1.     Mi trovi su: Homepage #5053210
    L'ad della Juve: «Si può aprire un ciclo vincente. Scudetto? Finché l'aritmetica non ci condanna»



    MILANO, 25 marzo - «Un grande acquisto a stagione per riportare in alto la Juventus. Si può aprire un nuovo ciclo vincente». Questo il progetto bianconero annunciato dall'amministratore delegato, Jean-Claude Blanc, a Milano, a margine della Star Conference 2009. Non si è parlato di cifre, ma la strategia è chiara. Tutte le risorse del prossimo mercato saranno impiegate nell'acquisto di un solo grande campione. E secondo un preciso piano di scadenze. Per cominciare, quest'anno ci sarà da sostituire Pavel Nedved, che ha annunciato il ritiro. È lì che la Juventus concentrerà i suoi sforzi.

    Nomi? In pole c'è David Silva, il cui agente è in questi giorni a Torino. Nel 2010, poi, scadrà il contratto di Del Piero, e si cercherà un campione che possa sostituirlo. E l'anno successivo sarà infine il momento di rimpiazzare CamoranesiTrezeguet, in scadenza. A meno che il francese, in seguito alle incomprensioni con Ranieri, non venga ceduto prima. Intanto, però, c'è ancora uno scudetto da giocarsi con l'Inter. «E fino a quando la matematica non ci condanna noi continuiamo a lottare - ha detto Blanc -. Adesso aspettiamo lo scontro diretto con i nerazzurri».

    L'ad bianconero ha anche illustrato i dati economici della società, in attivo grazie agli introiti della Champions League e i progetti per il futuro, imperniati in gran parte nella costruzione del nuovo stadio, che sarà pronto nel luglio 2011. Bilanci a posto e investimento sui giovani: questa - ha concluso Blanc - la strategia da due anni a questa parte della Juve. «Sono le linee guida che ci impone anche la Uefa. Il nostro obiettivo è dimostrare che con questa politica si può tornare a vincere. La nostra strada è quella giusta».

  2. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #5053279
    E infatti questa è la strategia giusta, non di certo comprare Ronaldinhi costosi. Un acquisto l'anno, di qualità vera e investire sui giovani.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  3.     Mi trovi su: Homepage #5054613
    "Juve su vice-Nedved,ma Cassano..."

    Cobolli: "Crisi? Io non ho l'autista" 

    Campionato e mercato. Sono questi i temi che stanno più a cuore a Giovanni Cobolli Gigli. "La Juve ha il 30% di possibilità di vincere lo scudetto. Sono ridotte, ma ci crediamo. Cassano? Nulla è impossibile, è un buon giocatore, ma noi vogliamo sostituire Nedved. Nessuno però ha le sue caratteristiche", ha detto il presidente bianconero. Poi, parlando di crisi, una battuta: "E' banale, ma mi avete mai visto arrivare con un autista?"
      
    Per il futuro "ci saranno movimenti di assestamento, ma non partenze importanti. Che venga fuori un grande nome è certo, continuiamo a discuterne per fare la scelta giusta. Nomi non intendiamo farne, ma anche Blanc ha ripetuto che il nostro primo problema e' trovare un degno sostituto di Nedved".

    Del Piero e Ranieri
    ? "Del Piero ha ancora da vincere questo scudetto, se ce la fa, la Champions dell'anno prossimo, andare ai Mondiali. Insomma, c'è tanta strada. Per il resto, sicuramente avanti con Ranieri''.
    Discorso scudetto. Cobolli Gigli sa che servirebbe un miracolo e che molto dipenderà dalla sfida con l'Inter all'Olimpico di metà aprile: "Teniamo conto che abbiamo lo scontro diretto in casa che dobbiamo vincere e che può far aumentare quel 30%''.

    Inevitabile parlare di soldi in questo periodo: "La Juve quest'anno pareggerà i suoi conti grazia agli ottavi di Champions, che è importante anche dal punto di vista economico oltre che sportivo. Tutte le società devono guardare all'equilibrio tra ricavi e costi. Faccio un piccolo esempio: mi avete mai visto venire con un autista? Io guido la macchina per i fatti miei. E' solo un segnale dello stile che vogliamo tenere". 

    Ma come giudica la Juventus la vicenda Ibrahimovic-Inter? "Ibrahimovic chiede ciò che pensa di meritare. Di quello che succede leggo fra le righe dei giornali, sicuramente ho potuto constatare che Ibrahimovic è un grande campione, un ragazzo con un carattere molto forte e determinato. Riportarlo a Torino? Nella vita bisogna guardare avanti''.

    [Modificato da Pezzotto il 26/03/2009 16:26]

  4.     Mi trovi su: Homepage #5055951
    Del Piero: "Benvenuto a Cassano nella nuova Juve" 



    Porte aperte per l'arrivo di grandi campioni ma anche la grande voglia di tornare a vestire la maglia azzurra. Intervistato da "La Repubblica", Alessandro Del Piero ripercorre la sua infanzia, i primi passi da calciatore e il debutto nella prima squadra del Padova ("e' li' che mi sono accorto di essere Del Piero, giocando con gente come Albertini, Di Livio, Benarrivo, Galderisi, mi misuravo con loro e c'ero") fino ad arrivare al presente. Un presente in cui e' diventato ormai una bandiera della Juventus, situazione della quale si dice fiero senza "nessun rimpianto anche se resta il fascino del Real Madrid, del Manchester United, cioe' dei campionati stranieri in cui non ho giocato e non giochero' mai".

    Da tempo, pero', si comincia a parlare di erede di Del Piero e in molti puntano su Cassano. L'eventuale arrivo del talento di Bari Vecchia trova a sorpresa uno sponsor d'eccezione nello stesso capitano bianconero, che non teme problemi di dualismo. "Senza offesa - spiega - la mia vita calcistica non teme l'arrivo di Cassano e di nessun altro. Comunque, non vedo concorrenza spietata: abbiamo ruoli diversi e potremmo benissimo coesistere. Finche' arrivano i campioni, tutto a posto". Anche perche' Del Piero vuole tornare a vincere. "Ne ho proprio bisogno - ammette - In queste tre stagioni e' successo tutto ed e' ora di rivincere qualcosa. Io penso che quest'anno una vittoria ci scappera'. Se l'Inter rallenta, noi ci saremo". Guardandosi indietro non manca qualche rimpianto, ci sono partite che il numero 10 della Juve vorrebbe rigiocare, "una delle tre finali perse di Champions, una a caso. E magari la finale dell'Europeo 2000". 

    E a proposito di Nazionale, Del Piero non ha intenzione di farsi da parte. "Lippi e' stato molto chiaro, adesso ha necessita' di vedere altri, da me si aspetta che giochi e faccia bene - sottolinea - Ho assorbito la cosa, non la vivo come un problema e neanche come una perdita definitiva: almeno, Lippi non me l'ha trasmesso". Una vita da star, ma con l'esigenza di staccare ("non posso sempre essere Alex Del Piero, il numero 10 della Juve. Bisogna pensare alla vita quotidiana, al futuro, anche se davvero non riesco a vedermi tra dieci, vent'anni"), il capitano bianconero parla anche di attualita', a partire dalla crisi economica. "Anche se sono diventato ricco, l'approccio alla vita credo sia il medesimo - dice - I soldi risolvono un bel po' di problemi pratici, pero' conosco un sacco di ricchi tristi, anche nel calcio e non e' retorica: e' la verita'. In questo mondo c'e' solitudine, a volte depressione. Siamo persone con dei sentimenti, persone anche fragili. Vedo gente che ha doni e li spreca, e si butta via". Una battuta anche su calcio inglese e basket americano, due delle sue grandi passioni. "In Inghilterra e' tremendamente bello andare allo stadio, persino i colori delle maglie brillano di piu' - spiega Del Piero - E gli americani sono spettacolo puro, forse condito da troppo contorno e troppa tivu'. Poi, e' chiaro che la passione latina e' qualcosa di fenomenale: servirebbe un mix, ma con piu' attenzione alla bellezza da parte nostra. Da noi, nessuna moviola ripete le dieci azioni migliori della domenica, solo i mancati rigori o i fuorigioco".
  5. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #5055961
    Caro Reco, secondo te sono stati pagati quanto Ronaldinho? E poi si sta parlando di strategia futura. Inoltre Poulsen non mi sembra stia andando male.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  6.     Mi trovi su: Homepage #5056001
    Chiellini: «Cassano alla Juve? Magari»

    Il difensore bianconero: «Un giocatore come lui aumenterebbe il livello tecnico»

    FIRENZE, 27 marzo - Ribery e Messi i sogni impossibili, Cassano il nome più credibile. Lo ha detto nei giorni scorsi il presidente Cobolli GigliNon possiamo non seguire Cassano»), si è accodato il difensore della Juve, Giorgio Chiellini, che dal ritiro dell'Italia ha speso parole importanti per il barese. Con un però...  «Antonio ha grandi qualità - ha detto - ma se viene alla Juve sarebbe il quinto attaccante. E a quel punto, uno degli altri quattro sarebbe candidato ad andar via perchè gestire cinque giocatori di quel livello è fantacalcio». A meno che... «con Cassano, Trezeguet, Amauri, Del Piero e Iaquinta, la Juve giochi con un modulo differente».

    «DISPIACE AVER DETTO ADDIO ALLA CHAMPIONS» - Da quello che potrebbe essere a quello che è stato. L'eliminazione della Juve dalla Champions League: «Dispiace parecchio - ha aggiunto Chiellini - ci credevamo e con un pizzico di fortuna in più potevamo anche passare il turno. Ma quando affronti squadre importanti con molti giocatori infortunati, un'eliminazione ci può stare». Juve, Roma e Inter fuori dall'Europa per mano di squadre inglesi. Un calcio migliore? «L'unica differenza - ha spiegato il difensore bianconero - è legata a un potere d'acquisto che agevola i club inglesi, una condizione che consente loro di fare acquisti importanti in Europa. Ecco, credo che la differenza sostanziale sia proprio questa. E poi, parlare di un campionato italiano ridimensionato non è corretto, perchè nè l'Inter, nè le altre squadre, rappresentano il nostro calcio. Sono squadre dove ci sono pochi giocatori italiani. Il calcio italiano - ha concluso - è la Nazionale, che sta facendo molto bene».

    -------------------------------------------------------------------------------------------------

    Parlando chiaramente, chiunque prenderà Cassano farà un affare dato che al momento tra gli attaccanti italiani nel suo ruolo è senza dubbio il migliore. E Del Piero deve anche capire che forse è arrivato il momento di mettersi un pò da parte.....con l'arrivo di Cassano, nonostante l'eventuale partenza di Trezeguet per me la Juve andrebbe a rinforzare l'attacco. Il francese ormai tra un infortunio e l'altro gioca poco e tra Amauri e Iaquinta le alternative non mancano. Alla Juve, invece, manca la qualità in attacco e con Cassano e dando più spazio anche a Giovinco si rimedia anche a questo. Poi a partita in corso si può anche giocare con Del Piero e Cassano assieme a supporto della prima punta.
  7.     Mi trovi su: Homepage #5059834
    «Trezeguet e Buffon non si muovono dalla Juve»

    Cobolli Gigli: «Il Chelsea sul francese? Non mi risulta»

    MILANO, 31 marzo - Trezeguet non si muoverà dalla Juventus. E neppure Buffon. ad assicurarlo è il numero uno bianconero Giovanni Cobolli Gigli: «Un'offerta del Chelsea per Trezeguet? Non mi risulta». Ha detto secco. Poi a ruota su Buffon: «Credo e spero che le sue parate saranno decisive fino alla fine della stagione e anche oltre. Ha un contratto con la Juve e alla Juve darà ancora molto». Il numero uno della Nazionale, però, ha detto che se un giorno arrivasse un'offerta vantaggiosa per lui e la Juve farebbe volentieri un'esperienza all'estero: «Ha ragione a fare questi discorsi fatalisti e il suo è un modo intelligente di parlare. Lui però rimarrà con noi a lungo». Capitolo Del Piero. Quanto influenza le scelte della società? «Il suo giudizio pesa, come quello di un grande campione, di un capitano con il quale Blanc, Secco e Ranieri parlano. Finchè c'è Alex niente Cassano? Non mi trascinerete a parlare dei nomi». Finale su Juventus-Inter del 18 aprile senza Maicon: «Più che pensare alle assenze delle altre squadre preferisco concentrarmi su chi giocherà nella Juve e spero di vedere la miglior Juventus possibile».
  8.     Mi trovi su: Homepage #5064813
    Entro aprile la scelta del campione

    Venticinque milioni. Sarà questo il budget a disposizione della Juventus per prendere il fuoriclasse che andrà a rinforzare la rosa di Claudio Ranieri. La cifra è stata fissata dal Consiglio di Amministrazione, che ha ristretto anche la cerchia dei papabili a vestire la maglia bianconera: uno tra Diego (24), Silva (23), Hamsik (22) e Frank Ribery (26) la prossima stagione si trasferirà a Torino. E dal momento che nella lista non rientra Antonio Cassano, è facilmente intuibile che il passaggio del talento di Barivecchia a Torino è congelato per un anno. Entro la fine di aprile, il club sceglierà il campione: la Juve ha meno di un mese per decidere su quale asso puntare. Venerdì prossimo si riunirà il Comitato sportivo per un confronto con il tecnico e, insieme a Ranieri, per valutare quale sia la soluzione migliore. La riunione di ieri è stata fondamentale per decidere le strategie di mercato. Che non si limiterà al fuoriclasse: si cerca un difensore e, magari, qualche altro colpo d'assestamento, ma molto dipenderà anche da quanto il club incasserà dalle vendite. In società non esistono preclusioni: ogni bianconero è cedibile, anche Buffon, dipende dalle offerte milionarie e vantaggiose che arrivano. E se Trezeguet ha già un piede fuori dalla Juventus, il club sta valutando altre possibili cessioni. In queste ultime gare di campionato, i giocatori dovranno dimostrare di meritarsi ancora un futuro in bianconero.

    Ieri mattina intanto, a Torino, il d.s. Secco ha incontrato Giacomo Petralito, agente Fifa e principale intermediario per un possibile trasferimento del brasiliano Diego alla Juventus. Si è trattato, soprattutto, di un aggiornamento sulle ultime novità della trattativa.


  9. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #5065122
    Pez, io il prossimo anno farei una proposta anche per una maggiore visibilità: un thread per ogni squadra di serie A, un po' come hai fatto per il Napoli. Che ne dici?
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  10.     Mi trovi su: Homepage #5065145
    beppojosef ha scritto:
    Pez, io il prossimo anno farei una proposta anche per una maggiore visibilità: un thread per ogni squadra di serie A, un po' come hai fatto per il Napoli. Che ne dici?
    Ottima idea, mi piace.....si può anche cominciare adesso senza aspettare la nuova stagione ;)

    Si potrebbe aprire un thread x ogni squadra maggiormente seguita sul forum:

    Inter
    Juventus
    Milan
    Roma
    Fiorentina
    Lazio

    Da scegliere i nomi dei vari thread.......Tutto Juve, Juve news, etc....

  Blanc: «La Juve farà un solo grande acquisto»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina