1. :o  
        Mi trovi su: Homepage #5057084
    Ciao a tutti allora la mia ragazza il 13 marzo si è iscritta per vedere alcuni tatoo usando il mio pc a questo sito www.tatuaggifantasy.com e oggi mi è arrivata una richiesta di pagamento da suddetto sito per l accesso 6 mesi a 70 euro.

    Vedendo il sito in fase di registrazione sotto in fondo in modo che una persona poco attenta non lo veda è scritto che è a pagamento, però mi chiedo è possibbile iscrivendosi solo a un sito (dove tra l altro ha usato dati inventati) dove non chiedono un codice fiscale (e che io sappia questo rende la fattura nulla) e dove non chiamino per confermare i dati o inviino a casa un contratto da firmare dover pagare?

    questo è quello che dice la mail scusate se è un po lunga:


    Gentile dasd asd,

    IP Registrazione: ********

    La ringraziamo
    per l'interesse mostrato nella nostra offerta contenuta in
    Tatuaggifantasy.com
    È ormai trascorso piu' di dieci giorni dalla Sua
    iscrizione, senza che Lei abbia esercitato in maniera efficace il diritto di
    recesso che Le compete. Siamo pertanto lieti di constatare che la nostra offerta
    è di Suo gradimento e ci permettiamo, ai fini della preparazione e della
    fornitura dei nostri servizi, di emettere fattura per l'importo concordato
    dovuto per l'utilizzo nella forma seguente.



    Accesso al sito
    Tatuaggifantasy.com per la durata di mesi 6: 69,95 Euro
    (L'abbonamento NON si
    rinnoverà in automatico)


    Per Sua informazione:

    la richiesta
    del pagamento inoltrataLe si basa su un contratto di servizio da Lei stipulato
    con noi finalizzato alla messa a disposizione della banca dati online www.Tatuaggifantasy.com
    Lei si è
    registrata a questa offerta di servizi fornendo il Suo nome, recapito e
    indirizzo di posta elettronica.
    Lei ha inoltre dichiarato di aver letto e
    accettato le Condizioni Generali di Contratto che costituiscono la base di detto
    contratto.
    Il diritto di recesso che Le compete non è stato da Lei in alcun
    modo esercitato.

    In particolare, il recesso successivo all'utilizzo del
    servizio non è più possibile (D.Lgs.n°206/2005). A tal riguardo, La invitiamo a
    prendere visione delle Condizioni Generali di Contratto,consultabili in
    qualsiasi momento alla pagina del sito www.Tatuaggifantasy.com.
    Al
    paragrafo 7, così come nella pagina dell'iscrizione al sito, Lei è stata
    informata con assoluta chiarezza in merito alla onerosità del
    contratto:

    'L'Utente è tenuto al pagamento dell'importo di una tantum di
    Euro 69,95. Verrà emessa una fattura all'Utente a fronte di tale
    importo.L'importo della fattura sarà dovuto fatto salvo il diritto di recesso
    dell'Utente e, ai sensi del (D.Lgs.n°206/2005), successivamente alla stipula del
    contratto.'



    METODI DI PAGAMENTO

    BONIFICO
    BANCARIO

    Media World Service
    c/c 92886787
    ABI 07601
    CAB
    01000
    IBAN: IT88 U076 0101 0000 0009 2886 787

    BOLLETTINO
    POSTALE

    Media World Service
    c/c 92886787


    PER PAGARE CON
    CARTA DI CREDITO/PREPAGATA/CONTO PAYPAL

    https://www.paypal.com/it/cgi-bin/webscr?cmd=_home-customer&nav=1

    INTESTATO
    A:

    mediaworldservice@gmail.com

    IMPORTANTE
    SCRIVERE LA CAUSALE: FA57138-4037

    TOTALE: 69,95?
    (Il sopra indicato
    importo deve pervenirci  entro 5 giorni dalla notifica della
    presente.)


    Di seguito troverà il link per scaricare la sua fattura in
    formato Acrobat Reader PDF:

    http://www.tatuaggifantasy.com/Fattura.php?envoice=4027&cod=hNcqGWvzOA13xb3


    Cordiali
    saluti
    Team tatuaggifantasy.com

    Assistenza clienti
    supporto@tatuaggifantasy.com

    La fattura è ridicola infatti è intestata (senza codice fiscale in quanto non richiesto) a:

    dasd asd
    asdas 4
    20100 - asdas (BZ)

    Che mi tocca fare ora? sono tenuto a pagare o questo tipo di contratti è nullo?

    Grazie in anticipo

    [Modificato da torment il 28/03/2009 23:47]

    there's no need for you to fear me
    if you take your time to hear me, maybe you can learn to cheer me
    it ain't about black or white, cause we're human
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5057119
    Dati inventati ? contratto ? quale contratto ? tu non sei mai stato su quel sito, e nessuno che conosci :DD
    Ci provano, ma IMHO se non fai nulla ti manderanno magari 2 o 3 solleciti, ma poi non si faranno più sentire.
    E di alla tua ragazza grande a vaccinata di stare alla larga da certi siti truffaldini ;)  
  3. :o  
        Mi trovi su: Homepage #5057717
    MoRbO78 ha scritto:
    Dati inventati ? contratto ? quale contratto ? tu non sei mai stato su quel sito, e nessuno che conosci :DD
    Ci provano, ma IMHO se non fai nulla ti manderanno magari 2 o 3 solleciti, ma poi non si faranno più sentire.
    E di alla tua ragazza grande a vaccinata di stare alla larga da certi siti truffaldini ;)
     okkkk mi pareva strano fare contratti cosi che potrebbero fare anche minorenni
    there's no need for you to fear me
    if you take your time to hear me, maybe you can learn to cheer me
    it ain't about black or white, cause we're human
  4.     Mi trovi su: Homepage #5059217
    Io invece ti consiglio di pagare....

    http://www.euroconsumatori.org/16849v16939d26845.html
    Contratti stipulati da minorenni:
    Questi contratti possono di norma essere dichiarati nulli, perché il non ancora diciottenne non possiede la capacità di agire.

    Ciò da il diritto ai genitori di pretendere il rimborso della somma spesa, annullando anche le conseguenze del contratto.

    Questo principio non trova però applicazione nei casi in cui il
    minorenne abbia taciuto o falsificato la propria età attraverso
    comportamenti ingannevoli.

    Il semplice fatto di non indicare l’età corretta non viene considerato
    come elemento sufficiente, bisogna però precisare che questa norma
    risale a tempi in cui Internet doveva ancora nascere.

    nella pagina di registrazione in questione le date di nascita che si possono inserire sono dal 1940 al 1989.

    e ancora
    Un clic è sufficiente:
    I contratti di regola non necessitano di essere conclusi per iscritto. Anche una firma è necessaria solo in pochi casi.

    Un semplice clic può costituire un consenso e comportare obblighi contrattuali.

    Così un clic viene fatto spesso troppo in fretta senza rendersi conto delle conseguenze!


    i contratti a distanza sono regolati dal D.lgs 206/2005 mi sono letto le condizioni generali art 3 punto a cita
    (Consapevole che chiunque rilascia
    dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi
    speciali in materia,ai sensi e per gli effetti di cui all' art. 46
    D.P.R n.445/2000)

    Saluti
  5. Papo felicissimo  
        Mi trovi su: Homepage #5059309
    situazione assurda, io cmq non pagherei, dovrebbe pagare asd al massimo, e poi se lo denunciano e lo pignorano potrebbe avere difficoltà in futuro ad ottenere finanziamenti o mutui....... povero asd.  
    Vabbe', cmq di recente ho risolto un paio di contratti "raggiro" che non mi facevano dormire la notte (grazie ad un amico avvocato). Un po' diversi dal tuo caso, ma ci sono delle stranezze che li accomunano.
  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5059328
    giacomogiacomo ha scritto:
    Io invece ti consiglio di pagare....

    http://www.euroconsumatori.org/16849v16939d26845.html
    Contratti stipulati da minorenni:
    Questi contratti possono di norma essere dichiarati nulli, perché il non ancora diciottenne non possiede la capacità di agire.

    Ciò da il diritto ai genitori di pretendere il rimborso della somma spesa, annullando anche le conseguenze del contratto.

    Questo principio non trova però applicazione nei casi in cui il
    minorenne abbia taciuto o falsificato la propria età attraverso
    comportamenti ingannevoli.

    Il semplice fatto di non indicare l’età corretta non viene considerato
    come elemento sufficiente, bisogna però precisare che questa norma
    risale a tempi in cui Internet doveva ancora nascere.

    nella pagina di registrazione in questione le date di nascita che si possono inserire sono dal 1940 al 1989.

    e ancora
    Un clic è sufficiente:
    I contratti di regola non necessitano di essere conclusi per iscritto. Anche una firma è necessaria solo in pochi casi.

    Un semplice clic può costituire un consenso e comportare obblighi contrattuali.

    Così un clic viene fatto spesso troppo in fretta senza rendersi conto delle conseguenze!


    i contratti a distanza sono regolati dal D.lgs 206/2005 mi sono letto le condizioni generali art 3 punto a cita
    (Consapevole che chiunque rilascia
    dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi
    speciali in materia,ai sensi e per gli effetti di cui all' art. 46
    D.P.R n.445/2000)

    Saluti
     Hai riportato un singolo caso in cui è certo che il contratto sia stato stipulato da un minorenne, tutto giusto, ma qui si parla della fidanzata che ha dato dati fittizi, potrebbe essere stato chiunque a stipulare il contratto a nome della ragazza fino a prova contraria.
    Se io domani mi registro a nome di un mio collega, dando la sua mail, accendendo il suo computer per confermare la registrazione sulla sua casella mail, domani su quella stessa casella gli arrivasse un sollecito di pagamento, lui perchè dovrebbe pagare ? Perfino se avesse inserito il codice fiscale la cosa sarebbe opponibile, dato che oggi conoscendo pochi dati, chiunque potrebbe generarlo. 
  7. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #5059332
    Overmax ha scritto:
    situazione assurda, io cmq non pagherei, dovrebbe pagare asd al massimo, e poi se lo denunciano e lo pignorano potrebbe avere difficoltà in futuro ad ottenere finanziamenti o mutui....... povero asd.  
    Vabbe', cmq di recente ho risolto un paio di contratti "raggiro" che non mi facevano dormire la notte (grazie ad un amico avvocato). Un po' diversi dal tuo caso, ma ci sono delle stranezze che li accomunano.
      :DD
  8. :o  
        Mi trovi su: Homepage #5060377
    che schifo di gente però questi ci sperano su 100 che 10 paghino, cmq per non saper ne leggere ne scrivere ho chiesto a altroconsumo mo vediamo che mi dicono, comunque in quel sito euroconsumatori.org parla di acquisti on line non di iscrizioni a pagamento
    there's no need for you to fear me
    if you take your time to hear me, maybe you can learn to cheer me
    it ain't about black or white, cause we're human
  9.     Mi trovi su: Homepage #5060478
    Premessa: informarsi e non prendere sottogamba le cose fa cmq sempre bene. In altre parole bisogna sempre leggere prima di cliccare.
    Altra premessa: mettere un nome falso su internet non nasconde nulla, poichè il PC ha un ID e la connessione una hostmask, a meno che uno non le nasconda con manovre non troppo legali.

    Sulla questione invece ho visualizzato il sito.
    Tua sorella ha accettato e dichiarato di aver letto le condizioni generali, altrimenti non poteva andare avanti. Le condizioni generali specificano che si tratta di un contratto di compravendita in piena regola, che tua sorella ha quindi stipulato senza aver letto di cosa si trattava. Anzi l'ha stipulato la firma digitale del tuo PC.

    Quando si va su un sito e si clicca da qualche parte c'è sempre un'informativa (che nel caso del sito in questione è sotto Condizioni generali) che il sito chiede di accettare e di dichiarare di aver letto, e che a torto nessuno legge mai. Tua sorella non le ha lette mettendosi legalmente nel torto, perchè nelle condizioni generali è specificato che accettando tu stipuli un contratto ad una certa somma, con un diritto di recesso entro tot. giorni (http://www.tatuaggifantasy.com/Condizioni-Generali/Condizioni-Generali.html) e la legge non ammette ignoranza.


    L'immissione di dati falsi non ferma il contratto, ma anzi, aggrava la posizione del contraente rendendolo perseguibile per falsa dichiarazione di dati di identità in sede di stipula di contratto.
    Quello che adesso questi faranno, nel pieno dei loro diritti, sarà di mandarti diversi solleciti di pagamento fino all'immissione in mora, da cui partiranno interessi passivi (di mora) per ogni giorno di ritardo nel pagamento (un tempo doveva essere tramite raccomandata, ma con l'avvento di
    internet  basta una mail con firma digitale e ricevuta di ritorno).
    Quando la cifra raggiungerà uan certa consistenza questi potranno mettersi in mano ad un legale per il recupero del credito, e se nome e indirizzo gli risulterà falso andranno dal giudice che potrà emettere un mandato per l'indagine sui dati digitali che opererà la polizia postale, in quanto oltre che al mancato pagamento del debito si aggiungerà anche la denuncia per falso di identità in fase di contratto. A questo punto alla polizia postale basta risalire all'ID del computer e aspettare che si colleghi in internet per sapere chi siete e dove abitate. E se non vi connettete più seguiranno la hostmask, ovvero l'indirizzo IP che è legato al server che vi fornisce il servizio e da cui possono chiedere, grazie al mandato, i vostri veri dati.

    Visto lo sbattimento non è matematico che lo facciano, ma è nel pieno dei loro diritti farlo. Se per 10 anni vi amndano solleciti e vi dichiarano in mora da 10 euro potrebbero diventare 5.000 e a quel punto a loro il denunciarvi varrebbe lo sbattimento.


    Per il fatto che la cosa l'abbia fatta un minorenne non cambia nulla, la responsabilità oggettiva passa al tutore in questo caso, ossia al genitore, che dovrebbe controllare il figlio minorenne cosa fa e cosa non fa su internet, poichè non può dimostrare chi veramente ha avuto accesso al sito e quindi ne risponde il proprietario del PC, se maggiorenne, altrimenti il suo tutore/genitore.

    Fossi in voi quindi sentirei cmq un avvocato per conferma.

    [Modificato da Lightside il 01/04/2009 02:46]

  10.     Mi trovi su: Homepage #5060479
    Squall-kun ha scritto:
    Truffa da km.
     Non lo darei per certo.  Purtroppo per iscriverti devi accettare le condizioni generali su quel sito, altrimenti non vai avanti, ed in esse c'è scritto che accettandole stipuli un contratto di compravendita in piena regola.
    Forse, (ma non ne sono sicuro) l'unica freccia al suo arco potrebbe essere che la cosa non è specificata in home-page, ma dato che cmq per registrarti devi accettare le condizioni generali, altrimenti non ti manda avanti e non ti fa visualizzare i tatuaggi, nel momento in cui metti la virgoletta dichiari di aver letto le condizioni e di averle accettate (perchè c'è scritto "dichiaro di aver letto ed accettato le condizioni generali del contratto").

    Le condizioni che rendono un contratto invalido sono diverse e cambiano a seconda che il contratto sia nullo o annullabile. Un contratto nullo non fa partire nessun debito fin dal principio, ed è il caso in cui si stipuli contratti con persone decedute (è uno stratagemma che si fa per pompare l'IVA, ossia contratti di compravendita fantasma), o che abbiano clausole che vanno contro la morale comune e il buon costume o cmq illegali (tipo un contratto tra un mandante ed un sicario).

    Un contratto annullabile invece, cessa l'obbligazione di entrambi i contraenti dal momento in cui è annullato, ma tutto quello che è maturato tra la stupula e l'annullamento è dovuto.
    Un contratto è annullabile se si presentano dei vizi, che sono l'errore, il dolo, la violenza e la simulazione.
    Di tipi di errore che rendono un contratto annullabile ce ne sono diversi, ma tutti riguardanti il bene in oggetto, non vi rientra la negligenza. (per approfondimento guardare qui).
    Il dolo, ossia l'inganno annulla il contratto quando il venditore, in malafede, vi vende fischi dicendo che sono fiaschi. Un esempio classico di dolo è quando firmate per l'AIDS per strada e poi vi arriva a casa l'enciclopedìa.
    La violenza invece, come si arguisce dal termine, è quando vi obbligano a firmare un contratto facendovi violenza morale o fisica.
    La simulazione è quando si finge di stipulare un contratto per altri fini, come ad esempio due che si sposano solo per far avere alla lei (o al lui) il passaporto Italiano.

    Quello della sorella dell'utente invece è stato solo un comportamento di negligenza nel non aver letto le condizioni generali e aver dichiarato di averle invece lette ed accettate. E purtroppo la negligenza non è motivo di nullità o annullabilità di un contratto.

    In ogni caso io ho solo studi di diritto privato ma non sono un avvocato. Sentirne uno sarebbe sicuramente la cosa migliore.

    [Modificato da Lightside il 01/04/2009 03:08]

  11. Papo felicissimo  
        Mi trovi su: Homepage #5060930
    Lightside ha scritto:
    Non lo darei per certo.  Purtroppo per iscriverti devi accettare le condizioni generali su quel sito, altrimenti non vai avanti, ed in esse c'è scritto che accettandole stipuli un contratto di compravendita in piena regola.
    Forse, (ma non ne sono sicuro) l'unica freccia al suo arco potrebbe essere che la cosa non è specificata in home-page, ma dato che cmq per registrarti devi accettare le condizioni generali, altrimenti non ti manda avanti e non ti fa visualizzare i tatuaggi, nel momento in cui metti la virgoletta dichiari di aver letto le condizioni e di averle accettate (perchè c'è scritto "dichiaro di aver letto ed accettato le condizioni generali del contratto").

    Le condizioni che rendono un contratto invalido sono diverse e cambiano a seconda che il contratto sia nullo o annullabile. Un contratto nullo non fa partire nessun debito fin dal principio, ed è il caso in cui si stipuli contratti con persone decedute (è uno stratagemma che si fa per pompare l'IVA, ossia contratti di compravendita fantasma), o che abbiano clausole che vanno contro la morale comune e il buon costume o cmq illegali (tipo un contratto tra un mandante ed un sicario).

    Un contratto annullabile invece, cessa l'obbligazione di entrambi i contraenti dal momento in cui è annullato, ma tutto quello che è maturato tra la stupula e l'annullamento è dovuto.
    Un contratto è annullabile se si presentano dei vizi, che sono l'errore, il dolo, la violenza e la simulazione.
    Di tipi di errore che rendono un contratto annullabile ce ne sono diversi, ma tutti riguardanti il bene in oggetto, non vi rientra la negligenza. (per approfondimento guardare qui).
    Il dolo, ossia l'inganno annulla il contratto quando il venditore, in malafede, vi vende fischi dicendo che sono fiaschi. Un esempio classico di dolo è quando firmate per l'AIDS per strada e poi vi arriva a casa l'enciclopedìa.
    La violenza invece, come si arguisce dal termine, è quando vi obbligano a firmare un contratto facendovi violenza morale o fisica.
    La simulazione è quando si finge di stipulare un contratto per altri fini, come ad esempio due che si sposano solo per far avere alla lei (o al lui) il passaporto Italiano.

    Quello della sorella dell'utente invece è stato solo un comportamento di negligenza nel non aver letto le condizioni generali e aver dichiarato di averle invece lette ed accettate. E purtroppo la negligenza non è motivo di nullità o annullabilità di un contratto.

    In ogni caso io ho solo studi di diritto privato ma non sono un avvocato. Sentirne uno sarebbe sicuramente la cosa migliore.
     
    cmq ci sono forti dubbi che un contratto online o telefonico (mi riferisco a quello dei consensi registrati) sia valido senza una firma in calce.
    stavo rispondendo proprio ieri al topic della truffa via telefono, raccontando la mia esperienza:
    vari contratti per telefonia fissa stipulati negli ultimi 2 anni e sempre stessa prassi, vale a dire registrazione del consenso e successiva spedizione del contratto firmato che la società telefonica deve necessariamente mandarti causa decadimento del tutto. Non solo, ci vuole anche il numero di carta d'identità se non addirittura la fotocopia.
    Poi ho avuto il problema cellulari telecom. sarebbe troppo lunga da raccontare ma diciamo che mi hanno fatto uno proposta al telefono e NIENTE è stato rispettato, ho ricevuto solo fatture su fatture con costi random assurdi che non dovevano esserci e nonostante miei solleciti immediati a sistemare la cosa (ho chiesto anche l'annullamento con le penali - poi abolite dal decreto Bersani), alle pesantissime fatture (300 euri a bimestre senza usare i cell.) sono seguite solo lettere da società di recupero credito che si divertono a scaricare barile e a passarsi la pratica per complicare la cosa. Ovviamente non mi era mai arrivato alcun contratto, cosa che ha reso perplesso il mio amico avvocato.

    in tempo reale:
    nel frattempo che stavo scrivendo questo messaggio mi hanno telefonato in 3 per proporre cambi di gestore telefonico......

    mi ha anche telefonato l'amico avvocato per dirmi che la storia dei cell è a posto, tim non vuole un euro, basta che rendo i cell. (che già mi ero proposto di riportare personalmente).

    cmq... 
    la cosa è strana in primis perchè nei siti a pagamento la cosa deve essere fatta al momento, altrimenti niente accesso, anche perchè interessa poco che i dati siano veritieri, l'importante sono i soldi, e poi i tizi di tatuaggifantasy dovrebbero dimostrare troppe cose, e cioè che il vero proprietario dell'indirizzo ip ha fatto il contratto con loro e non il nome inventato,  e bisogna anche vedere se tramite l'ip possono risalire a qualche nome, non sarebbe ledere la privacy? per me la cosa è moolto furba, studiata legalmente bene. Sui contartti studiati ad hoc avrei una storia interessante da raccontare che già volevo segnalare a Striscia...........io ne sono uscito per un soffio....


  12.     Mi trovi su: Homepage #5060980
    Overmax ha scritto:
    cmq ci sono forti dubbi che un contratto online o telefonico (mi riferisco a quello dei consensi registrati) sia valido senza una firma in calce.
    stavo rispondendo proprio ieri al topic della truffa via telefono, raccontando la mia esperienza:
    vari contratti per telefonia fissa stipulati negli ultimi 2 anni e sempre stessa prassi, vale a dire registrazione del consenso e successiva spedizione del contratto firmato che la società telefonica deve necessariamente mandarti causa decadimento del tutto. Non solo, ci vuole anche il numero di carta d'identità se non addirittura la fotocopia.
    Poi ho avuto il problema cellulari telecom. sarebbe troppo lunga da raccontare ma diciamo che mi hanno fatto uno proposta al telefono e NIENTE è stato rispettato, ho ricevuto solo fatture su fatture con costi random assurdi che non dovevano esserci e nonostante miei solleciti immediati a sistemare la cosa (ho chiesto anche l'annullamento con le penali - poi abolite dal decreto Bersani), alle pesantissime fatture (300 euri a bimestre senza usare i cell.) sono seguite solo lettere da società di recupero credito che si divertono a scaricare barile e a passarsi la pratica per complicare la cosa. Ovviamente non mi era mai arrivato alcun contratto, cosa che ha reso perplesso il mio amico avvocato.

    in tempo reale:
    nel frattempo che stavo scrivendo questo messaggio mi hanno telefonato in 3 per proporre cambi di gestore telefonico......

    mi ha anche telefonato l'amico avvocato per dirmi che la storia dei cell è a posto, tim non vuole un euro, basta che rendo i cell. (che già mi ero proposto di riportare personalmente).

    cmq... 
    la cosa è strana in primis perchè nei siti a pagamento la cosa deve essere fatta al momento, altrimenti niente accesso, anche perchè interessa poco che i dati siano veritieri, l'importante sono i soldi, e poi i tizi di tatuaggifantasy dovrebbero dimostrare troppe cose, e cioè che il vero proprietario dell'indirizzo ip ha fatto il contratto con loro e non il nome inventato,  e bisogna anche vedere se tramite l'ip possono risalire a qualche nome, non sarebbe ledere la privacy? per me la cosa è moolto furba, studiata legalmente bene. Sui contartti studiati ad hoc avrei una storia interessante da raccontare che già volevo segnalare a Striscia...........io ne sono uscito per un soffio....
       Aspetta però, il contratto telefonico è un'altra cosa. Li si parla di un contratto verbale che per la legge non ha valore. Qui il contratto non è verbale, l'ID del tuo PC vale come firma digitale e i click sulle svirgolette sono vincolanti quando le metti come accettazione e presa visione. C'è una normativa specifica per i contratti stipulati via Internet, la cerco e la posto.
    Altrimenti neanche i bid su ebay non sarebbero un contratto, dato che non firmi nulla, ma invece lo sono, perchè quando ti iscrivi ad ebay accetti il fatto che essi lo siano e per legge sei vincolato alla tua accettazione.

    E ti devo correggere su una cosa. Non sono i tizi di Tatoofantasy a dover dimostrare che eri tu ad aver accettato, ma il contrario, ossia tu a non averlo fatto, perchè l'ID risulta il tuo.
    Se tu presti l'auto intestata a te ad un amico e questo passa col rosso la multa arriva a te come intestatario e sei tu a dover dimostrare che non eri al volante e chi invece ci stava.
    Se trovano vicino ad un cadavere le scarpe tue, sei tu a dover dimostrare che non eri sulla scena del delitto, non loro.
    L'onere della prova spetta a chi si deve difendere se l'accusa ha in mano degli elementi per accusare, e che a te piaccia o no la firma digitale di un PC vale come elemento probatorio.
    Se ti trovano delle foto pedopornografiche sul PC ti arrestano, poi sei tu a dover dimostrare di non averle scaricate tu.

  Aiuto "legale" su sito strano a pagamento

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina