1. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #5076927
    Si parla di Massimo Maria Berruti, consulente Fininvest ed ex ufficiale
    della Guardia di Finanza.
    testuale
    "...intanto fa carriera alla Fininvest, diventando supervisore delle
    società estere del gruppo e responsabile dei contratti dei calciatori
    del Milan. Compreso quello di Gianluigi Lentini, il campione piemontese
    passato nella primavera del '92 dal Torino al club rossonero.
    Un'operazione che costerà a Berruti, al presidente Berlusconi e al vice
    presidente Adriano Galliani un processo per falso in bilancio: secondo
    l'accusa, accanto ai 18 miliardi e mezzo sborsati ufficialmente dal
    Milan, c'era anche un cospicuo conguaglio in nero. Circa 10 miliardi
    usciti dalle casseforti estere del Biscione, mai riportati in
    contabilità e finiti nelle tasche del presidente granata Gianmauro
    Borsano.Visto che la trattativa avviene nel periodo in cui il
    calciomercato è rigorosamente vietato, il Milan paga in nero; ma teme
    che, al momento di ufficializzare la cessione di Lentini, Borsano si
    tiri indietro. Pretende una garanzia e ottiene in "pegno" il pacchetto
    azionario del Torino. Così Berlusconi si ritrova in mano due squadre di
    serie A, teoricamente concorrenti: Milan e Torino. Il conflitto
    d'interessi è clamoroso, ma la cosiddetta giustizia sportiva fa finta di
    nulla. Di tutt'altro parere è la procura di Milano, che eredita
    l'inchiesta sui bilanci del Milan, per competenza territoriale, dai
    colleghi di Torino. Agli atti finiscono le dichiarazioni di Borsano.
    Questi spiega di aver trattato la cessione di Lentini esclusivamente con
    Galliani. Il quale lo aveva però rassicurato "circa la piena adesione di
    Silvio Berlusconi a questo progetto". Tutti gli imputati, da Berlusconi
    a Galliani a Dell'Utri, vengono rinviati a giudizio per falso in
    bilancio. Il processo inizia il 16 giugno 2000, ma non arriverà mai in
    porto. Tutto in prescrizione grazie alla "riforma" del falso in bilancio
    , imposta dal premier imputato Berlusconi e votata dallo stesso imputato
    Berruti ( nel frattempo promosso deputato )."
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  2.     Mi trovi su: Homepage #5077000
    beppojosef ha scritto:
    Si parla di Massimo Maria Berruti, consulente Fininvest ed ex ufficiale
    della Guardia di Finanza.
    testuale
    "...intanto fa carriera alla Fininvest, diventando supervisore delle
    società estere del gruppo e responsabile dei contratti dei calciatori
    del Milan. Compreso quello di Gianluigi Lentini, il campione piemontese
    passato nella primavera del '92 dal Torino al club rossonero.
    Un'operazione che costerà a Berruti, al presidente Berlusconi e al vice
    presidente Adriano Galliani un processo per falso in bilancio: secondo
    l'accusa, accanto ai 18 miliardi e mezzo sborsati ufficialmente dal
    Milan, c'era anche un cospicuo conguaglio in nero. Circa 10 miliardi
    usciti dalle casseforti estere del Biscione, mai riportati in
    contabilità e finiti nelle tasche del presidente granata Gianmauro
    Borsano.Visto che la trattativa avviene nel periodo in cui il
    calciomercato è rigorosamente vietato, il Milan paga in nero; ma teme
    che, al momento di ufficializzare la cessione di Lentini, Borsano si
    tiri indietro. Pretende una garanzia e ottiene in "pegno" il pacchetto
    azionario del Torino. Così Berlusconi si ritrova in mano due squadre di
    serie A, teoricamente concorrenti: Milan e Torino. Il conflitto
    d'interessi è clamoroso, ma la cosiddetta giustizia sportiva fa finta di
    nulla. Di tutt'altro parere è la procura di Milano, che eredita
    l'inchiesta sui bilanci del Milan, per competenza territoriale, dai
    colleghi di Torino. Agli atti finiscono le dichiarazioni di Borsano.
    Questi spiega di aver trattato la cessione di Lentini esclusivamente con
    Galliani. Il quale lo aveva però rassicurato "circa la piena adesione di
    Silvio Berlusconi a questo progetto". Tutti gli imputati, da Berlusconi
    a Galliani a Dell'Utri, vengono rinviati a giudizio per falso in
    bilancio. Il processo inizia il 16 giugno 2000, ma non arriverà mai in
    porto. Tutto in prescrizione grazie alla "riforma" del falso in bilancio
    , imposta dal premier imputato Berlusconi e votata dallo stesso imputato
    Berruti ( nel frattempo promosso deputato )."
      Vedi Beppone...La colpa di tutto ciò...e di tanto altro...Mica è dei Ladroni intelligenti che fanno i loro interessi...e son talmente bravi a farli che li trasformano in leggi dello Stato...

    La colpa è dei milioni di ottusangoli che hanno votato i Ladroni...e che continueranno a farlo imperterriti :DD

  Parlando di lentini

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina