte in tavola: è una dura lotta quella tra il VI e CT. Anche sa da un punto di vista di metodo di narrazione continuo a preferire Chrono Trigger.
    Naturalmente mi riferivo al ramake di FFIV, l'unico attualmente disponibile con FFIII.
      
    Chiarito il dubbio, credo ci possa essere molto da discutere (quantomeno sul versante storia).

    Nella recensione ho fatto dei confronti come se si fosse tornati nel 1995 (FFVI era del 1994, Dragon Quest V del 1992 e via di questo passo): il discorso che segue è quindi riferito a quel contesto.

    Final Fantasy VI per me è sempre stato il vertice dell'epicità, del dramma, di un mondo in cui gli eventi sono scanditi, regolari, comprensibili e avvolgenti. Prima ancora dei personaggi, per altro altrettanto unici e inimitabili, c'è il motivo per cui si sta combattento. C'è una missione, una guerra, una rivolta, un netto confine fra bene e male che poi si dissolve grazie alla caratterizzazione dei vari protagonisti ("buoni" e "cattivi").

    La storia in Chrono Trigger, invece, l'ho sempre considerata un pretesto per andare avanti e godere di personaggi centrali: molto più determinanti, con le rispettive vicende, di Lavos, la fine del tempo e il nemico che non sembra mai - veramente - incombere.

    Come dici, è il metodo di narrazione a risultare vincente. Ma in più di un'occasione, può capitare di chiedersi: perché sto lottando?

    In realtà questo rischio non c'è: il ritmo è serrato, ci sono i problemi di ciascun personaggio e i misteri da risolvere hanno la meglio su tutto.

    Come dire: l'importante è esserci, e non il perché dell'esserci stesso.

    E una volta che sei dentro Chrono Trigger, è dura uscirne. Anche per la relativa libertà concessa. Non si raggiungono i vertici di Romancin Sa.Ga (uno, duo o tre), ma proprio perché a volte si può scegliere cosa fare, dove andare e cosa risolvere, c'è il rischio che la storia complessiva - o meglio, il macro-obiettivo - passi in secondo piano.

    Per questo dicevo che presa singolarmente la storia e la narrazione sono più deboli rispetto a FFVI, come la struttura lo è rispetto a Dragon Quest V, la sfida e l'epicità rispetto a Phantasy Star o Megami Tensei... Ma è un confronto inutile, e questo lo sottolineavo: Chrono Trigger è un'amalgama, prima ancora che singoli elementi. Una fusione fatta di scoperta, ricerca, momenti memorabili, dungeon dai quali non si vorrebbe mai uscire, e da combinazioni di mosse favolose.
  8.     Mi trovi su: Homepage #5034185
    chrono ha scritto:
    Chiarito il dubbio, credo ci possa essere molto da discutere (quantomeno sul versante storia).

    Nella recensione ho fatto dei confronti come se si fosse tornati nel 1995 (FFVI era del 1994, Dragon Quest V del 1992 e via di questo passo): il discorso che segue è quindi riferito a quel contesto.

    Final Fantasy VI per me è sempre stato il vertice dell'epicità, del dramma, di un mondo in cui gli eventi sono scanditi, regolari, comprensibili e avvolgenti. Prima ancora dei personaggi, per altro altrettanto unici e inimitabili, c'è il motivo per cui si sta combattento. C'è una missione, una guerra, una rivolta, un netto confine fra bene e male che poi si dissolve grazie alla caratterizzazione dei vari protagonisti ("buoni" e "cattivi").

    La storia in Chrono Trigger, invece, l'ho sempre considerata un pretesto per andare avanti e godere di personaggi centrali: molto più determinanti, con le rispettive vicende, di Lavos, la fine del tempo e il nemico che non sembra mai - veramente - incombere.

    Come dici, è il metodo di narrazione a risultare vincente. Ma in più di un'occasione, può capitare di chiedersi: perché sto lottando?

    In realtà questo rischio non c'è: il ritmo è serrato, ci sono i problemi di ciascun personaggio e i misteri da risolvere hanno la meglio su tutto.

    Come dire: l'importante è esserci, e non il perché dell'esserci stesso.

    E una volta che sei dentro Chrono Trigger, è dura uscirne. Anche per la relativa libertà concessa. Non si raggiungono i vertici di Romancin Sa.Ga (uno, duo o tre), ma proprio perché a volte si può scegliere cosa fare, dove andare e cosa risolvere, c'è il rischio che la storia complessiva - o meglio, il macro-obiettivo - passi in secondo piano.

    Per questo dicevo che presa singolarmente la storia e la narrazione sono più deboli rispetto a FFVI, come la struttura lo è rispetto a Dragon Quest V, la sfida e l'epicità rispetto a Phantasy Star o Megami Tensei... Ma è un confronto inutile, e questo lo sottolineavo: Chrono Trigger è un'amalgama, prima ancora che singoli elementi. Una fusione fatta di scoperta, ricerca, momenti memorabili, dungeon dai quali non si vorrebbe mai uscire, e da combinazioni di mosse favolose.


    Vorrei chiederti cosa ne pensi del finale "extra" e dei suoi collegamenti con CC e forse anche con qualcos'altro.
    Per il resto la trama di Chrono Trigger pesca a piene e mani da eventi e miti ampiamente conosciuti.
     la scomparsa dei dinosauri per un meteorite, un regno magico quando il resto del mondo era ancora nelle caverne (atlandide e sua caduta) etc. 

    Ma il metodo di narrazione IMHO non lascia mai il giocatore da solo. Il ritmo è continuamente incalzante e le situazioni e gli eventi non sono MAI scontati.
    Ci sono storie e personaggi poi, che hanno fatto la storia.
     Magus e Schala, ripresi fortemente sia in CC che in questo porting 

    Due Minuti D'Odio per Bin Laden
  9.     Mi trovi su: Homepage #5034196
    chrono ha scritto:
    Leggevo i tuoi commenti nel thread dedicato. Effettivamente 50 ore sono tantine per il completamento della prima tornata (in teoria ne bastano 25-30), ma va bene così: ti stai godendo passo, passo il gioco.

    Comunque credimi (e te lo dico dopo aver divorato a suo tempo la versione SFC, assimilato quella Psone e caduto nuovamente nel vertice qui in versione DS : povero me XD ) che il bello deve ancora venire. Il game plus di Chrono Trigger è qualcosa di unico.

    Un consiglio, dato col cuore, non cedete alle FAQs. Il bello di Chrono Trigger è proprio l'esplorazione, il lasciarsi andare alla ricerca, all'ignoto. Fare a gara con le pagine delle guide per accatastare velocemente i finali e tutto lo scopribile serve solo a riporre il gioco velocemento sullo scaffale e a cominciarne un altro.

    Si perde, però, più del 50% di quello che CT - secondo me - è : totale assorbimento nella meccanica esplorativa.
    Ti ringrazio per i consigli, ovviamente non uso mai gamefaqs per questo tipo di giochi :)
    Comunque ti devo confessare che Chrono Trigger giocato per la prima volta oggi dal sottoscritto, e quindi esente dalla patina nostalgica che ricopre la vostra copia, e' un'esperienza meravigliosa, emozionante, quasi...magica.
    Mi e' difficile carpire l'origine di queste sensazioni, pero' credo fermamente che siano le stesse a elevarlo come capolavoro senza tempo.
    Penso di dovergli ancora molto, prima di esprimere un giudizio definitivo.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5034625
    Emperor Neo ha scritto:
    Vorrei chiederti cosa ne pensi del finale "extra" e dei suoi collegamenti con CC e forse anche con qualcos'altro.

    Mmm... Non mi ha particolarmente colpito a dirti il vero. Come non mi hanno entusiasmato le aggiunte per NDS. In particolare il Lost S. è di una pesantezza unica: noioso, ripetitivo, superfluo. Tutto quello che l'originale Chrono Trigger era riuscito a non essere.

    Per quanto riguarda le connessioni con Chrono Cross sono quelle della versione PSone (aldilà del nuovo finale DS): forzate in un certo qual modo (o meglio, non se ne sentiva il bisogno).

    Per me l'unico vero seguito (o completamento) di Trigger è Radical Dreamers. Chrono Cross è l'altra dimensione, e non il contrario (questo aldilà della qualità dei titoli: Chrono Cross è pur sempre un grandissimo rpg).
  11.     Mi trovi su: Homepage #5034853
    chrono ha scritto:
    Mmm... Non mi ha particolarmente colpito a dirti il vero. Come non mi hanno entusiasmato le aggiunte per NDS. In particolare il Lost S. è di una pesantezza unica: noioso, ripetitivo, superfluo. Tutto quello che l'originale Chrono Trigger era riuscito a non essere.

    Per quanto riguarda le connessioni con Chrono Cross sono quelle della versione PSone (aldilà del nuovo finale DS): forzate in un certo qual modo (o meglio, non se ne sentiva il bisogno).

    Per me l'unico vero seguito (o completamento) di Trigger è Radical Dreamers. Chrono Cross è l'altra dimensione, e non il contrario (questo aldilà della qualità dei titoli: Chrono Cross è pur sempre un grandissimo rpg).


    Come ho detto anche nell'altro topic, LS è semplicemente una delle esperienze più orrende che un gamer possa sperimentare. Discorso diverso per il Dimensional Vortex.
    Per quanto riguarda i collegamenti a CC, non c'è solo il filmato PSX ma anche il nuovo finale per ds.

     con una versione ancora non definitiva del Time Devourer e il destino di Schala e Magus. Oltrettutto l'ho trovato molto azzeccato. Perchè è proprio quello che i fan chiedevano: Schala e Magus. In più, c'è anche DALTON che s'incontra nel Time Vortex del presente, che preannuncia appunto che avrebbe potenziato l'armata di Porre e distrutto il regno di Guardia (evento che viene descritto in CC, ed è infatti proprio l'armata di porre ad invadere el nino. MA non si sapeva fosse stato merito di Dalton).


    Per l'ultimo punto, saprai sicuramente che a livello "ufficiale" è RD ad essere un'altra dimensione, non certo CC. Come viene chiaramente detto nel computer di Chronopolis. Questo poi è stato un semplice sotterfuggio per far rientrare in modo forzato Radical Dreamers nel circuito canonico della saga. Anche perchè come dichiarato da Kato, Chrono Cross sostituisce Radical Dreamers.
    Due Minuti D'Odio per Bin Laden
  12.     Mi trovi su: Homepage #5035002
    Emperor Neo ha scritto:
    Come ho detto anche nell'altro topic, LS è semplicemente una delle esperienze più orrende che un gamer possa sperimentare. Discorso diverso per il Dimensional Vortex.
    Per quanto riguarda i collegamenti a CC, non c'è solo il filmato PSX ma anche il nuovo finale per ds.

     con una versione ancora non definitiva del Time Devourer e il destino di Schala e Magus. Oltrettutto l'ho trovato molto azzeccato. Perchè è proprio quello che i fan chiedevano: Schala e Magus. In più, c'è anche DALTON che s'incontra nel Time Vortex del presente, che preannuncia appunto che avrebbe potenziato l'armata di Porre e distrutto il regno di Guardia (evento che viene descritto in CC, ed è infatti proprio l'armata di porre ad invadere el nino. MA non si sapeva fosse stato merito di Dalton).
        

    Per l'ultimo punto, saprai sicuramente che a livello "ufficiale" è RD ad essere un'altra dimensione, non certo CC. Come viene chiaramente detto nel computer di Chronopolis. Questo poi è stato un semplice sotterfuggio per far rientrare in modo forzato Radical Dreamers nel circuito canonico della saga. Anche perchè come dichiarato da Kato, Chrono Cross sostituisce Radical Dreamers.
        
    Yep, ma per quanto mi riguarda il duo è Chrono Trigger - Radical Dreamers. Fatico a riconoscere Cross come un seguito, sebbene parta da RD e sostituisca quest'ultimo. Famosa proprio la nota che riporti: la dimensionalità parallela di Radical Dreamers.

    Torno a dire che è un peccato che non abbiano approfittato di questa versione DS per rispolverare RD e inserirlo come bonus (dando finalmente risalto a un titolo rimasto confinato su Satellaview e in Japan only): peccato.

    Sul finale aggiuntivo non mi fraintendere: hanno svolto una buona operazione per sintetizzare e spiegare alcuni punti rimasti in sospeso (il destino di Schala in particolare), come giustamente citi, ma semplicemente è una forzatura rispetto al tutt'uno che era e rimane Chrono Trigger.

    Se la si vede dal punto di vista della giuntura Trigger-Cross va benissimo, ma c'è chi - come me - quella giuntura fatica ad accettarla.

    In ogni caso, per chi volesse approfondire i legami Trigger-Dreamers-Cross consiglio questo sito : http://www.chronocompendium.com/Term/Main_Page.html

    Occhio agli spoiler, però!

    [Modificato da chrono il 11/03/2009 00:45]

  13.     Mi trovi su: Homepage #5035471
    chrono ha scritto:
    Yep, ma per quanto mi riguarda il duo è Chrono Trigger - Radical Dreamers. Fatico a riconoscere Cross come un seguito, sebbene parta da RD e sostituisca quest'ultimo. Famosa proprio la nota che riporti: la dimensionalità parallela di Radical Dreamers.

    Torno a dire che è un peccato che non abbiano approfittato di questa versione DS per rispolverare RD e inserirlo come bonus (dando finalmente risalto a un titolo rimasto confinato su Satellaview e in Japan only): peccato.

    Sul finale aggiuntivo non mi fraintendere: hanno svolto una buona operazione per sintetizzare e spiegare alcuni punti rimasti in sospeso (il destino di Schala in particolare), come giustamente citi, ma semplicemente è una forzatura rispetto al tutt'uno che era e rimane Chrono Trigger.

    Se la si vede dal punto di vista della giuntura Trigger-Cross va benissimo, ma c'è chi - come me - quella giuntura fatica ad accettarla.

    In ogni caso, per chi volesse approfondire i legami Trigger-Dreamers-Cross consiglio questo sito : http://www.chronocompendium.com/Term/Main_Page.html


    Occhio agli spoiler, però!


    Ma sai che leggendo alcuni scan (su chronocompendium) mi pare di aver capito che fosse poprio nelle intenzioni di Kato inserire RD nel porting per DS.
    Comunque, premettendo che Chrono Trigger e Chrono Cross sono due giochi splendidi anche se non fossero connessi tra loro, perchè ritieni CC una forzatura?
    Due Minuti D'Odio per Bin Laden

  [Recensione Chrono Trigger] Il tempo non si è mai fermato

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina