1.     Mi trovi su: Homepage #5051597
    Brienza, Aronica, Montalbano e l'ex ds Foschi
    Antimafia: indagati tre giocatori ed ex direttore sportivo del Palermo
    Per la gara con l'Ascoli nel 2002-2003 in B. Frode sportiva prescritta, ma possibili conseguenze penali







    Salvatore Aronica con la maglia del Napoli (Ap)



    PALERMO - La procura antimafia di Palermo ha iscritto nel
    registro degli indagati l'ex direttore sportivo del Palermo calcio Rino
    Foschi (oggi direttore sportivo del Torino), e tre giocatori, Franco
    Brienza (ora alla Reggina), Salvatore Aronica (attualmente al Napoli) e
    Vincenzo Montalbano (ha lasciato il calcio professionistico,
    attualmente è in Eccellenza nel Ribera). A loro carico si ipotizza la
    frode sportiva per un presunto condizionamento della partita
    Ascoli-Palermo del campionato 2002-2003 e finita di 2-1 per la squadra
    siciliana.

    DICHIARAZIONI - L'iscrizione è
    stata decisa dopo che i magistrati hanno riletto le dichiarazioni
    dell'avvocato Marcello Trapani, ex legale dei boss Tommaso Natale
    Salvatore e Sandro Lo Piccolo ed ex procuratore sportivo. Trapani aveva
    riferito infatti di un versamento di 200 mila euro all'attaccante del
    Palermo Brienza, al terzino dell'Ascoli Aronica e al difensore
    dell'Ascoli Montalbano (che nel 2002 militò nel Palermo, e nel 2003
    nell'Ascoli). I tre sarebbero stati corrotti su iniziativa di Foschi,
    ma l'Ascoli sospettò qualcosa e l'allenatore Bepi Pillon non li schierò
    nella partita giocata il 24 maggio 2003 e decisa da un gol al 90'.
    Un'altra partita sotto indagine, ma sulla quale il collaboratore di
    giustizia non sa niente di preciso, è Palermo-Verona, finita 2-0 e
    giocata il 31 maggio successivo. Scopo delle combine sarebbe stato
    quello di agevolare la promozione del Palermo in serie A, ma il piano
    non riuscì in quanto i rosanero persero la partita decisiva con il
    Lecce e rimasero nella serie cadetta.

    FRODE SPORTIVA PRESCRITTA -
    Montalbano ha riferito di non avere giocato Ascoli-Palermo in quanto
    infortunato, Aronica perché la squadra marchigiana aveva intenzione di
    cederlo, mentre Brienza, su ordine della Reggina, non ha voluto
    parlare. L'ipotesi di frode sportiva è virtualmente prescritta sia sul
    piano penale che su quello sportivo, ma dal punto di vista penale
    potrebbe essere riconosciuta l'aggravante di avere agevolato la mafia.





    PALERMO RESPINGE ACCUSE - Già
    nei giorni scorsi, dopo alcune indiscrezioni sulle dichiarazioni di
    Trapani apparse sulla stampa locale, il Palermo calcio con un
    comunicato aveva respinto ogni accusa, riservandosi «ogni azione in
    tutte le competenti sedi giudiziarie a tutela del buon nome e
    dell'immagine della Società».
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"
  2. Quanti Teddy bisogna inventare per tutta la vita ?  
        Mi trovi su: Homepage #5051651
    Pezzotto ha scritto:
    Magari riusciamo a liberarci di Aronica:asd:


    Giù le mani da Sasà. :cool:
    Non consiste forse nel rompere il tuo pane con chi ha fame, nel portare a casa tua i poveri senza tetto, nel vestire chi è nudo, senza trascurare quelli della tua stessa carne?
  3.     Mi trovi su: Homepage #5052458
    Palermo, Zamparini: "Gare truccate? E' paradossale"




    "E' tutto talmente paradossale che non c'è alcun commento da fare. Da quello che leggo sui giornali, sono implicati tre giocatori che però non hanno giocato, in una partita vinta dal Palermo 2-1 al 91° minuto". Lo ha dichiarato in un'intervista a Radio 101 Maurizio Zamparini: "Trovo paradossale che le dichiarazioni di un malavitoso pentito vengano ritenute considerazioni vere (il riferimento è all'avvocato Marcello Trapani, ndr). Lasciamo fare alla giustizia il suo corso. Il Palermo Calcio in questa storia non c'entra niente. Abbiamo tutti i documenti a disposizione. Per noi non c'è alcun problema".
  4.     Mi trovi su: Homepage #5052464
    Aronica: "Estraneo ai fatti contestati"

    Aronica si dice "assolutamente estraneo ai fatti", dopo aver appreso di essere stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Palermo con l'accusa di frode sportiva per presunta combine durante il campionato 2002-03 quando era all'Ascoli

    Il difensore Salvatore Aronica si dice "assolutamente estraneo ai fatti", dopo aver appreso di essere stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Palermo con l’accusa di frode sportiva per presunta combine durante il campionato 2002-03, quando giocava con la maglia dell’Ascoli. "Ho appreso dalla stampa di essere indagato dalla Procura della Republlica di Palermo per il reato di frode sportiva relativo alla calcio Ascoli-Palermo della stagione sportiva 2002-2003 - ha spiegato in una nota il difensore palermitano ora in forza al Napoli - Sono assolutamente estraneo ai fatti che mi vengono contestati e comunico di aver dato mandato ai miei legali di verificare se ricorrano gli estremi del reato di calunnia in mio danno".

    --------------------------------------------------------------------------------

    Come al solito nessuno sa niente :asd:

    [Modificato da Pezzotto il 25/03/2009 00:24]

  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #5052476
    ma corriamo il rischio serio che NoN ce lo squalificano....oppure possiamo cominciare a sperare?:asd:
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose

  Gare truccate, accuse al Palermo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina