1.     Mi trovi su: Homepage #5081208
    Oggi parliamo di plagio accademico, cori contro Balotelli, professionisti ingordi e cemento (male) armato. I fili italiani sono sottili e tenaci: trovarli è possibile, tagliarli troppo faticoso. Cominciano dalle università. A differenza di quelle inglesi o francesi, sono sprovviste di software di rilevamento del plagio. Secondo la società Six Degrés, che ha condotto una ricerca su 2.000 atenei e istituti, il 50% delle tesi contengono più del 5% di similitudini da Internet. Traduzione: metà degli studenti copia. Alle superiori, l'84% delle tesine dell'ultimo anno sono del tutto o in parte copiate. Voi direte: segreto di Pulcinella. D'accordo: ma il plagio è vietato, talvolta è reato. In molti Paesi, Usa in testa, l'azione è giudicata grave e disonorevole. Uno studente sorpreso a copiare è punito severamente, talvolta espulso. Forse perché al liceo ho peccato, non mi sento d'essere troppo severo. Ai tempi, però, si trattava di una soffiata o una sbirciata. Oggi si copia su scala industriale. Perché fare una ricerca se si può fare copia-incolla da Wikipedia? Alla stessa conclusione, devo dire, arrivano anche valenti colleghi — e sedici anni non li hanno più da un pezzo.
    All'università le colpe sono più gravi, e non nuove. Anche prima del Web le facoltà erano consapevoli della compravendita delle tesi: il ragazzotto ricco e pigro acquistava dal bravo studente, desideroso di guadagnare. Gli studi professionali d'Italia sono pieni di questi campioni (hanno appena alzato gli occhi dal giornale/ schermo, sperando che nessuno li abbia visti arrossire). Tranquilli: niente prediche, in Italia sono fiato sprecato. Dico solo che esiste una regola (acquistare la tesi è vietato), da tutti ignorata.



    Lo stesso meccanismo opera in altri campi. L'evasione fiscale, in cui intere categorie sguazzano, guadagnando 200 e dichiarando 30 (se dicessi quali scatterebbe l'indignazione piagnucolosa, e magari la querela). Gli appalti pubblici, dove si viene pagati per fare qualcosa, e si fa molto meno, in molto tempo, con materiali molto scadenti (poi arriva il terremoto, e salta fuori l'inghippo). Un amico mi ha spiegato perché i contratti di pulizia e manutenzione con enti pubblici sono tanto ambiti: ci si fa pagare il massimo e si spende il minimo, riducendo il numero di interventi e ingaggiando extracomunitari in nero. Tanto, chi controlla? E Balotelli? dirà chi ha letto fin qui sperando in una bella polemica Inter-Juve. Be', gli gridano «Negro di merda!» in tutti gli stadi d'Italia. A casa mia questo si chiama razzismo, e del peggiore. Invece, una volta ancora, si tende a far finta di niente, a far passare un reato per un vezzo, una schifezza per un'indelicatezza. Dite un po', fratelli d'Italia: voi vi sentite orgogliosi? Io non tanto.
    Beppe Severgnini
    21 aprile 2009
    fonte: http://www.corriere.it/cronache/09_aprile_21/Italiani_vittime_sbaglian_severgnini_beppe_e660211a-2e33-11de-8b9e-00144f02aabc.shtml
    L'uomo equilibrato è un pazzo. C. Bukowski
  2.     Mi trovi su: Homepage #5081220
    Al Politecnico di Milano, che secondo le statistiche dovrebbe essere la migliore universitä italiana (nel mio campo), posso affermare che tranne quei 5-6 geni che ci sono in ogniclasse (quelli che prendono tutti 30) tutti gli altri studenti almeno una volta hanno copiato all'esame. Se ti sgamano a copiare (successo a un mio compagno) ti ritirano i bigliettini e forse forse ti bocciano a quellésame, poi xö puoi sempre prendere 27 all'appello successivo copiando un pö meglio.
    Alla Helsinki University of Technology se ti sgamano a copiare ti espellono dall'universitä x sempre e nn ci sono caxxi. Hanno ovviamente i software x controllare, ma cmq se anche fai un fiato all'esame ti ritirano il compito e ti sbattono fuori. A me é successo di parlare con un mio socio, verso la fine dell'esame scritto, gli ho chiesto se aveva finito e se voleva andare a pranzo in quel momento...beh ci hanno sgamato a parlare e ci hanno fatto uscire, avendo chiaramente udito l'argomento della conversazione, ma ciononostante e solo dopo due settimane e due colloqui, dopo che aveano minuziosamente analizzato i risultati dell'esame e appurato che non ci fossero analogie hanno accettato di farci passare il corso, ma solo xché eravamo stranieri.
    "Xchè? Xchèèè? 3-1, 3-2, 3-3 !!!"

  Gli italiani che sbagliano e fanno le vittime

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina